VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
venerdì 30 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




16/04/2020 - Vercelli Città - Enti Locali

TRIPPA PER I GATTI / 618 - Hanno surclassato i loro predecessori (i più recenti, non loro stessi) - Il futuro del Coperchio è affidato alle fortune del baretto pizzeria - Dalla ristorazione attesi ricavi pari al 90 % di quelli della piscina

Il diavolo fa il coperchio e anche la pizza -






TRIPPA PER I GATTI / 618 - Hanno surclassato i loro predecessori (i più recenti, non loro stessi) - Il futuro del Coperchio è affidato alle fortune del baretto pizzeria - Dalla ristorazione attesi ricavi pari al 90 % di quelli della piscina

L’Assessore al Bilancio del Comune di Vercelli, Luigi Michelini, nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale (febbraio) è stato chiaro: l’idea di costruire due piscine coperte, uguali, di 25 metri, una a pochi metri dall’altra, non è stata un’idea geniale.

Si affida ad un sapiente eufemismo, allusivo e, ad un tempo, assai eloquente.

Non è stata un’idea geniale: intenda chi può.

Effettivamente, l’ormai famoso “coperchio” al Centro Nuoto è stato commentato in ogni modo.

Correggere il tiro, cambiare strada, tornare indietro e pensare a qualcosa di serio per la riqualificazione delle piscine comunali era stato, peraltro, un impegno del programma elettorale del candidato Sindaco Andrea Corsaro.

Poi – e sì che sono Avvocati – una volta tornati a comandare a Palazzo Civico, Corsaro e Michelini si sono accorti che risolvere il contratto stipulato due giorni prima delle Elezioni di Maggio con le Imprese De Vivo e Nuovo Civ, avrebbe comportato esporsi ad una penale di circa 350 mila euro da parte del Comune.

Penale che è di Legge e, perciò, come abbiano potuto, due Avvocati, pensare ad altro per tutta la campagna elettorale, questo lo vorranno, se crederanno, spiegare loro.

Per quello che ne possiamo sapere noi, secondo la nostra personale sensibilità umana, prima ancora che commerciale, ci sarebbero state ulteriori conseguenze sgradevoli.

La prima, il geom. Bertolone del Nuovo Civ, avrebbe avuto un dispiacere.

La seconda, forse anche Fratel Marco Ciocca, avrebbe provato dispiacere.

Con che cuore, quindi, ci si sarebbe potuti augurare la risoluzione di quel contratto?

***

Ma, a parte le questioni sentimentali, le riserve di carattere tecnico restano tutte, sicchè – condividendo il giudizio dell’Assessore – si potrebbe concludere che, se si stilasse una classifica mondiale delle idee poco geniali, quella del Coperchio al Centro Nuoto, voluto dalla Giunta di Maura Forte, occuperebbe il piazzamento d’onore, il secondo posto.

E uno potrebbe chiedersi: ma perché il secondo posto e non il primo?

Perché il primo posto, il gradino più alto del podio, l’idea in assoluto meno geniale a livello planetario è proprio quella di insistere con il Coperchio.

Quando, così facendo, tanti tuoi elettori si sentono traditi. Perchè non va dimenticato che - inguaribili creduloni: forse dando fiducia al programma elettorale - tanti elettoriobtortocollo di Andrea Corsaro avevano dato un mandato chiaro. Non quello di valutare "se" risolvere o no il contratto del Coperchio. Ma quello di risolvere senz'altro quel contratto, nel modo meno sconveniente per il Comune e poi di ripartire con cose serie.

Soprattutto, procuri un onere economico (come vedremo poco oltre) al Comune per i prossimi 15 anni.

E, inoltre, condanni la città ad avere una vasca priva di tribune, quindi a priori nell’impossibilità di ospitare manifestazioni agonistiche.

Mentre rimediare a tutto ciò ti sarebbe costato solo la penale di 350 mila euro.

E questa, appunto, è l’idea che a molti pare a buon diritto concorrere per il titolo iridato di idea meno geniale in assoluto, a livello mondiale.

***

Cose già dette, fatti loro.

Oggi appare all’Albo Pretorio on line del Comune il famoso piano economico finanziario che è la base “logica” sulla quale immaginare il futuro equilibrio economico della gestione.

Quindi la struttura della concessione al Gestore privato.

Insomma: il Coperchio, la gestione annuale della piscina, sarà un costo per il Comune?

Vediamo subito che la risposta è sì: 22 mila euro l’anno di contributo, dal terzo anno in poi.

Qualcosa in più per i primi due anni, per partire.

Fanno complessivamente un po’ più di 400 mila euro: come la penale se si fosse risolto il contratto. 

Clicca qui per leggere la delibera di Giunta, integrale -


***

Il Lettore può leggere direttamente gli elaborati 


cliccando qui per il piano economico della piscina -

e cliccando qui per quello del bar ristorante –


Tante teste, tante idee.

Soprattutto, per quanto riguarda il primo documento, nessuno oggi può realisticamente dire come riprenderanno queste attività passato il periodo di emergenza sanitaria, di conseguente, prevedibile depressione (si spera breve) economica.

Ma – a prima vista – il possibile conto economico della gestione, per quanto riguarda la gestione propria, la piscina con le attività natatorie e complementari, sembra tutto sommato appropriato, forse anche un po’ sottostimato: 418 mila euro annui, a regìme, dal terzo anno in poi.

Ma di troppa prudenza non è mai morto nessuno, sicchè sta in piedi.

***

Poi si arriva, invece, alla parte decisamente curiosa, che espone la previsione di ricavo per la vera e propria “chicca” pensata da questa Amministrazione.

Che ha nettamente surclassato la precedente.

E non era facile.

E sì che se n’erano viste tante: dal Guru di Bergamo all’Arkystar ad Pujrin, passando per la Coni Servizietti che aveva immaginato la tendostruttura.

Senza contare le meteore d’un giorno, come quelli di Oleggio o quei paraggi.

Poi quelli che volevano abbattere Via Prati.

Poi quelli che volevano fare il coperchio, ma sull’Enal, dimenticandosi che tutto il compendio, ma soprattutto l’unica vasca da 33 metri rimasta in tutto il Piemonte, è bene tutelato dalla Soprintendenza dei Beni Architettonici e Storici.

Poi si sono viste le astuzie dell’appalto misto: trovi il Costruttore e fai scegliere a lui il Gestore; così non corri il minimo rischio.

***

Ma tutte queste cose sono niente, rispetto alla trovata della Giunta di Andrea Corsaro.

Che, candidamente, poggia il futuro del Coperchio su questo saldo presupposto economico.

Il ristorantino bar avrà (dovrebbe avere) circa 375 mila euro di ricavi l’anno: più o meno il 90 per cento dei ricavi della piscina.

Come farà?

Lo ha – sempre nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale – anticipato l’Assessore alle Piscine e Vice Sindaco, Massimo Simion.

Dice il Vice Sindaco: perché contiamo che questo ristorante abbia la pizza più buona, il bar abbia i gelati migliori.

La pizza potrebbero venire a mangiarla da fuori (Morano sul Po? Granozzo con Monticello? Candelo?) e il gelato da tutta la città.


Clicca qui per lo streaming del Consiglio Comunale

Con buona pace di Gelatomomania, che si fa un mazzo così per fare i gelati artigianali migliori (a modesto avviso di chi scrive) di tutta Vercelli.

Uno prende la macchina, la moto, la bici e va fino in Via Baratto per il gusto di mangiarsi il gelato della piscina.

E traaaan (come avrebbe detto Totò all’On. Trombetta) Gelatomania si vedrà surclassata.

***

Insomma, se abbiamo capito bene (e se abbiamo capito male accettiamo volentieri tutte le rettifiche del caso) la piscina andrà avanti grazie al fatto che il baretto - ristorante - pizzeria avrà introiti per 375 mila euro l’anno. 

Il conto è presto fatto: dalla gestione della piscina, si attende una perdita annua di circa 21 mila euro. 

Da quella del baretto ristorante, invece, un utile annuo di circa 27 mila euro l'anno.

Ma per realizzare il baretto ristorante che sarebbe l'unica attività redditizia, un Gestore deve prima investire circa 350 mila euro per costruirlo. 

Come abbiamo detto, se ci siamo sbagliati siamo lieti di ricevere rettifiche da chi ha letto meglio.

Che dire?

Chi vivrà, vedrà.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

centro nuoto

coperchio

vercelli

provincia di vercelli

piscine

guido gabotto


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it