VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
22 July 2018 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




Dettaglio News
02/01/2018 - Vercelli Città - Politica

TRIPPA PER I GATTI / 450 - Caso dell'Operante di Croce Rossa ingiuriato - Il fenomeno è "pre" politico - Sovvengono in aiuto le Leggi fondamentali della stupidità del Prof. Carlo M. Cipolla

Con il comunicato ufficiale di Croce Rossa Italiana



TRIPPA PER I GATTI / 450 - Caso dell'Operante di Croce Rossa ingiuriato - Il fenomeno è "pre" politico - Sovvengono in aiuto le Leggi fondamentali della stupidità del Prof. Carlo M. Cipolla
Carlo M Cipolla


Il Comunicato diramato nelle scorse ore dal Comitato locale della Croce Rossa Italiana, contribuisce a collocare nella appropriata dimensione il caso che ha visto un Socio del Movimento fondato da Ferdinando Palasciano, sporgere querela per ingiurie nei confronti di un politico.

***

I fatti si riferiscono a (presunti, occorre dirlo, poichè non sono accertati in sede Giudiziaria) comportamenti di intolleranza nei confronti di un cittadino italiano, persona di colore e di provenienza nordafricana.

***

Di seguito, integrale, il comunicato di Croce Rossa.

***

La materia riguarda – è vero – un esponente politico al quale è attribuita la frase “marocchino di …” locuzione seguita dalla parola che rese celebre Cambronne.

La frase sarebbe stata rivolta ad un Operante che è – sì – Socio della Croce Rossa Italiana, ma che in quel momento è agente per conto del Servizio Sanitario Nazionale, Dipartimenti di Emergenza – Urgenza, appunto in forza al 118.

Non è forse fuori luogo, né superfluo – per esemplificare – dedicarsi all’esercizio astratto di trasferire idealmente la scena in altri contesti, tentando analogie, per rinvenire fatti idonei a permettere parallelismi eloquenti.

***

Ad esempio, immaginiamo una casa che vada a fuoco dove arrivi in soccorso un Vigile del Fuoco di colore.

Che potrebbe trovare un pericolante iroso e magari capace di indicare siti non conferenti ove spingere il naspo.

Oppure immaginiamo il teatro di una rapina in banca, se intervenisse nel conflitto a fuoco tra Forze dell’Ordine e banditi, un ipotetico Poliziotto di altra etnia, per sentirsi apostrofare da un cliente della banca il quale, prima ancora che impaurito per la severa circostanza, fosse indispettito dal fatto che ad impugnare la pistola fosse un conterraneo di Moses Hightower come in “Scuola di Polizia”

 

 

Il Poliziotto potrebbe sentirsi dire qualcosa come: sono il Padano Tal dei Tali e tu quella pistola te la puoi ficcare …

***

La materia, quindi, va – a nostro modesto avviso – in primo luogo traguardata secondo le categorie che ha illustrato efficacemente nel proprio Saggio “Allegro, ma non troppo” dato alle stampe nel 1988, il notissimo, ma mai abbastanza conosciuto e celebrato Prof. Carlo M. Cipolla, Storico dell’ Economina, con riguardo particolare alla Sezione del Volume che cerca di mettere a sistema le “Leggi Fondamentali della Stupidità Umana”.

Leggi anche:

http://www.giovis.com/cipolla.htm

***

Perché forse non è così peregrino il punto di vista che colloca i fatti entro un ambito di incubazione suscettibile di essere definito come “pre – politico”.

Uno dei corollari delle Leggi del Prof. Carlo M.Cipolla è – tentiamo di riassumere – che, comunque si voglia segmentare la società (es.: persone comprese tra 40 e 60 anni; persone con istruzione elementare, o media superiore, o altresì universitaria; residente in una determinata area geografica oppure in un’altra; appartenenti ad uno oppure ad un altro partito politico… e si potrebbe continuare) la percentuale di stupidi in ogni singolo segmento è esattamente identica.

***

Le persone convinte che le Leggi messe a tema dal Prof. Cipolla siano attendibili, non provano dunque meraviglia alcuna nel misurarsi con riscontri eventuali di come anche il segmento sociale rappresentato dai “Soci della Lega Nord” non sfugga a tale evidenza, né capacità pervasiva e di penetrazione della categoria “stupidi”.

Proprio perché la radice del fenomeno affonda nel terreno “pre – politico” e, a fortiori, nel pre – razziale.

***

Ecco dunque il Comunicato diramato da Croce Rossa Italiana.

Come riportato recentemente da più Testate giornalistiche, un nostro Socio ha presentato nei giorni scorsi una denuncia per ingiurie che gli sarebbero state rivolte durante un servizio di trasporto effettuato nella notte tra il 19 e il 20 dicembre sotto l’egida del Dipartimento territoriale di emergenza/urgenza 118.

È per noi doveroso, innanzitutto, testimoniare tutta la vicinanza e solidarietà al nostro Socio, del quale confermiamo la professionalità e l'umanità.

Intendiamo condannare ogni comportamento che rechi offesa inerente etnie, religioni, convinzioni politiche e connotazioni personali, come sancito dalle più basilari regole di convivenza civile, nonché dagli stessi principi che sono alla base del Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

Croce Rossa Italiana è un'Istituzione indipendente dai pubblici poteri, che opera nel rispetto più totale dell'individuo in quanto tale.

Per questo motivo è nostra intenzione dichiarare la nostra assoluta neutralità e dichiararci estranei a qualsiasi azione atta alla strumentalizzazione politica sul partito di appartenenza del querelato e sulla carica che quest’ultimo rappresenti.

Croce Rossa Italiana
Comitato di Vercelli

 

      

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
VercelliOggi.it - Network ©
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it