VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
lunedì 1 marzo 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




19/12/2012 - Vercelli Città - Enti Locali

TRIPPA PER I GATTI / 125 - Se quattro stipendi vi sembran troppi, provate voi a lavorar... - Il caso del poliedrico Dirigente comunale Silvano Ardizzone, che ora si contenta di tre incarichi: piccato, ha lasciato l’Atc

Il caso di Massimo Simion sarebbe solo la punta, meno pungente, dell’iceberg - Ci sono impiegati pubblici che fanno impallidire, quanto a capacità di destreggiarsi tra una poltrona e l’altra, persino l’Innominabile



TRIPPA PER I GATTI / 125 - Se quattro stipendi vi sembran troppi, provate voi a lavorar... - Il caso del poliedrico Dirigente comunale Silvano Ardizzone, che ora si contenta di tre incarichi: piccato, ha lasciato l’Atc
Quando si dice farsi in quattro per la pagnotta

Ben venga, dicono ambienti vicini a Massimo Simion, nel mirino del Consigliere regionale di Sinistra Ecologia e Libertà, Monica Cerutti, l’interrogazione al question time in Regione.

Occasione per chiarire come stiano le cose negli uffici amministrativi dell’Atc, l’ex Istituto Autonomo Case Popolari.

Anzitutto, bisogna sapere che fino al 2010 i conti dell’Ente erano perfettamente tenuti in ordine dai dipendenti degli Uffici, coordinati da una figura cardine, Claudio Di Marino.

Un brutto (o bel, dipende dai punti di vista) giorno, il Dott. Di Marino ha una opportunità di lavoro che gli consente di tornare a Genova, propria città d’origine.

Da quel momento l’ufficio non ha praticamente più un responsabile e qualche arretrato si accumula.

In Consiglio di Amministrazione si pensa di affidare una consulenza ad un funzionario esterno.

E qui si crea il caso.

Perchè l’incarico viene affidato al Ragioniere Capo del Comune di Vercelli, Dott. Silvano Ardizzone.

Nulla di nuovo sotto il sole: si è sempre usato che, allorquando una Pubblica Amministrazione avesse avuto bisogno di una collaborazione tecnica da parte di un Funzionario appartenente ad altra Amministrazione, si ricorresse alla soluzione del “comando”. Temporaneo, parziale, a tempo pieno: variava in ragione delle necessità e della disponibilità del Tecnico.

Per un certo periodo o per alcune ore al giorno, il funzionario lascia il proprio ufficio, le proprie incombenze e va a lavorare dall’altra parte.

Dall’altra parte rimborsano l’Ente di provenienza di questo costo.

Così sono sempre andate le cose quando tutto girava bene.

Del resto, un Dirigente come Ardizzone prende dal Comune di Vercelli una retribuzione lorda annua di 90 mila euro che, se ad essa si sommano i contributi, vuole dire che da Piazza Municipio si sborsano circa 10 mila euro al mese per l’opera del Ragioniere Capo.

Logico attendersi che questi, consapevole del costo ed eventualmente anche del valore della propria opera, non si dia requie un attimo: lavori come un forsennato tutto il santo giorno; si “porti a casa” il lavoro, almeno quanto a pensieri che ti inseguono anche nei fine settimana.

Così che, eventualmente, uno per toglierseli, questi pensieri, magari va a lavorare anche qualche sabato mattina, che non ha mai fatto morire nessuno.

Invece pare proprio che le arie siano molto cambiate, dalla Prima alla Seconda Repubblica.

Perché si viene a sapere che l’incarico all’Atc di Ardizzone era retribuito a parte.

Circa 15 mila euro l’anno che non venivano versati al Comune, ma al diretto interessato.

Ma non finisce qui.

Perché Ardizzone è stato anche nominato Direttore Generale reggente dell’Azienda Farmaceutica Municipale.

E qui si dirà: ma un Direttore Generale, come fa a fare il proprio lavoro fuori da un orario d’ufficio?

E chi lo sa?

Fatto sta che, anche dalla Farmaceutica, si sborsano circa 2 mila euro al mese che non sono versati al Comune, ma allo stesso Ardizzone.

Iperattivo e poliedrico, il Dirigente si fa carico anche della Amministrazione del Co.ve.var. il Consorzio obbligatorio per la raccolta rifiuti in provincia di Vercelli e anche qui si c’è naturalmente un’indennità.

Che però, come tante cose del Covevar, non si riesce immediatamente a conoscere a quanto ammonti.

Insomma, se si fanno i conti sul 2011 – 2012, emerge che, Covevar escluso, Ardizzone avrebbe percepito qualcosa come 130 mila euro l’anno lordi.

A questo punto, quelli che se la prendono con i politici per i doppi e tripli incarichi, che lamentano come tanti giovani qualificati, laureati, professionisti all’inizio del proprio percorso professionale, siano ingiustamente tenuti lontani dalle opportunità di mettersi in gioco, alla prova, dovrebbero ampliare un po’ l’orizzonte indagato.

Ma torniamo all’Atc.

Perché pare proprio che la prima sostituzione del rimpianto Dott. Di Marino non abbia dato i frutti sperati.

Tanto è vero che le cose, quanto a tenuta dei conti, non è che cambino poi molto. E c’è da crederci: oberato com’è di incarichi, come si può pensare che Ardizzone possa cantare e portare la croce?

Il Collegio Sindacale dell’Atc è così costretto, in più di una occasione, a lamentare – ad esempio – che le proprie riunioni non possono svolgersi disponendo di tutta la documentazione richiesta e così le sedute devono essere aggiornate. I verbali sono chiari e la situazione, non in un solo caso, è anche oggetto di referti dei Sindaci al Consiglio di Amministrazione.

E così si arriva alla nomina di Simion che, peraltro, consegue ad un avviso pubblico.

Ma non si tratta di un indolore passaggio del testimone.

L’incarico di Ardizzone sarebbe infatti andato a scadenza alla fine del 2012, mentre quello a Simion ha avuto inizio a settembre.

Ma ad un certo punto Silvano Ardizzone decide di andarsene: la compagnia del santhiatese – dicono - non gli sarebbe gradita e gli sembra di essere stato messo da parte.

Ma va detto che su Massimo Simion c'è un vero e proprio coro di consensi: pare che lavori molto e che i conti siano di nuovo aggiornati.




Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it