VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
giovedì 6 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




23/05/2012 - Torino - Economia

TORINO - Borse di studio - Federico Gregorio, Lega Nord: "La meritocrazia nel sostegno allo studio farà crescere la qualità"

La regione approva i nuovi criteri per l’erogazione delle borse di studio, introdotta la media del 25, confermate le agevolazioni per gli studenti in regola con il numero di esami.




TORINO - Borse di studio - Federico Gregorio, Lega Nord: "La meritocrazia nel sostegno allo studio farà crescere la qualità"
Federico Gregorio



“Con il concetto di meritocrazia che introduce la media del 25 per l’assegnazione delle borse di studio si raggiunge l’obbiettivo di far crescere la qualità dei nostri laureati. Chiunque si informi può scoprire come nel mondo le borse di studio vadano solo ai più bravi e non a tutti coloro che ne fanno richiesta. E anche da noi deve essere così”. E’ il commento del Consigliere regionale della Lega Nord

Federico Gregorio alla riforma approvata in commissione sui criteri di concessione delle borse di studio.  “Basta con il concetto del ‘6 politico’ e del ‘tutto spetta a tutti’ – ha aggiunto Gregorio –, per fare il salto di qualità abbiamo il dovere di supportare le menti migliori per il Piemonte, per le nostre aziende, per la nostra società di domani. E le menti migliori si coltivano anche ponendo degli obbiettivi, come ad esempio la media di 25/30 all’Università per avere la borsa di studio. ’ un concetto chiaro, da buon padre di famiglia, difficilmente confutabile. Il sostegno pubblico a chi studia deve andare a chi veramente lo merita, a chi si impegna. Questi fondi non possono più essere considerati una sorta di contributo a pioggia a cui si ha diritto per il solo fatto di essere iscritti all’Università. Il significato vero delle borse di studio è proprio quello di sostenere chi ha realmente bisogno e dimostra di possedere potenzialità che puntano all’eccellenza”. 

Dall'anno accademico 2012/2013, oltre al numero di esami sostenuti, per ottenere la borsa di studio in Piemonte sarà necessario anche conseguire la media di 25/30. E' una delle novità contenute nei bandi per l'erogazione delle borse di studio illustrati oggi dall'assessore regionale ai Rapporti con l’Università, Elena Maccanti, in VI Commissione consiliare, che ha poi espresso parere favorevole a maggioranza. Le agevolazioni minime, che consistono nell'erogazione dei pasti gratuiti, nell'esenzione dalla tassa universitaria e nell'accesso ai servizi Edisu, rimarranno invece per tutti gli studenti ritenuti idonei, in regola con il numero richiesto di esami sostenuti. "I criteri del nuovo bando - spiega Elena Maccanti - sono il frutto di un lungo confronto con gli Atenei e con gli studenti, approfondito in sede di tavoli tecnici, con l'obiettivo, anche a fronte di una riduzione degli stanziamenti regionali e statali, di valorizzare il più possibile il merito contenendo il fenomeno della dispersione. Sappiamo che la media del 25 non vede completamente soddisfatti gli Atenei, che temono disparità all'interno delle singole facoltà, e alcune componenti studentesche, che comprensibilmente avrebbero preferito non limitare la platea degli aventi diritto, ma oggi è indispensabile andare sempre più con coraggio nella direzione della valorizzazione del merito. La soglia della media del 25, del resto già prevista oggi per la conferma della borsa,  tiene conto proprio dei voti più bassi ottenuti in alcune facoltà". Per contenere il fenomeno, piuttosto diffuso, della dispersione delle borse del primo anno, la prima rata, erogata entro dicembre, scende dal 50 al 25 per cento dell'importo. Il 75 per cento verrà incassato nel mese di novembre successivo solo qualora lo studente rispetti entro agosto i requisiti di merito. “Purtroppo frequentemente la prima rata veniva persa - spiega Maccanti - ed Edisu non poteva neanche chiederne la restituzione". Confermato il premio per chi si laurea entro il  31 luglio. I nuovi criteri prevedono inoltre, in accordo con gli Atenei e con i rappresentanti degli studenti,  un aumento del valore dei servizi forniti da Edisu, che vengono adeguati a un reale valore di mercato: il posto letto sarà elevato da 1.700 euro a 2.500 euro, tenuto conto che ognuno costa ad Edisu in media 4.500 euro all’anno. Gli studenti fuori sede vincitori di borsa di studio che non possono fruire del servizio abitativo per esaurimento dei posti, avranno diritto a 2.500 euro in denaro.  Il pasto, che ha un costo effettivo per Edisu di 6 euro,  sarà adeguato da 2,50 euro a 3,50 euro. Per la prima volta, poi, la Regione riconosce le specificità dell'Università del Piemonte orientale. “La diversa composizione degli studenti che la frequentano, per lo più residenti vicino alle sedi dell’Ateneo - ha spiegato l’assessore - si riflette sui servizi di cui effettivamente riescono ad usufruire. Per questo, non potendo procedere con bandi separati, abbiamo proposto che le borse destinate al Piemonte orientale siamo maggiorate del 10%. Un segnale di attenzione che tiene conto della discrepanza tra l’importo delle tasse pagate e dei reali servizi di cui gli studenti beneficiano”. “Sta procedendo inoltre - aggiunge - il percorso di efficientamento dell’Edisu, come già annunciato, attraverso la ricognizione e la vendita del patrimonio immobiliare dell’Ente e attraverso la rinegoziazione di alcuni contratti di affitto molto onerosi”. “Grazie all’ottimo lavoro di Edisu – conclude Maccanti - il prossimo anno riusciremo ad aumentare la platea dei beneficiari delle borse di studio finalizzandole agli studenti che, benché privi di mezzi, siano capaci e meritevoli, così come sancito dalla Costituzione”.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it