VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
18 November 2018 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




Dettaglio News
13/06/2013 - Regione Piemonte - Economia

TORINO - “La montagna vuole vivere”, Coldiretti chiede lo snellimento delle procedure burocratiche - E’ importante favorire l’assegnazione degli alpeggi ai margari

Per garantire la conservazione dell’ambiente montano e la salvaguardia del territorio è necessaria la presenza umana. Di qui la necessità di garantire la vivibilità della famiglia con i servizi socio-assitenziali ai giovani, alle famiglie ed agli anziani


TORINO - “La montagna vuole vivere”, Coldiretti chiede lo snellimento delle procedure burocratiche - E’ importante favorire l’assegnazione degli alpeggi ai margari
Barone, Moncalvo, Fina e Rivarossa

Per garantire la conservazione dell’ambiente montano e la salvaguardia del territorio è necessaria la presenza umana. Di qui la necessità di garantire la vivibilità della famiglia con i servizi socio-assitenziali ai giovani, alle famiglie ed agli anziani. Passa sempre dalla presenza dell’uomo sul territorio lo sviluppo di imprese agro alimentari che producono nel rispetto delle tradizioni introducendo nelle loro imprese innovazione e tecnologia. A questo proposito si chiede alla pubblica amministrazione lo snellimento delle procedure burocratiche e la celerità nelle risposte alle richieste di intervento paesaggistico, urbanistico, economico e finanziario.  Alla pubblica Amministrazione si chiede anche una scelta di fondo:  se la salvaguardia della montagna e delle zone marginali passa attraverso la presenza delle persone , occorre che il sistema Paese dia la priorità assoluta a chi vive di montagna attraverso almeno cinque interventi di urgente necessità: mantenimento e potenziamento dei servizi alla persona anche in sinergia con consorzi socio assistenziali e associazioni di volontariato;  favorire l’assegnazione degli alpeggi ai margari ed agli allevatori veri,  evitando le speculazioni finanziarie in atto in alcune zone da parte dei comuni relativamente ai pascoli di proprietà comunale; prevedere un ritorno economico alla montagna quando sono utilizzate risorse primarie come l’acqua sia per fini civili che per la produzione di energia alternativa; favorire forme imprenditoriali di valorizzazione del paesaggio e del territorio attraverso l’agriturismo e l’enoturismo; il contenimento delle specie selvatiche che danneggiano l’agricoltura (cinghiali, cervi, caprioli, etc). La presenza dell’uomo in montagna e nelle zone svantaggiate deve essere favorita da concreti interventi sul fronte della diminuzione dei costi del lavoro. Gli oneri sociali debbono essere contenuti per rendere competitive le imprese che anche stagionalmente offrono reali possibilità di occupazione. Occorre poi una maggior sinergia tra Enti. Pare una frase fatta ma non lo è. Oggi sui territori montani del Piemonte operano una serie di soggetti  pubblico-privati ( Gal, ex comunità montane ora Unione di Comuni, parchi per la tutela ambientale, province, comuni) che necessitano di meglio interagire tra loro generando momenti sinergici positivi con le imprese agricole od operanti negli settori produttivi, si chiede pertanto l’attivazione di una maggior sinergia tra i vari Enti affinchè i loro interventi siano attuati concretamente e sinergicamente abbattendo anche le tempistiche di intervento ed autorizzative. Più in generale è necessario contenere l’espansione dei boschi di invasione (che derivano dall’abbandono, negli ultimi 50 anni, dei terreni coltivati, a causa dell’industrializzazione): i boschi di invasione sottraggono superficie coltivabile, rappresentano il primo habitat  per la diffusione di ungulati, e non rappresentano un bosco particolarmente bello e utile, né sotto il profilo produttivo (legname di scarso pregio), né sotto quello ambientale-protettivo (minor capacità di trattenere il suolo durante eventi climatici avversi). Le prospettive maggiori per la montagna passano attraverso tre principali settori sinergici ed integrati tra loro: Agricoltura, pastorizia e selvicoltura. L’ agricoltura perché dà prodotti ottenuti in ambienti particolarmente salubri; la pastorizia perché consente il benessere degli animali e la produzione di carne latte, formaggi e latticini contribuendo in maniera sensibile alla costante manutenzione del territorio; la selvicoltura come momento di gestione del patrimonio boschivo. Infine, non per questo meno importante sia dal livello comunitario che da quello nazionale e locale dovrebbero arrivare forti segnali di abbattimento dei carichi burocratici a carico di tutte le imprese e soprattutto una defiscalizzazione mirata ai giovani imprenditori che si insediano o già svolgono attività economiche nelle zone montane e marginali. La loro presenza è indispensabile per garantire il presidio del territorio e soprattutto la salvaguardia dell’ambiente.



 

VercelliOggi.it - Network ©
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it