VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 27 gennaio 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




23/11/2010 - Bassa Vercellese - Società e Costume

STROPPIANA - LE FAVOLE DI PIETRA DI ANTONIA VASINO

Antonia Vasino Ferraris ha la passione per i sassi. Con loro crea storie senza tempo.




STROPPIANA - LE FAVOLE DI PIETRA DI ANTONIA VASINO
Antonia Vasino Ferraris

(Sarah Trevisan) - A volte, nelle rive di un fiume o nelle strade “bianche” che intrecciano le campagne, si può nascondere un mondo fantastico tutto da scoprire. Com’è possibile? Basta raccogliere un sasso. Nelle screziature che lo contraddistinguono si può celare un’espressione o ci può ricordare un qualcosa di “fatato”. Chi non ha fantasia, non può ritrovarsi nello stile artistico che è stato descritto, e pertanto deve assolutamente vedere una mostra di Antonia Vasino Ferraris, 72 anni, stroppianese. Quella che per tutti può essere una semplice passeggiata bucolica, per Antonia  è un momento in cui può raccogliere i “suoi” magici ciottoli. Una volta arrivata a casa, li pulisce e li osserva. «Vedo quello che mi regala la natura –ammette- e sulla base di quello comincia la classificazione, che dipende da molti fattori come forma, colore, superficie.  In base a come giro la pietra, posso valutare cosa diventerà con l’aiuto della colla.  È la pietra stessa a suggerirmelo. E così, mentalmente, si raffigura una storia da creare». Antonia ha al suo attivo circa 15 mostre e si dedica da oltre 14 anni a questa sua passione. Le sue storie, prendono vita in modo spontaneo. In men che non si dica, si può essere catapultati a Nocilandia, il paese dove tutti hanno un copricapo a forma di noce, oppure, si può finire nella Moscarola, il condominio che prende il nome dal conservatore di alimenti che Antonia usava nel periodo della giovinezza. «Se ho spazio in eccesso, ovvero 20 metri e più, mi immagino scenette e teatrini. Con le pigne gli alberi, do vita ad un parco giochi, o ad una sala da ballo». Nell’ultima rassegna a cui ha presenziato, l’artista ha realizzato una novità esclusiva, che ha lasciato piacevolmente sbalorditi i visitatori: «Ho tramutato i sassi in sciatori buffi (che ho chiamato “tabalori”) e con lo scaldaletto sono riuscita a ricreare uno slalom». Poi, tra gli atleti in pista, c’era anche qualcuno che si era fatto male e veniva portato via in barella. Altri che si allontanavano in motociclette “particolari”. Insomma, ogni angolo racchiudeva una fiaba originale e meravigliosa. Specifica poi: «Ho la passione per i sassi. Mi piace osservarli e scoprire cosa nasce da loro». Ovviamente, le opere di Antonia sono rarità che non hanno prezzo, perché racchiudono un amore inestimabile e quindi specifica: «Non vendo le mie creazioni, posso regalarle, come ho già fatto in passato, anche se con un po’ di dispiacere perché è come dare via una parte di me».

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it