VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
venerdì 4 dicembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




26/07/2012 - Valsesia e Valsessera - Politica

SERRAVALLE SESIA - Marco Avondo contro l’incremento dell’Imu per le seconde case e dell’addizionale Irpef

"Questo colpirà soprattutto le famiglie e dimostra come la gestione del Comune di Serravalle non abbia mantenuto nel tempo la necessaria capacità di adattamento"




SERRAVALLE SESIA - Marco Avondo contro l’incremento dell’Imu per le seconde case e dell’addizionale Irpef
Marco Avondo

 



Nei prossimi giorni, saranno affissi manifesti nei quali il nostro gruppo spiega e ribadisce quale sia stata la posizione rispetto al bilancio di previsione nel quale il Comune di Serravalle aumenta le tasse, il costo dei servizi per le famiglie, non mette in atto gli investimenti previsti. Forse qualcuno ci accuserà di populismo o di scarso rispetto nei confronti di Sindaco e Giunta. Nei fatti ci limitiamo a ribadire quello che abbiamo sostenuto in Consiglio Comunale e quello che abbiamo detto in campagna elettorale. Dal nostro punto di vista l'aumento delle tasse, nonostante le riduzioni dei trasferimenti statali non era affatto scontato, almeno non nella misura in cui è  stato approvato dalla maggioranza, né soprattutto insieme agli aumenti per le tariffe dei servizi. Ecco le ragioni del nostro voto contrario: la riduzione dell'Imu sulla prima casa è di fatto quasi ininfluente per la maggior parte dei cittadini e favorisce sensibilmente i proprietari di case di maggior valore. Si fosse aumentata la detrazione per la prima casa ci sarebbe stato un vantaggio maggiore per tutti. Sul punto comunque non possiamo che essere favorevoli. Giudichiamo invece negativamente l'incremento dell'Imu sulle seconde case, sia nella quantità (i Serravallesi a dicembre si troveranno a pagare quasi il doppio rispetto a giugno), sia soprattutto nell'applicazione. In primo luogo non sono stati presi in considerazione coloro che possiedono una seconda casa e la danno in uso gratuito ai figli (o ai genitori). In precedenza erano esentati dal pagamento dell'ICI, oggi devono pagare come se ricavassero un utile da queste abitazioni. Si deve poi differenziare coloro che hanno abitazioni affittate da coloro che invece hanno abitazioni sfitte (magari fatiscenti) o, peggio, affittate in nero. Chi affitta regolarmente un'abitazione paga già l'Iperf (e la relativa addizionale comunale che è anch'essa aumentata) e dà un beneficio alla collettività. Chi abbandona le case reca invece danno a tutti. L'aumento indifferenziato porterà a breve un incremento degli affitti, senza sanzionare chi lascia in abbandono le case e chi non denuncia i contratti. L'incremento dell'addizionale Irpef e l'aumento dei servizi (mensa, asilo nido, etc.) colpirà soprattutto le famiglie e dimostra come la gestione del Comune di Serravalle non abbia mantenuto nel tempo la necessaria capacità di adattamento. La bontà e l'efficienza di un'amministrazione si misurano  soprattutto nei momenti di difficoltà come questo. Non osiamo pensare cosa possa accadere se le scelte di politica economica del Governo dovessero toccare veramente il cuore della finanza locale. Come richiamato dalla Corte dei Conti nella recente nota. Riguardo gli investimenti, il punto fondamentale è che l'attuale maggioranza amministrava il Comune anche prima delle elezioni. Allora visto che il quadro normativo era sufficientemente chiaro, non avrebbero dovuto fare tali promesse in campagna elettorale che rimangono lettera morta negli indirizzi di programma senza tradursi in atti concreti nel bilancio (che dura tre anni, quindi più della metà del mandato). Abbiamo voluto poi evidenziare come in questo clima di austerità i componenti della Giunta non abbiamo voluto dare un segno di artecipazione, riducendosi (almeno in parte) i compensi. Forse saremo criticati per avere messo su un manifesto i compensi di Sindaco ed amministratori (mensili lordi), ma in fondo se non hanno avuto remore a votarli, non dovrebbero averne a comunicarli a chi li paga, cioè noi cittadini. Questo punto a noi sta particolarmente a cuore, non per ragioni populistiche, ma perché per noi l'impegno politico non deve essere diverso da qualsiasi altro volontariato, specie se non è effettuato a tempo pieno. Per cui non deve dare nulla più che un puro rimborso spese.
In allegato il manifesto reperibile anche al link 
http://www.avondoperserravalle.org/wp-content/uploads/2012/07/2012.07.05-Bilancio-ed-aumento-tasse-NEW.jpg 

Marco Avondo


 


 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it