VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 22 settembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it



27/05/2009 - Santhiatese e Cavaglià - Cultura e Spettacoli

SANTHIA’, UNA SERATA CON ROSARIO ESPOSITO LA ROSSA - Il giovanissimo scrittore napoletano ospite della Compagnia dell’Armanac e dell’Associazione Itaca




SANTHIA’, UNA SERATA CON ROSARIO ESPOSITO LA ROSSA - Il giovanissimo scrittore napoletano ospite della Compagnia dell’Armanac e dell’Associazione Itaca
Un momento della serata con Rosario Esposito La Rossa (destra)

"Una
risposta
 inaspettata quella del pubblico qui presente, non ci aspettavamo un´adesione
così massiccia". Con queste parole il presidente della
 Compagnia dell´Armanac Luigi
Zai ha voluto salutare i presenti alla
 serata organizzata in
collaborazione con l´associazione Itaca di
 Vercelli, rappresentata dal
presidente Gabriele Cortella, tenutasi
 nella civica di Santhià
mercoledì 20 maggio. Ospite della serata
 Rosario Esposito La Rossa,
scrittore napoletano di soli 21 anni.
 "Ammontano a 500 mila
euro giornalieri i ricavati dalla vendita di
 droga nel quartiere di
Scampia, che conta ormai 100 mila abitanti"
racconta il giovane scrittore,
21 anni, che a Scampia vive. Il libro è
 stato scritto da Rosario dopo
la morte del cugino Antonio Landieri,
 ucciso a Scampia da una
pallottola vagante, proveniente dalla pistola
 di alcuni appartenenti ad un
clan che rivoleva il controllo della zona.
  Antonio Landieri è stato
invece additato come il vero obiettivo dei
 killer,
in quanto secondo la polizia era uno spacciatore. Niente di più
 falso. E
Rosario si batte affinchè la memoria di suo cugino venga
 riabilitata.
" E´ un libro per i giovani, che racconta l´umanità: non
 trovate
qui nomi e cognomi dei boss. Voglio rendervi testimoni di
 questa
terra e dell´amore che nutro per lei".



Il ricavato
di questo
 primo libro andrà ad una associazione che si occupa di
ricerca sulla
  malattia che aveva mio cugino. Il nostro non è un
quartiere
 camorristico ma un popolo che subisce la camorra" e
continua " il
 complimento più bello mi è stato rivolto da un ragazzo
di Scampia che
 mi ha detto < a me leggere fa schifo ma il tuo libro
l ho letto perché
 parla di noi>". <Libera Voce> il secondo
libro da poco in libreria, con
 la prefazione di don Luigi Ciotti, ha invece una
componente diversa "
 con un registratore siamo andati per Scampia a
raccogliere le storie
 della gente, dei ragazzi e le abbiamo poi trascritte
così, senza
 filtro". Rosario ha poi voluto concludere
l´incontro con questo
 pensiero "Lasciare e donare gratuitamente agli
altri una parte di se
 stessi: è quello che io voglio fare con voi questa sera.
In quanto il
 sentimento dell´imbarazzo che si crea quando riceviamo
un dono
  improvviso genera in noi il sentimento
dell´indebitamento, che lega
 
così le persone nel tempo. Un senso civico diverso
che ci obbliga a
 restituire quel che l´altro ci ha dato. Io vi dono la
mia storia,
  quella di mio cugino, di modo che voi continuiate a
parlarne, senza
 farla cadere nel silenzio e nell'indifferenza".

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it