VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
giovedì 28 gennaio 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




28/10/2010 - Santhiatese e Cavaglià - Società e Costume

SANTHIA’ - HALLOWEEN ? MA QUALE TRADIZIONE !

Viaggio alle radici di una festa pagana che tra vetrine scintillanti e caramelle colorate "oscura" l’importante ricorrenza di Ognissanti. Quanto ci appartiene?




SANTHIA’ - HALLOWEEN ? MA QUALE TRADIZIONE !
Una delle vetrine meglio addobbate per la

( r. ca.) - Ci siamo, anche a Santhià esplode la Halloween-mania che tutto imbratta di appiccicosa polpa arancione. In programma balli in maschera e macabri scherzi, e non mancheranno lo zucchero filato e i botti, esattamente come a Carnevale. Non solo cappelli da strega, o le inquietanti maschere oblunghe di un bianco spettrale, direttamente dal campione d' incassi “Scary Movie”, anche dolcetti d' ogni foggia che in questi giorni affollano le vetrine dei negozi. Ma proprio osservando tanto fervore creativo, per dirla con un noto politico italiano, la domanda sorge spontanea: che ci azzecca con la nostra storia e tradizione, sta' babele? Importata dagli Stati Uniti dov' è ampiamente onorata, la chiassosa, colorata notte di Halloween ha lentamente ma inesorabilmente dilagato dalle Alpi alle Piramidi. Dapprima vissuta alla stregua d' una moda passeggera come altre follie d'oltreoceano, uno svago per i più piccini, ora è l' evento principe del “calendario pagano” di ottobre. Eppure, a scavare un po' più a fondo si scopre un'origine molto più europea di quanto possa sembrare. Bisogna risalire all'epoca precristiana, ai popoli tribali delle nostre aree geografiche per le quali il periodo a cavallo tra la fine di ottobre e il principio di novembre coincideva con la transumanza e il ricovero del bestiame in previsione dell' inverno. A diffondere ulteriormente Halloween furono i Celti, più propriamente i loro “sacerdoti”, i Druidi, che celebravano come un vero e proprio Capodanno la notte del 31 ottobre. Nient’altro che una Festa di Fine Estate (in irlandese antico era chiamata Samhain), in quanto separava la stagione del raccolto da quella in cui la terra avrebbe riposato. Tutti i focolari domestici venivano spenti; nella notte gli stessi Druidi procedevano casa per casa e li riattizzavano, servendosi di una torcia avvivata al “sacro falò” presso la Reale Montagna di Tara”. E anche la consuetudine di lasciare del cibo in tavola durante la notte come gesto di benvenuto per i defunti ha una certa assonanza con le nostre tradizioni contadine. L'attuale “treats or tricks”, il proverbiale dolcetto o scherzetto. L'etimo Halloween è una contrazione dall'inglese “All Hallows Eve”, ossia: la Vigilia di Tutti i Santi. E siccome la figura dei Santi è posteriore al culto druidico alcuni identificano l'origine del termine nella locuzione “All Allows Even”, una differenza di poche sillabe ma sostanziale, come dimostra il suo significato: “la sera in cui tutto è permesso”, probabilmente l'interpretazione gradita ai più. E una ragione c'è; infatti, secondo la concezione circolare-ciclica del tempo, peculiare della cultura celtica, nella notte del 31 il velo che separa il mondo dei vivi dall' al di là si assottiglia, e diventa possibile comunicare con i defunti. Ma usciamo dalle brume di boschi incantati popolati di Elfi e Fate e torniamo ai giorni nostri. La Chiesa Cattolica ha spesso preso posizione contro quella che ritiene una forzatura, uno stravolgimento delle nostre tradizioni più profonde e radicate, come, appunto, il Culto dei Defunti. Ancora più incisivo il Cardinal Tarcisio Bertone, Segretario di Stato Vaticano, quando afferma: «L'Europa del terzo millennio ci lascia solo zucche vuote e ci priva dei simboli più cari. Non mi piace affatto Halloween, anche se provengo dal Piemonte e provo simpatia per i Celti ». Di oggi la proposta, pubblicata sul sito dei Papaboys: Holyween (anziché Halloween) - Non zucche vuote, ma volti di Santi in giro per l'Italia. Alla sensibilità di ciascuno se dedicarsi ai bagordi anticipando il carnevale oppure trasformare la prossima ricorrenza di Ognissanti e il giorno seguente, consacrato alla Memoria di chi ci ha preceduto, in momenti di riflessione.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it