VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 29 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




25/07/2011 - Saluggia e Livorno - Cronaca

SALUGGIA - Ecco le irregolarità rilevate sulla costruzione del Deposito nucleare D2 - Paola Olivero presenta un documento con "di tutto e di più"

Il Capogruppo di Comunità Saluggese informa che «il deposito D2 per lo stoccaggio temporaneo di rifuti radioattivi è opera tecnicamente distinta dal “Nuovo sistema di approvvigionamento idrico”»






SALUGGIA - Ecco le  irregolarità rilevate sulla costruzione del Deposito nucleare D2 - Paola Olivero presenta un documento con "di tutto e di più"
Il Capogruppo di Comunità Saluggese, Paola Olivero

È stata inviata una comunicazione ai Capigruppo consiliari della Sede Municipale, alla Rsu, alla Diasorin Spa, alla Cid Spa di Saluggia, alla regione Piemonte, all’Autorità per la Vigilanza sui Contatti Pubblici, al parco del Po torinese, alla Sogin, all’Ispra, all’European Commission e al Prefetto di Vercelli in merito alle irregolarità rilevate circa la costruzione del Deposito nucleare D2 da parte del Capogruppo di Comunità Saluggese Paola Olivero. Nel documento (in allegato come pdf ) emerge che in data 3 luglio 2006 la Sogin dava l’inizio dei lavori per il Nuovo Sistema di Approvvigionamento idrico dell’Area di Disattivazione di Saluggia. «Nonostante in tale nota si comunicasse l’avvio dei lavori di una sola delle opere autorizzate dalle Ordinanze commissariali, il 4 novembre 2009 il Sindaco Marco Pasteris e il responsabile del Servizio Tecnico urbanistico Antonello Ravetto segnalavano alla regione Piemonte che s’intendeva l’avvio di tutte le opere previste dall’ordinanza».  Quindi per l’Arch. Ravetto e l’avv. Piero Golinelli, segnalano che i lavori avrebbero riguardato “l’intero complesso di opere connesse all’impianto di cementazione Cemex”. «Supponendo per un momento che fosse corretta l’interpretazione data dal Sindaco e da Golinelli», Paola Olivero chiede «quale significato abbia la comunicazione di Sogin del 13 luglio 2011 di inizio lavori del deposito D2 per lo stoccaggio temporaneo di rifiuti radioattivi, essendo questo compreso nelle “opere connesse” all’impianto di cementazione Cemex, tra cui il deposito D2 e com’è possibile –chiede il Capogruppo- da parte del responsabile del Servizio Tecnico urbanistico del Comune accettare o non accettare la documentazione esibita, e disporre che le opere possano essere eseguite o non eseguite, se come sostengono Pasteris, Ravetto e Golineeli l’inizio dei lavori delle opere era stato comunicato da Sogin il 3 luglio 2006». Nel documento si sottolinea che “il termine per l’inizio dei lavori non può essere superiore ad un anno dal rilascio del titolo”, che nella fattispecie è stato rilasciato con Ordinanza Commissariale del 2005 rettificata nel 2006. Inoltre, la Olivero informa che «il deposito D2 per lo stoccaggio temporaneo di rifuti radioattivi è opera tecnicamente e funzionalmente distinta dal “Nuovo sistema di approvvigionamento idrico” di cui era stato comunicato l’inizio dei lavori, con distinto provvedimento, ben cinque anni fa; che i lavori per la costruzione del deposito D2 hanno effettivamente inizio solo in data 18 luglio 2011, quindi oltre il termine di un anno dal rilascio del titolo». In conclusione, si chiede chi e quando ha autorizzato lo stoccaggio nel Deposito D2 di rifiuti di III Categoria; chi e quando ha autorizzato alcune  “lavorazioni” (la rimozione della scarpata, a ridosso della difesa idraulica esistente; realizzazione di un impianto lava ruote per mezzi di cantiere con riutilizzo delle acque di lavaggio previa decantazione e disoleazione delle stesse; realizzazione di un pozzetto di rilancio dei rifiuti provenienti dai prefabbricati di cantiere al nuovo depuratore; realizzazione di nuove piste da destinare al passaggio dei mezzi di cantiere); chi e quando ha autorizzato il progetto definitivo del Deposito D2 con le nuove dimensioni di cui alla Relazione Tecnica relativa al Bando 2010 per la costruzione del D2. Paola Olivero vuole sapere infine «se il progetto definitivo ha ottenuto il parere dell’Ispra e la relativa autorizzazione ministeriale ed altresì se il relativo Progetto Particolareggiato è stato inviato alla Commissione Europea».

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it