VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
sabato 26 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




30/07/2011 - Saluggia e Livorno - Politica

SALUGGIA - Blocco "tecnico" del Cantiere D2 Sogin - Pasteris e Ravetto, subissati da critiche, scelgono la via burocratica per temporeggiare

E intanto - in attesa che passi ’a nuttata - passeranno le ferie con un po’ di requie per tutti.






SALUGGIA - Blocco "tecnico" del Cantiere D2 Sogin - Pasteris e Ravetto, subissati da critiche, scelgono la via burocratica per temporeggiare
Marco Pasteris e Antonello Ravetto

30 LUGLIO – AMBIENTE E NUCLEARE – SOSPENSIONE DEL CANTIERE PER LA REALIZZAZIONE DEL DEPOSITO D2 -  IL SINDACO PASTERIS: “PRESTARE LA MASSIMA VIGILANZA ED ATTENZIONE AFFINCHÉ SIANO POSTE IN ESSERE TUTTE LE MISURE ATTE A GARANTIRE LA SICUREZZA DEL DEPOSITO E CONSEGUENTEMENTE LA SALUTE PUBBLICA. MESSO IN ATTO TUTTI I MECCANISMI PREVISTI PER LEGGE AFFINCHÉ I LAVORI VENGANO MONITORATI COSTANTEMENTE”



Il Sindaco Marco Pasteris informa che, a seguito della comunicazione della Sogin Spa, relativa ai lavori per la costruzione del nuovo deposito nucleare denominato “Deposito D2”, pervenuta al protocollo del Comune in data 13 luglio 2011, sono state messe in atto una serie di verifiche, previste dalle leggi in materia, al fine di esaminare con la massima attenzione le procedure di cantierizzazione. In particolare, il giorno successivo, 14 luglio 2011, l’


Ufficio Tecnico Urbanistico Comunale, ha inviato una comunicazione di richiesta di integrazione della documentazione alla Sogin. Non essendo stata ritenuta esauriente la comunicazione di inizio lavori proveniente dalla Sogin, il 21 luglio 2011, l’Ufficio Tecnico Urbanistico ha comunicato, alla stessa Società che sia il Servizio Tecnico Urbanistico che il Servizio di Vigilanza Urbanistica si sarebbero avvalsi della facoltà di effettuare apposito sopraluogo in loco.  Il giorno 27/07/2011, il Responsabile del Servizio Tecnico Urbanistico del Comune di Saluggia, Dott. Arch. Antonello Ravetto, con l’Agente di Vigilanza Urbanistica Armando REALI nel rispetto dell’art. 10 del regolamento edilizio comunale vigente, sono convenuti sul luogo del cantiere, per le verifiche della documentazione amministrativa in genere ed autorizzativa in particolare e la fissazione dei capisaldi plano-altimetrici. In presenza del personale Sogin Spa e dell’impresa costruttrice Monsud Spa.  si è provveduto alla verifica di tutti gli elaborati grafici progettuali, con particolare attenzione ai documenti esecutivi in possesso dell’impresa appaltatrice. Si è verificata la conformità tra i progetti depositati, autorizzati attraverso l’


ordinanza commissariale del 13/12/2005, modificata con ordinanza del 24/02/2006 e i progetti in possesso della committenza e dell’impresa appaltatrice. Si è chiesta copia della relazione tecnica di SO.G.I.N. S.p.A. allegata al bando 2010 per la costruzione del Deposito D-2 rif. 164194-2010-it. Si è richiesto evidenza del parere di ISPRA e relativa autorizzazione, in merito ai progetti depositati, autorizzati attraverso l’ordinanza commissariale del 13/12/2005, modificata con ordinanza del 24/02/2006 ed ai progetti in possesso della committenza e dell’impresa appaltatrice. Si è richiesta evidenza della trasmissione alla Commissione Europea dei progetti depositati, autorizzati attraverso l’ordinanza commissariale del 13/12/2005, modificata con ordinanza del 24/02/2006 ed i progetti in possesso della committenza e dell’impresa appaltatrice. Si è provveduto in seguito alla verifica dei capisaldi e delle quote plano-altimetriche, per quanto possibile, data la complessità e l’


articolazione dell’opera. Soprattutto date le difficoltà legate alla presenza di soli picchetti, fissati come capisaldi delle opere di scavo per la realizzazione della piastra di fondazione.


Risultanze Del Sopralluogo


1. Le dimensioni del fabbricato denominato “Deposito D-2” risultano conformi ai progetti depositati, autorizzati attraverso l’ordinanza commissariale del 13/12/2005, modificata con ordinanza del 24/02/2006 ed ai progetti in possesso della committenza e dell’impresa appaltatrice, sia in larghezza, che in lunghezza che in altezza (verificato piante e sezioni).


2. Le dimensioni e le forme del fabbricato compaiono sulla tavola denominata “TIP. DOC DP” del 30/06/2005.


3. Nel progetto approvato non compare l’impianto lava-ruote per i mezzi di cantiere. Il medesimo dovrà essere evidenziato, autorizzato, contestualmente alla richiesta di autorizzazione relativa alla gestione delle acque di scarico provenienti dal medesimo impianto. In assenza di provvedimento autorizzativo adeguato, non potrà essere realizzato.


4. Nel progetto approvato non compare, in difformità ai progetti in possesso della committenza e dell’impresa appaltatrice il pozzetto di rilancio dei reflui provenienti dai prefabbricati di cantiere ed il nuovo depuratore. In assenza di provvedimento autorizzativo adeguato, non potrà essere realizzato.


5. Le piste da destinare al passaggio dei mezzi di cantiere individuate sui progetti autorizzati risultano difformi dalle evidenze espresse dalle tavole in possesso della committenza e dell’impresa appaltatrice. La variante del layout delle medesime dovrà essere debitamente autorizzata. In assenza di provvedimento autorizzativo in variante, non potranno essere realizzate in difformità da quanto previsto dal progetto autorizzato.


6. Nelle tavole di progetto autorizzato, in difformità alle tavole in possesso della committenza e dell’impresa appaltatrice, non compare la rimozione della scarpata a ridosso della difesa idraulica esistente, per un fronte di circa 60 mt e la conseguente realizzazione di un muro in gabbioni metallici zincati. L’


opera in questione non potrà essere realizzata in assenza di adeguate autorizzazioni, rilasciate dalle autorità competenti in materia urbanistica, in materia ambientale e difesa idraulica del territorio.


7. A seguito di richiesta del D.U.R.C. della ditta appaltatrice MONSUD S.P.A.


in corso di validità, non è stato tuttora presentato. In assenza di tale documentazione, i lavori non potranno iniziare.


8. Alla richiesta della relazione tecnica di SO.G.I.N. S.p.A. allegata al bando 2010, non è stata fornita documentazione alcuna. Si resta in attesa di ricevere la medesima, per approfondimenti e verifiche del caso.


9. Alla richiesta del parere di ISPRA e della relativa autorizzazione ad iniziare le opere, non è stata fornita documentazione alcuna, pertanto, in assenza della medesima i lavori non potranno iniziare.


10.Alla richiesta dell’evidenza della trasmissione alla Commissione Europea, non è stata fornita documentazione alcuna, pertanto, in assenza della medesima i lavori non potranno iniziare.


 


Ciò premesso, in data 28 luglio 2011, il Responsabile del Servizio Tecnico Urbanistico del Comune di Saluggia, Dott. Arch. Antonello Ravetto, ha emesso ordinanza di sospensione lavori che è stata notificata oggi sia alla Sogin Spa che alla Monsud Spa. Il Sindaco Marco Pasteris commenta: “Il nostro principale obiettivo é quello di prestare la massima vigilanza ed attenzione affinché siano poste in essere tutte le misure atte a garantire la sicurezza del deposito e conseguentemente la salute pubblica. Per questo abbiamo messo in atto tutti i meccanismi previsti per legge affinché i lavori vengano monitorati costantemente. Lavori che potranno riprendere soltanto a seguito di verifica da parte degli Uffici competenti degli avvenuti adeguamenti alle prescrizioni ed ottenimento dei titoli abilitativi mancanti da parte delle società interessate dal provvedimento sospensivo”.


 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it