VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
domenica 27 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




22/12/2017 - Vercelli Città - Mondi Vitali

PRO FRAGILE E CONFUSIONARIA PRESA A SBERLE DA TALE MONTALTO, CHE LE RIFILA QUATTRO GOL - Le Fere sbranano i Leoni: vince la mediocre Ternana (4-3) e il baratro della retrocessione è sempre più vicino

Al “Liberati” di Terni stasera è andata un scena una sorta di scapoli contro ammogliati con la Pro che, un po’ più penosa della pur penosa Ternana, ci ha lasciato le penne






PRO FRAGILE E CONFUSIONARIA PRESA A SBERLE DA TALE MONTALTO, CHE LE RIFILA QUATTRO GOL - Le Fere sbranano i Leoni: vince  la mediocre Ternana (4-3) e il baratro della retrocessione è sempre più vicino

TERNANA-PRO VERCELLI: 4-3

( edm ) - Al “Liberati” di Terni stasera è andata un scena una sorta di scapoli contro ammogliati con la Pro che, un po’ più penosa della pur penosa Ternana, ci ha lasciato le penne e adesso, sinceramente, la situazione è a dir poco drammatica: penultimi in classifica con la miseria di 18 punti in venti gare, con l’Ascoli che si è portato ad una sola lunghezza, e con le terz’ultime (Entella e, appunto, Ternana) ormai tre punti più su.

Difficile parlarne di calcio in base a ciò che si è visto, con una Pro che, contro ogni logica, rispetto al recente passato, si schiera a tre dietro, per giunta con Berra esterno destro, e, con questo modulo viene letteralmente mitragliata da tale Adriano Montalto da Erice, che mai si sarebbe sognato di segnare un poker di gol nella stessa partita in serie B: ci riesce perché la retroguardia della Pro, reinventata a tre da Atzori (ma perché?), letteralmente non si raccapezza.

Berra non sa fare il terzo di destro e, nel bailamme, si perdono anche Legati e Bergamelli, semplicemente disastrosi.

Si aggiungano le assenze non giustificate di Mammarella, Marcone e, in parte, di Vives e la latitanza assoluta di Raicevic e si capirà perché la Pro ha rischiato, e seriamente, di andare incontro ad una sconfitta epocale (1 a 4 al 46’); poi, per fortuna, Atzori si è ricreduto: ha tolto Bergamelli (che l’ha presa malissimo, sbagliando) e, incomprensibilmente, Morra, invece di Raicevic, ma è passato ad un più razionale 4-3-3 e, per poco (e ciò attesta la pochezza della Ternana, che si poteva e doveva battere) non ha raddrizzato la partita.

Purtroppo la rincorsa si è esaurita sul più bello, perché, dopo il rigore generosamente fatto ribattere dall’arbitro a Vives, la squadra, nel quarto d’ora conclusivo, anziché sfoderare la baionetta, s’è fatta un pisolo, regalando il successo alle Fere e a quell’antipatico del loro allenatore.

La cronaca sarebbe fittissima, ci limitiamo ai gol e a due sensazionali parate del portiere della Ternana Plizzari, che un po’ rincuora il futuro dei tifosi milaninisti.

Pronti-via e la Pro passa subito. E’ il 4’. Ghiglione pesca splendidamente Morra al centro dell’area: il “reprobo “del match con lo Spezia, si trasforma da brutto anatroccolo in cigno reale: fa un dribbling a rientrare sontuoso e di sinistro infila il futuro sostituto di Donnarumma. 

Mentre ci domandiamo se, per caso, non stiamo sognando, il risveglio è purtroppo immediato: nemmeno un minuto e Montalto prova un sinistro da distanza siderale che si infila nell’angolino basso: e stavolta, purtroppo, il nostro Marcone, di cui andiamo comunque ancora fierissimi, sembra proprio tra le nuvole.

La Pro accusa il colpo, fatica a costruire anche un briciolo di azione, mentre la Ternana, approfittando del caos tecnico-tattico difensivo della Pro, prima sfiora il gol ancora con Montalto (bel cross di Favalli dalla sinistra), ma poi lo trova, grazie al disastroso contributo di Mammarella e Legati: il primo perché non riesce a rincorrere Ferretti, che traversa da destra, il secondo che si perde...indovinate un po’?, ma Montalto: 2 a 1. E’ il 25’.

La Pro reagisce con la furia di un bradipo che tenta di inseguire una libellula. Allora, al 38’, la pur mediocrissima Ternana fa tris, anche stavolta con un inserimento di Montalto sul quale lo spaesatissimo Berra è in ritardissimo. E pure stavolta Marcone non sembra irreprensibile: e fanno tre!

Prima che scada il tempo, il recuperato, da Atzori, Germano si inserisce alla grande su un suggerimento di Altobelli, ma Plizzari gli spegne l’urlo del gol con una parata-super.

Ripresa. Ci aspettiamo tutti una partenza furente della Pro. Macché: solita incursione sul fronte sinistro d’attacco delle Fere e solito cross per...ma sì, proprio lui, Montalto che, stavolta di testa, anticipa Bergamelli e spedisce nel sacco: 4 a 1 per le Fere. Leoni sbranati, ed è solo il 46’.

Stiamo andando incontro ad una Caporetto epocale. Per fortuna, Atzori si pente: toglie Morra (sbagliando) e Bergamelli, che non la prende bene. Dentro Bifulco e Vajushi e, soprattutto, finalmente ridisegna la difesa a quattro.

Vajushi si carica sulle spalle la squadra, anche se nemmeno lui riesce a svegliare Raicevic. Al 60’, l’albanese inventa un destro da Pinturicchio che sarebbe gol se in porta ci fosse un estremo difensore normale, non Plizzari, che sventa con un volo pazzesco. Vajushi ci riprova poco dopo con un eccellente destro, rimpallato, ma, al 66’, finalmente, sfoggia un sinistro al volo bello ed  esiziale sul quale non può nulla anche l’immenso Plizzari. I bianchi ci credono, la Ternana ripiomba nella prevedibile e, per lei allarmante, mediocrità.  Spingi, spingi e spingi, al 75’, Bifulco si incunea in area e viene affrontato rudemente da Vitiello. Non sembra un rigore solare, ma chissene...Sul dischetto va Vives, che si fa ipnotizzare da Plizzari. Incomprensibilmente, ma buon per noi, l’arbitro fa ribattere e stavolta Vives fionda in rete con un missile terra-aria, sotto la traversa.

Tra cronometraggio reale e recupero, chi sarebbe il tempo per arrivare al miracoloso pari, ma la Pro non ne ha proprio più. Sfuma il sogno, si concreta l’incubo-retrocessione.

 

LE PAGELLE

MARCONE: Responsabilità evidenti sul primo e, tutto sommato, anche sul terzo gol; stasera non fa miracoli: 5

BERRA: Terzo a destra nella difesa a tre, è semplicemente disastroso: 3,5

LEGATI: Si perde, e con lui anche il Dioscuro Bergamelli, il match winner Montalto: 4,5

BERGAMELLI: Prova disastrosa, e fa male a reagire platealmente alla sostituzione decisa da Atzori dopo l’evidente errore di posizione sul quarto gol di Montalto: 4

(Dal 58’ VAJUSHI: per venuti minuti un’iradiddio. Plizzari gli fa una parata da tramandare, ma poi riesce a superare il portiere della Ternana con un sinistro al volo meraviglioso: 7)

GHIGLIONE: Esterno destro nel centrocampo a cinque iniziale, ha il merito di servire la splendida palla del gol di apertura di Morra, poi sparisce nel marasma: 6–

GERMANO: Atzori lo recupera e lo affianca a ad Altobelli nell’appoggio a Vives. Ci sembra un po’ spaesato, ma è anche sfortunato sulla conclusione nel finale del primo tempo a trovare la prima respinta tanto sensazionale quanto decisiva di Plizzari: 6–

VIVES: Di tanto in tanto anche Omero sonnecchiava, o dormiva. Pure lui, purtroppo per la Pro, stasera.L’arbitro lo grazia per un rigore tirato malissimo: 5

ALTOBELLI: Potremmo fare il copia incolla ogni volta: impegno encomiabile, sostanza, ma qualità assai ridotta: 5,5

 (Dal 67’ CASTIGLIA: Atzori prova un centrocampo più tecnico quando è il momento di tentare il folle recupero, che purtroppo non riesce completamente. E Castiglia tenta di dare il proprio contributo: 6)

MAMMARELLA: E’ rimasto a Vercelli: 3,5

MORRA: Un gol da fuoriclasse, giocate (purtroppo vanificate dall’immobilismo di Raicevic), recuperi. Per noi, il migliore. Assurdo toglierlo: 7+

(DAL 57’ BIFULCO: è intraprendente, e si procura il rigore, forse generoso. Ma come diceva Boskov, rigore è quando arbitro fischia: 6)

 

RAICEVIC: Per avere notizia di lui, stasera, rivolgersi alla Sciarelli: 3,5

ATZORI: A Vercelli da quattro giorni, predica bene (“Non posso cambiare di colpo ciò che ha impostato Grassadonia”), ma razzola male, decidendo di partire con una pericolosa difesa a tre, senza avere il terzo di destra adatto. Poi, per fortuna, cambia, ma solo dopo il quarto gol. Ha qualcosa da farsi perdonare, lo aspettiamo con il Cittadella per giudicarlo compiutamente. Ma stasera non più di: 5

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it