VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
25 September 2017 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




Dettaglio News
07/01/2017 - Regione Piemonte - Cronaca

POLFER - Il Bilancio del 2016 del compartimento Polizia Ferroviaria Piemonte e Valle d’Aosta

Il riepilogo delle attività svolte nel 2016


POLFER - Il Bilancio del 2016 del compartimento Polizia Ferroviaria Piemonte e Valle d’Aosta

Quello appena conclusosi è stato un anno veramente impegnativo per la Polizia Ferroviaria del Piemonte e Valle d’Aosta che ha visto i propri Agenti costantemente impiegati in attività di vigilanza e controllo a 360 gradi, concretizzatesi sia negli ordinari servizi istituzionali che in quelli di carattere straordinario, organizzati di iniziativa o su  specifici input a livello centrale, diramati dal Servizio Polizia Ferroviaria di Roma. I dispositivi di monitoraggio e controllo hanno interessato le stazioni di entrambe le regioni, sia le principali che quelle prive di presidi permanenti, attraverso l’invio mirato sul posto di operatori, e sono stati estesi anche a bordo treno con l’impiego del personale dedicato alle scorte treno. I risultati conseguiti parlano da soli: durante tutto il 2016, gli operatori del Compartimento hanno proceduto a controllare ed identificare complessivamente 96.956 persone di cui 32.977 straniere, con un incremento del dato, rispetto al 2015, del 4,31 %; le persone arrestate sono state 69  mentre quelle indagate a piede libero ammontano a n.1019.


Nell’espletamento dei servizi specifici sopra accennati, sono stati accompagnati presso le Questure 972 fermati, con un aumento del 72 % rispetto all’anno precedente e sequestrate 46 armi, di cui 32 da taglio. L’impiego del personale del Compartimento di Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta si è altresì articolato, sempre nel corso di tutto il 2016, negli oltre 13.000 servizi di vigilanza nelle stazioni F.S. con pattuglie in uniforme appiedate o a bordo del mezzo elettrico Polfer, nei 1.100 servizi antiborseggio in abiti civili, effettuati sia negli scali ferroviari che a bordo treno, nonché in numerosi servizi preventivi di bonifica negli scali torinesi, realizzati anche con l’ausilio del Reparto Mobile, del Reparto Prevenzione Crimine Piemonte e di Unità Cinofile della Questura di Torino. Lo stesso personale specialistico, ha fornito collaborazione in occasione di controlli straordinari a viaggiatori e bagagli scaturiti dagli allertamenti anti terrorismo che hanno contraddistinto svariati periodi dell’anno appena conclusosi. Non di meno efficace si è evidenziata la presenza e collaborazione di militari dell’Esercito che ormai da oltre sei mesi a questa parte affiancano gli Agenti della Polfer nel disimpegno dei quotidiani servizi di vigilanza e monitoraggio nella stazioni di Porta Nuova e Porta Susa. Sempre in tale contesto, particolare attenzione è stata rivolta alla sicurezza del personale FS e dei viaggiatori a bordo treno, assicurando, la  scorta con operatori esperti su 13.303 convogli ferroviari. Stabile il dato riguardante i delitti verificatisi in ambito ferroviario (1114 del 2016 rispetto ai 1112 del 2015) cui, peraltro, fa da riscontro l’incremento più che apprezzabile del numero di arrestati ed indagati poco sopra evidenziato. Anche l’attività contravvenzionale per violazione del Regolamento di Polizia Ferroviaria ha registrato risultati soddisfacenti; i relativi servizi, mirati al contrasto di comportamenti illeciti in ambito ferroviario, primi fra tutti  gli indebiti attraversamenti di binari, che purtroppo, proprio nell’anno appena trascorso, sono risultati essere le cause principali di investimenti mortali, nonché all’occupazione abusiva di carrozze in disuso, hanno consentito l’elevazione di ben 496 sanzioni, rispetto alle 460 contestate nel 2015.


Ma all’attività di prevenzione e repressione, si è affiancata quella più strettamente formativa e di prossimità; il Compartimento Polfer Piemonte e Valle d’Aosta è stato presente in molte scuole di ogni ordine e grado per diffondere la cultura della legalità in ambito ferroviario. Attraverso incontri con le scolaresche tenuti da operatori Polfer appositamente formati, è stato portato avanti il progetto “train…to be cool”, promosso dal Servizio Polizia Ferroviaria, nel cui ambito è stato spiegato agli studenti come ci si deve comportare in stazione e sul treno per tutelare la propria incolumità. La formazione, in alcune occasioni, si è espressa anche “sul campo”, con incontri in stazione che hanno permesso ai ragazzi di conoscere direttamente il mondo ferroviario nelle sue principali sfaccettature e, non ultimo nel mese di luglio scorso, con una giornata dedicata al gioco del basket, in cui, attraverso i valori e le regole dello sport, si è approfondito il concetto di legalità e di educazione al senso civico. Ed è proprio in questa prospettiva che a settembre scorso, è stato presentato il progetto “Prima…vera educazione ferroviaria – Piemonte 2017”; l’iniziativa, nata dalla collaborazione del Compartimento Polfer Piemonte e Valle d’Aosta con ANSF (Agenzia Nazionale Sicurezza Ferroviaria), MIUR, Assessorato Regionale all’Istruzione ed alla Formazione Professionale, Assessorato Regionale dei Trasporti e Ufficio Scolastico Regionale, attraverso un bando di concorso indirizzato alle scuole medie superiori, persegue l’intento di veicolare tra i giovani il tema della sicurezza in ambito ferroviario attraverso lavori elaborati dagli stessi ragazzi, mediante forme di espressione diversificate (visive, grafiche ecc…). I lavori  saranno poi sottoposti alla valutazione di una commissione per l’assegnazione di premi in denaro alle scuole di appartenenza dei gruppi di lavoro risultati più meritevoli.        


Sempre sotto l’aspetto della prossimità, il Compartimento Polfer Piemonte e Valle d’Aosta non ha lesinato energie riguardo alla vicinanza e contatto con persone particolarmente vulnerabili, quali minori, anziani, persone malate, sia nelle stazioni che a bordo treno; solo per citare un dato, nel 2016 sono state rintracciate 62 persone, di cui 53 minori che si erano allontanati dalle proprie abitazioni. Uno degli ultimi episodi, in ordine di tempo, maggiormente significativo è stato il rintraccio di 4 minorenni scomparsi, avvenuto nell’ottobre scorso a Verbania, sulla tratta ferroviaria Stresa-Domodossola, ad opera degli Agenti del  Posto Polfer di Domodossola.


Nell’espletamento dell’attività di repressione di reati, sono stati altresì effettuati mirati servizi volti al contrasto dei furti di rame in ambito ferroviario. Complessivamente sono stati controllati 99 depositi di rame e materiale ferroso, con il contestuale sequestro di oltre 23,455 tonnellate di rame e cavi di rame, di illecita provenienza.

Tra le operazioni di maggior rilievo, si rammentano: il recente sequestro di circa 600 Kg. di materiale contenente rame, a carico di autori di furto di accumulatori di corrente; l’arresto di 4 cittadini rumeni, responsabili di rissa nella stazione di Roma Tiburtina, effettuato, non senza fatica, da personale in servizio di scorta a lunga percorrenza; la rissa tra ben 12 minorenni sedata dagli agenti della Sottosezione di Torino Porta Susa, avvenuta nella stazione stessa;  l’arresto di un ventenne albanese ed un diciannovenne italiano di origini nordafricane, ritenuti i “leaders” di una banda che perpetrava rapine pressoché quotidiane sulle tratte Torino-Cuneo e Bra-Cavallermaggiore ai danni di giovani, principalmente minorenni; il fermo di un italiano con al seguito una fedele riproduzione di pistola Beretta, notata da un passeggero, e prontamente rintracciato da personale Polfer di Torino, a seguito del quale, l’uomo è risultato essere il potenziale autore di numerose truffe a carico di anziani, poiché trovato in possesso, di numerose copie di tessere e contratti in bianco della società ENI.



NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
VercelliOggi.it - Network ©
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it