VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
giovedì 6 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




15/06/2016 - Vercelli Città - Enti Locali

PISCINA ENAL, POTREBBERO DILATARSI I TEMPI PER L'APERTURA - Presentata all'Ing. Gianni Brugo di Gattinara ed ai Vigili del Fuoco una situazione bisognosa di approfondimenti

Balaustra: possono cadere dei pezzi a terra




PISCINA ENAL, POTREBBERO DILATARSI I TEMPI PER L'APERTURA - Presentata all'Ing. Gianni Brugo di Gattinara ed ai Vigili del Fuoco una situazione bisognosa di approfondimenti
Il quadro elettrico della sala filtri

Potrebbero dilatarsi leggermente i tempi necessari per l’apertura della piscina Enal.

La Commissione di Vigilanza riunitasi stamane sul posto, in Via Tasso, 1, avrebbe infatti – il condizionale è d’obbligo, trattandosi di rumors (pur attendibili) di Palazzo – rilevato elementi bisognosi di essere ulteriormente approfonditi.

 

Leggi anche:

http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?titolo=PISCINA_ENAL__OGGI_AL_LAVORO_LA_&id=68070&id_localita=2

 

Rilievi sarebbero stati eccepiti anche in ordine a parti consistenti dell’impianto elettrico.

Come si vede dalla fotografia, il quadro elettrico ( ma non solo ) che presiede al funzionamento delle elettropompe al servizio dell’apparato filtrante presenta evidenti segni di vetustà.

Eppure proprio l’anno scorso il Comune aveva presentato l’istanza di rinnovo fino al 2020 della conformità antincendio.

Sono poi visibili quelle che sembrano – all’esame empirico - tracce di umidità all’interno dello sportello e ciò richiede evidentemente che si verifichino ulteriormente le ragioni del fenomeno.

 

E’ quindi assai improbabile che una persona rigorosa quale è unanimemente riconosciuto l’Ing. Gianni Brugo di Gattinara, componente della Commissione, si distragga sul punto.

Anzi, c'è da credere che stamane, vedendo tra l'altro quel quadro elettrico, sia rimasto sorpreso.

 

E del resto non meno attenti sono i Rappresentanti del Comando Provinciale Vigili del Fuoco.

 

In altri tempi si sarebbe assistito al ben noto vezzo di andare a “raccontarla soave” implorando di qua e di là giurando che è l’ultima volta, che si conceda un via libera provvisorio, che poi sarà tutto sistemato a puntino. E che – regina delle argomentazioni – il Comune non può fare una figura di guano simile e via discorrendo.

 

Ma non si sa – nella denegata ipotesi che simili comportamenti, così cari, ad esempio all’Amministrazione Bagnasco  dovessero essere reiterati - quale udienza potrebbero ricevere e soprattutto quale esito sortirebbero.

 

Va detto in proposito che gli Operatori della piscina devono manovrare gli interruttori che sono ubicati all’interno del quadro diverse volte al giorno per le operazioni di manovra dei filtri, anche in occasione dei numerosi controlavaggi settimanali da porre in essere.

 

Sicchè il rischio – anche in termini di sicurezza sul lavoro – va previsto e scongiurato con tutte le modalità idonee e del resto ben chiare previste dalla norma.

 

Non diversa appare – sempre all’esame visivo, ma diranno meglio i Tecnici – la situazione dei congegni che provvedono all’immissione automatica dei correttivi ed ammendanti dei valori  - ad esempio – di cloro e ph in vasca, come si desume dell’ulteriore repertorio fotografico.







Quanto alla balaustra del solarium, parrebbe – ma sono prossimi chiarimenti anche ni ordine a tali profili – che il problema sia proprio originato dal rischio che parti della stessa possano rovinare al suolo.

 

Sicchè – salvo porvi rimedio – i sistemi di prevenzione rischi dovrebbero, a rigor di logica, essere estesi alle superfici sottostanti, in corrispondenza del lato lungo verso gli spogliatoi del piano vasca e poi di quello opposto, che dà verso l’area dell’ex cinema all’aperto, ove è l’ingresso di locali spogliatoi servizi.

 

Per quanto riguarda l’impianto elettrico, ancora, è chiaro che occorrerebbe verificare se vi sia un certificato di conformità dello stesso, rilasciato da Tecnico specializzato. Così come è doveroso assicurarsi che lo stabilimento sia adeguatamente servito da presìdi di sicurezza in caso di scariche elettrice atmosferiche.

 

Insomma, se da un lato il meteo sembra essere “clemente”, volto al nuvoloso, tale da non suscitare ancora una particolare propensione del pubblico ad accostarsi alla vasca, dall'altro la situazione della vasca  (più che piscina) è critica.

 

L’unica peraltro rimasta in funzione – per dir così – in città.

 

Il tempo – bello o brutto – sta però passando e così si vedrà quando sarà possibile aprire per quella che sicuramente si presenta come la stagione estiva più costosa nella storia del nuoto vercellese.

 

Chi sosterrà, poi, le spese per gli interventi che la Commissione dovesse disporre, propedeutici al rilascio delle autorizzazioni?

 

Il Gestore, che lucra quest’anno la bella cifra di 25 mila euro come incoraggiamento economico per il proprio disturbo, oppure il Comune proprietario?

Anche questa è una domanda che – comunque si intenda il capitolato – dovrà essere approfondita.

 

VercelliOggi. it è e sarà sempre gratuito.
Per effettuare una donazione clicca:

http://www. vercellioggi. it/donazioni. asp
Commenta la notizia su
 

https://www. facebook. com/groups/vercellioggi  
Per leggere e commentare anche le principali notizie del Piemonte:

https://www.facebook.com/VercelliOggiit-1085953941428506/?fref=ts

 


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it