VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 28 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




28/02/2012 - Bassa Vercellese - La Posta

PERTENGO - I tagli ai trasporti pubblici mettono in seria difficoltà una giovane studentessa disabile - Meno corse per gli autobus e più affaticamento per chi ogni giorno deve affrontare ostacoli sempre più elevati

Come se non bastasse, gli autobus della tratta Vercelli - Pertengo non sono assolutamente a misura di invalido.






PERTENGO - I tagli ai trasporti pubblici mettono in seria difficoltà una giovane studentessa disabile - Meno corse per gli autobus e più affaticamento per chi ogni giorno deve affrontare ostacoli sempre più elevati

Gent.mi Assessori, regionali e provinciali, gent.mi giornali locali e regionali,



vi invio in allegato la risposta datami da Atap spa (in pdf)  circa una mia rimostranza riguardante la riduzione del trasporto locale extraurbano a partire dalla data del 22 febbraio 2012 che mi sta creando notevolissimi disagi.


Sono una giovane donna disabile, motoria e visiva, studentessa universitaria a Vercelli e residente a Pertengo. Non ho auto propria, mi capita di non riuscire a guidare, e non posso farmi trasportare dai miei genitori su e giù da casa mia alla sede universitaria se non, quando possono, nella prima mattinata e la sera dopo le 18,30. I tagli imposti da Regione e Provincia hanno costretto Atap a sospendere o modificare pesantemente circa la metà delle corse che ero solita prendere. Ciò mi costa moltissimo in termini di tempo e di affaticamento e disagio personali in quanto, proprio per le mie problematiche fisiche, non posso permettermi di passare diverse ore in attesa del pullman o di un passaggio fino a casa. Nei periodi di chiusura delle scuole il problema si porrà ancora maggiormente perché verrà sospesa la corsa delle 8,10 mentre rimarrà attiva un’improbabile corsa delle 7,10 da Pertengo a Vercelli. Ciò mi amareggia ancora di più perché ad essere penalizzati sono stati quasi esclusivamente il mio paese e quello vicino, Rive Vercellese, mentre i percorsi su Costanzana ed Asigliano sono rimasti pressoché invariati tranne nella corsa del mattino delle 8,10 che è stata sospesa per tutti. Vivere in un piccolo centro di 3-400 abitanti non mi risulta significhi vivere emarginati, ma a quanto pare la traduzione che via via si sta facendo più appropriata è esattamente questa.


Voglio, inoltre, porre ancora l’accento sul fatto che per quanto riguarda la mia tratta gli autobus non sono assolutamente a misura di invalido. Chi come me non è in carrozzina deve comunque affrontare letteralmente una scalata con gradini alti anche 50-60cm, che per esempio io in periodi come questo non posso affrontare, mentre mai vi riesce una persona anziana. Il 75% degli autobus non ha l’elevatore, che quando c’è difficilmente è utilizzabile in quanto può non funzionare o può il personale non avere la competenza per utilizzarlo.


Vorrete scusarmi il tono brusco, ma se affianco questa alle già normali problematiche che sono costretta a vivere ogni giorno il sangue amaro mi viene per forza di cose. Spero vogliate capire il mio sfogo e gradirei sentire vostra risposta in merito.


Cordialmente,


Elena Mazzetto

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it