VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
14 October 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




20/08/2009 - Vercelli Città - Pagine di Fede

OFTAL GIOVANI - Don Denis Silano ci racconta l’importanza del servizio dell’Oftal Giovani e ci introduce nel mistero di Lourdes




OFTAL GIOVANI - Don Denis Silano ci racconta l’importanza del servizio dell’Oftal Giovani e ci introduce nel mistero di Lourdes
Don Denis Silano, delegato arcivescovile per l'Oftal giovani

(Luca Vallarino) - “Andare a Lourdes rappresenta anzitutto un atto di fede. Non è altro che assecondare le richieste che la Vergine Maria fece a Bernadette durante una delle apparizioni lourdiane. La Madonna disse infatti di dire ai preti di venire in quel luogo in processione”. Così ci spiega don Denis Silano, parroco di Costanzana e Rive, maestro di Cappella del Duomo, delegato arcivescovile dell’Opera Federativa Trasporto Ammalati a Lourdes (Oftal) sezione giovani.



L’Oftal nasce quindi con la finalità precisa di offrire agli ammalati l’opportunità di vivere l’esperienza del pellegrinaggio a Lourdes, di entrare a far parte di quella processione che Maria stessa aveva domandato ai suoi figli, di sentirsi parte viva della grande famiglia della Chiesa. Don Denis continua: “Andare a Lourdes è in sintesi rispondere a una chiamata. Maria ci chiama alla conversione, alla purificazione. Al centro di Lourdes c’è l’Eucaristia, non l’apparizione mariana. La Vergine si fa tramite, invita il pellegrino a guardare al Risorto: ecco perché pellegrinare a Lourdes non è un atto superstizioso, ma è invece parte integrante di un cammino di ricerca, un cammino che vede il suo culmine nella pienezza del messaggio evangelico. Bernadette stessa diceva che il giorno più bello della sua vita non era stato uno dei giorni in cui aveva visto un’apparizione della Signora, bensì il giorno della sua Prima Comunione, il giorno dell’incontro con Cristo. A Lourdes si affaccia l’umanità intera, con tutte le sue miserie e le sue debolezze. Fin dai primi anni, si sono recati qui credenti, malati, agnostici, scettici. Tanti venivano per smascherare presunti inganni, molti di questi tornavano cambiati. Il vero miracolo di Lourdes è dunque la conversione e la salvezza dell’anima, prima della più visibile guarigione del corpo.”


Oltre ad andare a Lourdes come pellegrini è ovviamente possibile andare a Lourdes per servire i più bisognosi, ovvero i malati. In quest’ottica si muove l’Oftal, che nella sua sezione giovani trova una forza essenziale e vitale. Don Denis precisa che “ai giovani dai 16 ai 30-35 anni viene chiesto di intraprendere un percorso annuale. Le riunioni hanno cadenza quindicinale e si svolgono presso il Seminario Arcivescovile di Vercelli. In media sono presenti agli incontri vercellesi una ventina di giovani. Le riunioni hanno anzitutto carattere formativo, ma anche di preghiera e, in vista dei pellegrinaggi, organizzativo. La formazione è finalizzata ad avvicinare il giovane al malato ed ai suoi bisogni. Durante gli incontri vengono poi programmate anche delle uscite, spesso nelle case di riposo, dove vengono organizzati pomeriggio di festa e non mancano chiaramente incontri dedicati alla preghiera. Nei tempi più caldi dell’anno liturgico, l’avvento e la quaresima, siamo soliti organizzare anche dei ritiri di circa tre giorni. La scorsa quaresima siamo stati ospitati presso la basilica benedettina femminile di Rosano (FI)”.


“La nostra attenzione è poi puntata anche verso i più giovani attraverso il cosiddetto Oftal Domani. Un’equipe garantisce lo svolgimento di attività adatte a quell’età, coinvolgendo i bambini e i ragazzi in primi piccoli servizi verso gli ammalati”.


Molto spesso gli ammalati si sentono soli e perdono la speranza: qui sta l’importanza dell’Oftal e di Lourdes: “è necessario far capire a chi soffre che la Chiesa non li emargina, ma che invece li mette al centro”. Don Denis continua: “La Vergine Maria poi, che Dante chiamava fontana vivace di speranza, addita la vera cura per ogni sofferenza, il balsamo che lenisce ogni ferita: l’Amore senza fine di Dio, un Dio che cerca l’uomo e lo chiama Suo amico, che vince la sofferenza e la morte. Il messaggio di Lourdes è dunque esattamente il messaggio del Vangelo”.


Invito caldamente tutti coloro che sentono l’esigenza di mettersi in ricerca, di aiutare gli altri, di vivere esperienze forti lontane dall’assordante anonimato della modernità, - conclude don Silano - di seguirci e di mettersi in quella processione che la Vergine ci ha domandato”.


Per ulteriori informazioni, è possibile consultare il sito dell’Oftal, www.oftalvercelli.it.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it