VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
lunedì 24 febbraio 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it



23/11/2018 - Vercelli - Società e Costume

NON C' È AMORE VERO SENZA RISPETTO - Giornata di mobilitazione contro la violenza in famiglia - Nella coppia e con i figli, non si deve avere paura di denunciare - Ma si può anche intervenire 'prima' - I bambini e la violenza asssistita

Oggi, 23 novembre, è un giorno importante per tanti ragazzi e ragazze di Vercelli.





NON C' È AMORE VERO SENZA RISPETTO - Giornata di mobilitazione contro la violenza in famiglia - Nella coppia e con i figli, non si deve avere paura di denunciare - Ma si può anche intervenire 'prima' - I bambini e la violenza asssistita
La task force della Polizia di Stato oggi in Piazza Cavour e, nel riquadro ... quella di 'PassoPasso'

È un orco forse ancora più pericoloso di quello che vuole la tua carne.

E’ un orco che ami, così arriva anche un senso di colpa a rendere più grave e greve, il dolore, che si fa segno di contraddizione.

E’ un orco che chiami con un nome dolce e forte, il nome che per te è un punto di riferimento, un modello, il paradigma del tuo stesso affacciarti alla società.

Pensi come lui, parli come lui, giudichi il mondo come lui.

Assumi le sue idee, sposi la sua religione ed i suoi amici sono i tuoi amici, i suoi nemici i tuoi nemici.

Impari ad ascoltare la musica che a lui piace ed a leggere i libri che preferisce, la politica vi dividerà oppure vi unirà, ma lui sarà il primo con cui ti confronterai, discuterai: ti formerà.

Perché ogni giorno ti modella a sua immagine.

Così, quando di notte stai al buio in corridoio, disarmato ed impotente, la tua paura ti fa sentire vile, ma – di più – ti mette in crisi perché entra in crisi il tuo mondo, il sistema di valori, non sai più dove stiano davvero gli affetti e se devi ancora scommettere sugli affetti.

Perché non sai – mentre aspetti che finisca di picchiare selvaggiamente la mamma – se papà faccia così per qualche ragione plausibile.

Forse ha torto la mamma.

Oppure se ci sia qualche problema insuperato ed insuperabile che – la colpa è quella – lo rende così.

Perché il lamento che viene da quella stanza debolmente illuminata… “basta, ti prego, basta…” e che ti svuota, deve avere una ragione.

Non può essere che quell’uomo che chiami papà sbagli.

Fa ogni cosa nel modo giusto.

Soprattutto, devi trovare qualche difesa, perché quel dolore non si può sopportare e non ne puoi nemmeno parlare davvero e con qualcuno che possa fare qualcosa.

E allora incominci a scrivere la tua condanna, nel buio di quel corridoio, che risuona di una implorazione inascoltata perché quelle botte finiscano.

Ti fai una corazza, così niente potrà più ferirti, perché niente potrà più raggiungerti dentro, strapparti il cuore.

Ti fai una corazza, che sarà per la vita come una maschera di ferro.

***

Oggi, 23 novembre, è un giorno importante per tanti ragazzi e ragazze di Vercelli ed in tutto il Piemonte.

Perché si è parlato – ne hanno parlano Istituzioni, Autorità, Responsabili delle Forze dell’Ordine – si violenza contro le donne, ma, ancora più ad ampio raggio, di violenza familiare.

***

Così troviamo, in Piazza Cavour a Vercelli, uomini e donne della Polizia di Stato che dicono una cosa importante: denunciate sempre.

Non lasciate che le persone violente possano sentirsi in qualche modo legittimate dal silenzio, dall’acquiescenza, dalla rassegnazione.

Perché è sempre stato così.

Perchè “tra moglie e marito…”.

No, non c’è amore dove ci sia violenza, dove manchi il rispetto.

Non c’è amore senza dono di sé.

***

Ma oggi è anche il giorno dell’incontro con una nuova Iniziativa, che si chiama “PassoPasso”, ultima nata dalla vulcanica Aleramo Onlus, l’Associazione di volontariato culturale fondata dieci anni fa da Maria Rita Mottola, Avvocato molto noto e soprattutto studiosa di diritto familiare ed animatrice di quel vero e proprio cenacolo di giuristi che è la rivista on line “Persona e danno”, fondata e diretta dal Prof. Palo Cendon.

***

PassoPasso si propone di aiutare la coppia “prima” che entri in crisi.

Di offrire un ascolto multidisciplinare (ne fanno parte Avvocati, Psicologi, persino Attori che aiutano ad uscire dalla realtà “simulata” nella quale l’abusato tende a nascondersi) per capire quando ci siano i primi sintomi di comportamenti degenerativi.

Per affrontare – soprattutto, come abbiamo incominciato a dire in questo articolo – il vero “mostro” che si insinua nelle vite dei soggetti più esposti, i minori, i bambini.

Si chiama violenza assistita.

Si tratta di veri e propri reati non solo quando commessi “sulla” persona, a danno del coniuge, di un fratello o sorella, ma sono reati gravi, forieri di danni differiti enormi, anche quando un bambino è costretto ad assistere alle violenze.

Anche in questi casi, serve denunciare.

Ma forse, alle prime avvisaglie del pericolo, serve affrontare la situazione senza esitazioni, anche se…PassoPasso.

Aleramo Onlus si raggiunge ai numeri 0142591153 - 3273240413

 


NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it