VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
08 Dicembre 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




31/10/2017 - Santhiatese e Cavaglià - Salute & Persona

MOVIMENTO VALLEDORA - Vincoli escludenti le discariche per i siti con acque di ricarica delle falde

L’infelice situazione delle discariche cavagliesi, prossimo Osservatorio si terrà a Tronzano nel mese di dicembre





MOVIMENTO VALLEDORA - Vincoli escludenti le discariche per i siti con acque di ricarica delle falde

Sono intercorsi in questi giorni scambi di opinioni, spiegazioni e precisazioni  tra i consiglieri regionali PD e i Cinquestelle in merito all’ annosa questione Valle Dora (area compresa tra le province di Vercelli e Biella), circa le competenze in capo alla Regione su cave e discariche. Viene lamentato in poche parole dal gruppo pentastellato il mancato divieto di ampliare e realizzare nuove discariche in aree di ricarica delle falde profonde, utilizzate per il consumo umano.
A noi che siamo forse più concreti, preme riassumere e illustrare l’infelice situazione delle discariche cavagliesi (a cui si aggiungono quelle presenti sul limitrofo territorio di Alice Castello)
 
 
Autorizzazione 2000
1° Ampliamento 2007
2° Ampliamento
2016
Discarica a URBANI
ASRAB
550.000 mc
+ 95.000 mc
+ 240.000 mc
Discarica SPECIALI non pericolosi 
A2A
1.329.000 mc
+ 225.000 mc
+ 360.000 mc
 
I due impianti continuano ad ampliarsi, quello destinato ai rifiuti speciali (area privata) è grande più del doppio rispetto al vicino impianto per rifiuti urbani ( cioè indifferenziati). Si sente parlare di emergenza immondizia biellese, ma intanto, silenziosamente, cresce anche il rischioso impianto per rifiuti speciali che costituisce una risorsa estremamente importante in termini di introiti. Tra gli importanti eventi trascorsi, per rinfrancare la memoria, potremmo ricordare che :
- l’accoglimento del ricorso presentato per il primo ampliamento della discarica di Cavaglià fu annullato dal ricorso presentato al consiglio di stato dall’allora presidente della provincia di Biella Scaramal.
- a seguito dei continui solleciti alle due province interessate, Vercelli ha applicato il principio di precauzione e conseguentemente ha negato le autorizzazioni a ben due discariche nella Valle Dora “vercellese”, 
- la provincia di Biella,invece, non applica il principio di precauzione e non ha finora valutato come ostativo, agli ampliamenti di discarica, l'evidente e riconosciuto degrado ambientale presente nell'area, peraltro confermato dal Piano territoriale Provinciale che ha disposto la necessità di un Piano d'area specifico, denominato PRUIS della Valle Dora,
- la Regione Piemonte ha eseguito uno studio cartografico che ha confermato la presenza di ricariche delle falde ad uso umano nell’area Valle Dora,
- i sindaci “responsabili”, vercellesi, soprattutto, aumentano e i ricorsi avanzano, deliberando risorse in nome della tutela della salute,
- opo l’autorizzazione degli ampliamenti della discarica il contenzioso COSRAB - ASRAB arriva alla conclusione. 4.000.000 di euro secondo percentuali definite, verranno incassate dai comuni che potrebbero pensare di incrementeranno la raccolta differenziata, 
- l’ultimo ampliamento della Cavaglià è di 300.000 mc, l’ultima volta erano 95.000. 
Riportati i fatti su citati, non si può non pensare a COSRAB (consorzio rifiuti biellesi) e al suo ruolo. Infatti stupisce la presenza di comuni che non hanno ancora un livello di raccolta differenziata sufficiente a minimizzare il ricorso alla discarica. 
La Regione, dall’alto estremamente virtuosa, pur avendo commissionato la cartografia delle falde nell’ambito del PTA (Piano territoriale delle acque), continua a raggirare l’ostacolo “Valle Dora discariche” con la scusa delle competenze e non pone alcun vincolo normativo nelle aree di ricarica delle falde, come è la Valle Dora. A tal proposito è il caso di richiamare un incontro organizzato dall’Osservatorio del comune di Tronzano V.se a cui ha partecipato anche l’ on Luigi Bobba, in cui lo stesso ha confermato la competenza sulle discariche in capo alla regione (a sostegno del fatto che la mancanza di competenza risulta argomento dibattuto di dubbia interpretazione) e che la proposta di legge 2017 ribadisce che l’individuazione dei siti è di competenza regionale. Quantunque fosse vero, noi reputiamo la competenza in materia di acqua destinata al consumo umano in capo alla Regione, come è ovvio che sia.
In un ordine del giorno della Regione Piemonte dell’ottobre 2016, relativo agli interventi urgenti in Valle Dora, il consigliere biellese Vittorio Barazzotto manifestava preoccupazioni e scriveva “ il tema ambientale deve occupare in modo centrale la politica...la politica non arretra di fronte alle proprie responsabilità “(http://gruppopd.cr.piemonte.it/web/2016/10/25/tutela-delle-falde-acquifere/). Invece, ancora oggi, i cittadini sono costretti a una  interminabile attesa per prendere atto delle disposizioni contenenti i vincoli che escludano la possibilità di realizzare discariche o ampliamenti, di quelle esistenti, in area di ricarica delle falde.
Concludendo ringraziamo tutti, soprattutto quelli che hanno la sensibilità di condividere la problematica e di dare sostegno. Proponiamo, invece, un ringraziamento amaro ai vertici del Pd Biella, che in una serata di maggio 2017 in cui abbiamo partecipato, non hanno consentito ad alcuni referenti del Movimento Valledora di condividere il problema “rifiuti/discariche di Cavaglià“, un nuovo ringraziamento alla provincia di Biella che non ci ha mai onorato di partecipare all’Osservatorio di Tronzano Vercellese, cosicché da confrontarsi con i vicini di casa vercellesi.
In termini di efficacia l’auspicio è che il PD Biella con il suoi consiglieri regionali e il presidente della provincia di Biella, in occasione della nomina del nuovo segretario del partito democratico, di origini cavagliesi, possa presenziare al  prossimo Osservatorio che si terrà a Tronzano nel mese di dicembre.

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it