VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 2 dicembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




19/10/2012 - Cigliano e Borgo d'Ale - Salute & Persona

MONCRIVELLO - "L’io e la malattia: il problema del senso”: importante convegno alla Casa di cura Novarese

Dopo la messa celebrata al Santuario del Trompone da monsignor Cristiano Bodo, vicario generale della Diocesi di Vercelli, studenti, medici e insegnanti hanno assistito al meeting




MONCRIVELLO - "L’io e la malattia: il problema del senso”: importante convegno alla Casa di cura Novarese
Convegno di giovedì 18 ottobre



L’io e la malattia: il problema del senso”. Questo, il titolo del Convegno che si è tenuto giovedì 18 ottobre presso la Casa di cura “Mons. Luigi Novarese” a Moncrivello (Vercelli), in occasione dell’inaugurazione dell’Anno Accademico del corso di Terapia Occupazionale che fa capo all’Università Cattolica del Policlinico Gemelli di Roma.


Dopo la messa celebrata al Santuario del Trompone da monsignor Cristiano Bodo, vicario generale della Diocesi di Vercelli, studenti, medici e insegnanti hanno assistito al Convegno Accademico che si inserisce nell’impegno della Casa di cura “Mons. Luigi Novarese”, diretta dai Silenziosi Operai della Croce, di approfondire le linee guida dell’insegnamento del fondatore che sottolineò con forza l’efficacia terapeutica della motivazione religiosa nel percorso di guarigione dell’ammalato.


 Due i relatori che si sono alternati di fronte ad un’aula magna gremita: il professor Eugenio Fizzotti, docente di Psicologia della Religione presso l'Università Salesiana e il dottor Andrea Cavanna, primario di Neurologia del Comportamento presso il Centro Nazionale per la Salute Mentale e docente di Neuroscienze presso l’Università di Birmingham, Regno Unito.


 Dopo i saluti del professor Francesco Landi, presidente del Corso di Laurea in Terapia Occupazionale, che ha ricordato come dal 2005, anno dell’inaugurazione, l’87 per cento dei laureati abbia trovato impiego in strutture sanitarie, e dopo il breve discorso di Vittorio Balzaretti, delegato dell’Associazione Amici dell’Università Cattolica per l’Arcidiocesi di Vercelli, don Armando Aufiero, sacerdote dei Silenziosi Operai della Croce, ha introdotto il tema dell’incontro.


Monsignor Novarese – ha spiegato Aufiero – aveva capito fin dagli anni Cinquanta, quindi in largo anticipo sui tempi, che il modo con il quale l’ammalato pensa e vive interiormente la sua malattia può essere di grande aiuto nel suo percorso di guarigione. Oggi, queste intuizioni trovano conferma negli studi della psicologia e delle neuroscienze”.


Il professor Fizzotti ha spiegato il pensiero di Viktor Frankl (1905-1997),  lo psichiatra viennese che, attraverso la logoterapia,  sperimentò nuovi metodi di cura per le nevrosi del nostro tempo.


Il professor Cavanna ha messo in rilievo con molti esempi tratti dagli studi più recenti della neuropsichiatria,  come “cervello e psiche siano in dialogo continuo”.  E ha dimostrato come la complessità dell’essere umano possa essere compresa e spiegata solo in una visione complessiva, mente, psiche  e corpo,  capace di coglierne le reciproche influenze.


 


 


NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it