VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 11 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




22/07/2013 - Palestro e Alta Lomellina - Società e Costume

LOMELLINA - I comuni dicono no alla maxidiscarica capace di assorbire tutto l’amianto di due province - Parla l’Associazione Futuro sostenibile in Lomellina

A quanto appreso "a gestire la discarica parteciperà anche il CLIR il Consorzio dei Comuni lomellini di cui fanno parte anche i Comuni contrari"




LOMELLINA - I comuni dicono no alla maxidiscarica capace di assorbire tutto l’amianto di due province - Parla l’Associazione Futuro sostenibile in Lomellina
Lomellina

Molte volte leggiamo sulle pagine della stampa locale una critica, spesso sofferta, dell’incapacità della Lomellina e specificatamente di coloro che la rappresentano, di “ fare squadra” e di  andare ognuno per la propria strada proponendo soluzioni e proposte divergenti, a volte contrastanti.



Un caso emblematico lo troviamo leggendo due notizie apparse a pochi giorni di distanza l’una dall’altra.


Infatti ai sindaci di Sannazzaro, Ferrera, Mezzana Bigli, Galliavola e Scaldasole che si sono recati in Regione per manifestare la contrarietà della loro gente ad un progetto che prevede la realizzazione di una maxidiscarica capace di assorbire tutto l’amianto di due province, una discarica che dovrebbe sorgere a pochi metri dall’enorme impianto della Raffineria, moltiplicando i rischi, il traffico e le problematiche ambientali, si sono contrapposti i sindaci di Mortara, Robbio, Mede, Sartirana e Valle che sollecitano l’approvazione del progetto da parte degli uffici regionali.


L’intervento di questi amministratori favorevoli al progetto ha dell’incredibile e ricorda certi personaggi caricaturali pronti a sostenere qualunque sacrificio purché riguardi gli altri.


Perché Mortara, Mede e compagnia, così smaniosi di liberare i tetti della Lomellina,  non hanno facilitato, favorito, sollecitato l’arrivo di una tale discarica nei loro territori?


Noi non crediamo che avrebbero avuto grosse difficoltà a trovare imprenditori d’assalto pronti a “fare l’affare”, una volta trovata un’amministrazione compiacente.


Forse la loro ritrosia è stata motivata dal fatto che temevano che la stessa sollevazione avvenuta a Sannazzaro e dintorni si sarebbe riproposta tra il loro elettorato ed allora meglio venga fatta altrove ricavandone comunque dei vantaggi economici grazie alla foglia di fico rappresentata dal CLIR.


Infatti anche questa risulta un’incredibile particolarità della faccenda: a gestire la discarica parteciperà anche il CLIR il Consorzio dei Comuni lomellini di cui fanno parte anche i Comuni contrari.


Ci si troverà quindi nell’assurda situazione che questi Comuni si opporranno al progetto  ricorrendo alla magistratura… contro se stessi.


Un’ultima considerazione i sindaci favorevoli, certamente nel tentativo di accattivarsi la pubblica opinione sbandierano il loro obiettivo: liberare i tetti della Lomellina dall’amianto; a proposito: una volta sorse un goliardico movimento per la liberazione dei nani da giardino.


Ebbene, a prescindere dal fatto che tra la realizzazione della discarica e la liberazione dei tetti ne passa di più che tra il dire e il fare, per rendere ulteriore merito alla loro scelta ci sentiamo di dire che la liberazione riguarderà anche i tetti del Pavese, dell’Oltrepò, del Lodigiano ecc. ecc.


Ed ancora una volta la Lomellina, grazie ai suoi lungimiranti amministratori, si sarà dimostrata una terra ospitale ed accogliente, di veleni e di rifiuti naturalmente!


 


Associazione Futuro sostenibile in Lomellina

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it