VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
21 October 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




21/08/2012 - Saluggia e Livorno - La Posta

LIVORNO FERRARIS - Viaggiare in treno, che disagio - Un pendolare amareggiato sottolinea: "Noi proviamo a mettercela tutta, ma le Istituzioni dove sono?"

Alessandro Barbero si sfoga con gli amministratori



LIVORNO FERRARIS - Viaggiare in treno, che disagio - Un pendolare amareggiato sottolinea: "Noi proviamo a mettercela tutta, ma le Istituzioni dove sono?"
Pendolari alla stazione

Lettera indirizzata a:



Assessore regionale ai Trasporti, Barbara Bonino  


Sindaco di Saluggia, Firmino Barberis  


Sindaco di Livorno Ferraris, Marco Michelone   


 


Riceviamo e pubblichiamo


Nel tentativo di fare un po’ di economia domestica ho deciso di tornare a viaggiare in treno sul breve tratto che divide Livorno Ferraris da Saluggia; alla fine il treno c’è quasi ogni ora: perfetto, almeno la macchina la usa solo mia moglie.


Ho fatto l’abbonamento settimanale in attesa di fare poi il mensile per settembre, inutile sottolineare l’aumento rispetto un anno fa (periodo in cui mi muovevo già in treno). Sono però bastati 2 giorni a sotterrare il mio entusiasmo “economico” e i miei buoni propositi “ecologici”. 


Il risultato del tentativo è che per 2 giorni ho pagato il viaggio 2 volte, senza contare il rischio di perdere ore di lavoro. Come ho fatto? Ecco la cronaca. 


20-8-12, ore 7:50 arrivo in stazione in bici, facce sconsolate parlottano all’entrata della stazione; il treno  è in ritardo di 60 minuti; “sarà sfortuna” ho pensato. Torno a casa e prendo l’auto, almeno non perdo ore di lavoro.


21-8-12, ore 7:50 arrivo in stazione in bici e osservo come il ritardo sia nella “normalità” : 5 minuti. Tutto sommato sono arrivato a Saluggia quasi in orario.


Ore 12:25 arrivo alla stazione di Saluggia a piedi per il treno delle 12e 32 per il ritorno; alle ore 12 e 34  tutto tace e da li a qualche minuto è annunciato un treno in transito, null’altro; Ore 12 e 40 cerco qualcuno e trovo un ragazzo dall’ italiano incerto che molto gentile e affranto mi dice: “questa stazione è dimenticata da Dio, il treno che cerchi non è passato, anche ieri un casino, ma non qua, poi mi ha aiutato un amico; comunque guarda che dentro sarà segnalato sul tabellone … annunci, non ne ho sentiti”. Vado con lui a mostrargli che un tabellone elettronico non c’è (non mi credeva) e mentre lui torna a bersi la birra davanti l’ingresso  incontro 2 signori che si presentano come addetti alla manutenzione, mi confermano che il treno che cerco non è passato. Nel frattempo nessun annuncio.


Ore 12:45 torno dal ragazzo gentile che mi dice:”guarda la in fondo … quei ragazzi sono scesi da un pullman che è ripartito, credo fosse il pullman sostitutivo”.


Dal mio arrivo  nessun annuncio, e nulla che potesse farmi pensare che un pullman sostitutivo sarebbe passato alla fermata posta a 150 metri dalla stazione.


Ore 12:50 Chiamo mia moglie che è a casa con un bimbo piccolo, mi viene a recuperare. 


Che dire? Mi sono detto che qualcosa bisogna pur dire, bisogna farsi sentire, non ci si può sempre e solo sentire impotenti. Sono stufo che ogni giorno si debba avere un motivo per pensare che questo paese non va e non andrà mai. Sono le piccole vicissitudini quotidiane ed il loro esito che tengono in vita un lumicino di speranza; io, 28 anni sposato, un figlio, professionista sanitario che dedica il suo tempo lavorativo alla cura degli anziani e che non soddisfatto continua a studiare credo di star facendo il possibile come privato cittadino per rendermi utile; ma le funzioni pubbliche a sostegno di Noi che proviamo a mettercela tutta dove sono? Io non le sento. 


Per concludere mi rendo perfettamente conto che può far ridere che io mi agiti tanto per 10 km di treno, potrei farmeli in bici (come già ho fatto) o a piedi (caldo permettendo) mettendoci 30 minuti/un ora. Alla fine la recessione ci potrebbe riportare ai tempi dei “nonni” che aiuto: per loro nel 1950 era normale girare in bici per chilometri e chilometri. Oppure potrei prendere l’auto: tanto per l’assicurazione sono 600, per il gasolio 1 e 70/litro e se poi dovessi cambiarla per usura servono quei 5000/20000 euro che tutti hanno. O no?. 


Quasi, quasi scrivendo mi è tornato l’entusiasmo di cui sopra, ma si! Domani bici; ma un ricordo fastidioso come un tarlo mi assale; mi passa davanti la cronaca delle strade della bassa (in alcuni casi “deautoveloxizzate” con tanto di cartello ) che mi circondano e mi scorrono in testa i titoli del quotidiano on line che spesso leggo: 


23/12/2011 LIVORNO FERRARIS – Tragico incidente stradale, a perdere la vita è un livornese, Massimiliano Marseglia, 32 anni 


25/02/2012 LIVORNO FERRARIS – Incidente mortale in mattinata, muore Antonio Puletto, 46 anni 


23/03/2012 LIVORNO FERRARIS – Tremendo incidente all’incrocio per Saluggia sulla Tangenziale - Gravemente ferito Fabio Cantinotti, 39 anni, residente a Vercelli - La sua Passat travolta da un Tir


26/05/2012 LIVORNO FERRARIS – Grosso spavento ma per fortuna nessun danno sulla Tangenziale di Cigliano


18/05/2012 CRESCENTINO - Scontro tra auto e moto - Perde la vita Roberto Barbati, 42 anni, originario di Saluggia - Alla guida dell’auto, Stefano Cardinale, di Pinerolo


18/07/2012 LIVORNO FERRARIS - Sangue sull’asfalto: auto travolge e uccide un ciclista, Camillo Albano, 84enne, all’altezza dell’incrocio che conduce a Trino - L’anziano non si sarebbe fermato allo stop


25/07/2012 SALUGGIA - Ubriaco investe e uccide Ferdinando Anselmino e la moglie Luigina De Caroli - Erano in scooter - L’assassino talmente fatto che non capiva nemmeno dove fosse


Livorno Ferraris, 21 Agosto 2012


Alessandro Barbero


 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it