VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
sabato 10 aprile 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




06/04/2011 - Saluggia e Livorno - Politica

LIVORNO FERRARIS - Intervista al candidato: Franco Sandra

Una panoramica a tutto campo con l’ex assessore che ha deciso di scendere in campo con la lista "Amore per Livorno"




LIVORNO FERRARIS - Intervista al candidato: Franco Sandra
Franco Sandra

(r.m) Concludiamo la carrellata sui candidati a Sindaco di Livorno Ferraris intervistando Franco Sandra, assessore uscente della Giunta Masoero che si presenta a capo di una lista che si chiama “Amore per Livorno” e che ha presentato per prima il suo “progetto” ai cittadini, prima di presentare in seguito i candidati e il programma. 



- Allora Franco, parlami di te e della tua famiglia – “Ho conseguito il diploma di Geometra e lavoro ormai da 34 anni. Nel mio percorso lavorativo ho cambiato 3 aziende e lavoro in modo continuativo dal 1986 ad oggi presso una azienda privata che opera nel settore biomedicale,  dove attualmente ricopro il ruolo di  responsabile dell’ente Acquisti. Ho avuto modo di maturare  nel tempo una crescita professionale imparando un’altra lingua e viaggiando molto,  ciò mi ha permesso di confrontarmi anche con la cultura di altri paesi. Ho imparato e di conseguenza ho trasmesso nozioni e strategie di gestione di processi e di personale, frutto di continua ricerca e  formazione  sul modo e metodo di gestire e di migliorarsi. Sono sposato da 32 anni con Pier Rita, infermiera professionale ed abbiamo due figlie, Veronica, 30 anni, geometra e Marianna, 28 anni, farmacista. Oltre a dedicarmi alla famiglia e alla crescita professionale ho sempre coltivato in parallelo due passioni: lo sport, dove mi sono cimentato in varie specialità a livello amatoriale e i migliori risultati li ho ottenuti da allenatore. Ritengo che queste esperienze  mi abbiano arricchito molto sul valore di “gioco di squadra” dove si vince insieme e si perde insieme e dove tutti devono mettersi a   disposizione dell’altro per ottenere un risultato. La seconda passione è sempre stata quella di operare in prima persona per il bene del paese. Nel 1999 sono stato eletto Consigliere Comunale, poi per altri 2 mandati come assessore allo Sport e alle Attività Produttive”.


- Che cosa ti ha spinto a candidarti a Sindaco? – “Ho fatto diverse considerazioni prima di fare questa scelta. In particolar modo durante le ultime elezioni amministrative ho avuto un consenso notevole dalla popolazione. Ho letto in questo largo  consenso che i cittadini hanno espresso,  l’intenzione di confermare la  fiducia alla persona. Durante questo periodo ho avuto modo di incontrarmi e confrontarmi con cittadini che mi conoscono dai tempi dell’infanzia e che conoscono almeno tre generazioni della mia famiglia. Per non parlare dei coetanei e dei giovani che per esperienze sportive e amministrative  ho avuto modo di incontrare nel mio percorso della  vita e che tuttora frequento. Partendo dal presupposto che la gerarchia all’interno di un’organizzazione non è data dalla persona ma dagli obbiettivi che si vuol raggiungere, ho deciso di candidarmi proponendo un  progetto che raccoglie le richieste della popolazione . La prossima Amministrazione che si insedierà a Livorno, deve considerare che troverà la macchina pubblica ferma da un anno e mezzo. Occorrono dei professionisti nei settori chiave e gente che abbia già dimostrato di voler bene al paese in modo operativo e costante. A tale proposito i  candidati della mia lista saranno sicuramente persone che si sono distinti nella professione, per azioni di volontariato o comunque che abbiano operato nel sociale. Sarà una lista che rappresenterà tutti: dall’operaio al funzionario di azienda, dal medico all’ingegnere, dagli artisti agli sportivi, dalla spontaneità del teenager alla saggezza dell’over sessantenne”.


 - Quali sono i punti qualificanti del tuo programma? “Proponiamo delle soluzioni che riducano i costi e che migliorino i servizi delle strutture pubbliche quindi accorpamento plessi scolastici in Viale IV Novembre, l’adeguamento del bocciodromo per avvenimenti culturali, sportivi e sociali e del  plesso scolastico di  S. Agostino come sede per Associazioni, esposizioni, teatro e manifestazioni. Per ciò che riguarda urbanistica  e lavori Pubblici pensiamo al recupero e alla valorizzazione del centro storico mentre per la sanità e l’assistenza vogliamo aprire un tavolo di trattativa con la Regione e l’ Asl di Vercelli  per l’apertura e la gestione della R.S.A. Inoltre vogliano arrivare alla creazione di un ambulatorio medico infermieristico comunale a supporto del servizio erogato dall’Asl. Nel campo delle attività produttive ovvero commercio, artigianato e industria ci sarà l’impegno e la disponibilità a collaborare e ad incrementare le attuali realtà produttive livornesi, creando condizioni che agevolino nello stesso tempo anche  l’insediamento di nuove. Punteremo molto sulla promozione del territorio per i  prodotti, l’arte , la storia e la scienza a Livorno. Nel campo della tutela del cittadino vogliamo una implementazione dei sistemi di sorveglianza e la sinergia per presidio sul territorio tra i Vigili Urbani e l’Arma dei Carabinieri. Nello ambito dello sport e del tempo libero prevediamo il potenziamento e l’ adeguamento del ex  sito T.A.V. con  creazione di campetti per calcio , tennis, basket, parco giochi, area per concerti e  manifestazioni”.


- Puoi già ufficializzare i nomi della tua lista? – “Come ti dicevo prima,avendo fatto l’allenatore , un po’ di pretattica non guasta mai. Renderemo ufficiali i nomi dei 12 players nel momento che il documento ufficiale della lista dovrà essere consegnato in Comune. Comunque i nomi che si sentono e che si leggono non li smentisco”.


-  In caso di vittoria sai già chi farà l'assessore? -  Devo dire che una delle cose che mi ha aiutato a continuare nella costruzione di questo gruppo è proprio il fatto che nessuno dei candidati mi ha avanzato delle richieste, ma si è reso disponibile per fare un qualche cosa di buono per il paese. Vedremo insieme in un secondo tempo come impostare l’organigramma”.


- Quali sono le prime tre cose che farai se fossi eletto sindaco? “Applicherei le seguenti regole : metodo, trasparenza e comunicazione”.


 

il logo della lista di Sandra
il logo della lista di Sandra


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it