VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
lunedì 1 giugno 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




07/09/2018 - Saluggia e Livorno - Cultura e Spettacoli

LIVORNO FERRARIS - Il programma della 5^ Edizione del Festival "Il Suono"

Si comincia sabato 22 settembre con l'Orchestra di Bach



LIVORNO FERRARIS - Il programma della 5^ Edizione del Festival "Il Suono"
La Chiesa Parrocchiale livornese dove si svolgeranno i concerti

(r.m.) - Il Comitato Pro Restauri Chiesa Parrocchiale San Lorenzo Onlus, nell’ambito delle attività culturali promosse a sostegno dei propri progetti, con il patrocinio del Comune di Livorno Ferraris, presenta la quinta edizione del Festival “Il Suono”.

Contemporaneamente al progredire dei lavori di consolidamento strutturale e restauro delle murature esterne della Chiesa Parrocchiale di San Lorenzo promossi dal Comitato Pro Restauri è giunto ormai il tradizionale appuntamento con la 5^ edizione del festival “Il Suono”.

L’edizione 2017 era culminata con il concerto finale in cui per la prima volta in assoluto due grandi virtuosi come Francesco Tamiati alla tromba e Luca Antoniotti all’organo si presentavano in concerto insieme, e, se quella fu una serata speciale, i tre appuntamenti  di questa edizione promettono di essere almeno allo stesso livello.

Si inizia sabato 22 settembre presso l’Auditorium SS. Trinità con “L’Orchestra di Bach”, un progetto nato dal desiderio di un gruppo di affermati musicisti di ricreare quella che era l’orchestra che poteva avere a disposizione Johann Sebastian Bach per eseguire le sue composizioni profane: un ensemble strumentale di dimensioni ridotte con strumenti originali per una esecuzione filologica o, come sarebbe più esatto definire, storicamente informata. I componenti dell’ensemble sono tutti musicisti esperti ed attivi sia in ambito sinfonico/operistico (Orchestra del Teatro alla Scala, Orchestra Sinfonica della Rai, ecc.) che in ambito barocco con tre solisti di eccezione: Manuel Staropoli al flauto traversiere, Efix Puleo al violino e Luca Antoniotti al clavicembalo.

Manuel Staropoli, si è diplomato in Flauto Dolce al Conservatorio “G. Tartini” di Trieste con S. Casaccia, perfezionandosi con L. Cavasanti, ed in Flauto Traversiere al Conservatorio “G. Verdi” di Torino con F. Odling; ha inoltre seguito seminari e masterclass con Kees Boeke, Walter Van Hauwe e Barthold Kuijken. Ha collaborato inoltre con flautisti e artisti di fama internazionale quali Dorothee Oberlinger, Maurice Steger, Gudrun Heyens, Dan Laurin, Pamela Thorby. Ha studiato anche Oboe barocco con G. Caviglia e P. Faldi, specializzandosi inoltre nell’esecuzione con strumenti a doppia ancia del rinascimento come cromorni e bombarde. Si è esibito come solista, in formazioni cameristiche e orchestre, in oltre 800 concerti in Italia e all’estero partecipando a importanti rassegne concertistiche e festivals internazionali (Festival van Vlaanderen; Teatro Alla Scala di Milano, Early Music Festival di Greenwich – London, etc…). Solista dell’Accademia del Ricercare, collabora con I Sonatori della Gioiosa Marca, l’Orchestra Montis Regalis, Collegium Pro Musica, l’Orchestra barocca e l’orchestra sinfonica dell’Orchestra Verdi di Milano. Ha inciso per le case discografiche Sony, Decca, Glossa Stradivarius, Tactus, Amadeus, Brilliant Classic, Dinamic. Con le incisioni “Vivaldi, Sonate a Tre” e “R. de Visée, La Musique de la Chambre du Roy – Vol 1” si è aggiudicato 5 stelle sulla rivista Diapason, mentre ha ottenuto il Diapason D’or partecipando  all’incisione “Il flauto Veneziano” per l’etichetta SONY, collaborando con Dorothee Oberlinger.

Attualmente insegna Flauto Dolce presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari e Flauto Traversiere presso il Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza.

Efix Puleo si è diplomato in violino presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino. Si è poi perfezionato in varie accademie con i maestri C. Rossi, G. Carmignola, D. Schwartzberg e S. Pagliani. Ha fatto parte dell’Orchestra Giovanile Italiana di Fiesole ed ha collaborato assiduamente con l’Orchestra del Teatro Regio di Torino e con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI. È membro dell’ensemble La Venexiana, insignito nel 2008 del prestigioso Gramophone Award per l’incisione dell’opera di Monteverdi Orfeo, e con cui è regolarmente ospite dei principali festival di musica barocca e stagioni cameristiche (Madrid, Eliath in Israele, Monaco di Baviera, Bruges, Regensburg, Roma, Tokyo - Ojii Hall, Seattle, Parigi - Cité de la Musique, Amsterdam - Concertgebouw, Berlino - Konzerthaus, Londra, Istanbul, Mosca - House of Music). Fa parte dei complessi di musica antica Cantica Symphonia e La Fonte Musica con il quale ha suonato nei più importanti festival e stagioni musicali internazionali (Capita selecta early music Amsterdam, Rencontres de musique médiévale du Thoronet, Festival delle Fiandre di Bruges, MITO e Unione Musicale di Torino, Oude Muziek di Utrecht, Resonanzen al Konzerthaus di Vienna, Wratislavia Cantans a Wroklav, Laus Polyphoniae ad Anversa) e ha inciso per le etichette Stradivarius, Glossa, Opus 111 e Orff, ottenendo importanti riconoscimenti dalla critica, come il Diapason d’Or dell’anno nel 2005 per il disco Quadrivium.

Ha collaborato inoltre con i complessi di musica barocca La Risonanza, Accademia Bizantina e con l’orchestra da camera Archi della Fondazione De Sono di Torino. È il primo violino del quintetto d’archi Architorti, con il quale svolge un’attività ormai ventennale fatta di concerti, progetti didattici per le scuole, incisioni, collaborazioni anche con affermati gruppi di musica Pop (Subsonica, Africa Unite), e che è il referente musicale del regista P. Greeneway per il quale ha prodotto le colonne sonore degli ultimi film e opere multimediali, tra cui quelle per la Reggia di Venaria Reale e quella dedicata all’Ultima Cena di Leonardo da Vinci, presentata a Milano e a New York.

Il Maestro Antoniotti, oltre ad essere ormai un affezionato ospite del nostro festival, è uno dei più apprezzati concertisti nazionali con una intensa attività artistica sia in Italia che all’estero. E’ titolare di un curriculum eccezionale: si è diplomato nel 1987 presso il Conservatorio “G.Verdi” di Torino nella classe del maestro Luciano Fornero, nel 1990 ha ottenuto il Premier Prix de Virtuosité in Organo e Improvvisazione, il Premio speciale Barblan (Miglior diploma d'organo) e il diploma d'insegnamento d'Organo nella classe di Lionel Rogg al Conservatorio Superiore di Ginevra, ove si è diplomato anche in Direzione corale con Michel Corboz e dove ha frequentato corsi di musica antica e basso continuo con C. Jaccottet; ha seguito corsi d'interpretazione e di perfezionamento con L.F. Tagliavini, T.Koopman, M. Radulecu, E. Kooiman, H. Vogel, D. Roth e P. Kee. Ha conseguito in concorso una quindicina di premi e  attribuzioni speciali, fra i quali: nel 1992 vincitore, unico italiano nella storia del concorso, del Premio Bach al Concorso Internazionale di Lipsia, secondo premio e premio del pubblico nel Concorso Musica Antiqua di Bruges (1994), primo premio al Concorso Internazionale Svizzero per Organo (Neuchatel, 1997), secondo premio al Concorso Internazionale di St. Albans (1991) e Kaltern (1995)… Ha diretto diverse formazioni corali in Svizzera, è stato organista titolare e direttore musicale dell'American Church di Ginevra, ha suonato come solista con l'Orchestra della Suisse Romande, con l'Orchestra del festival Van Vlaanderen di Bruges, con l'European Baroque Orchestre, nonché in numerosi gruppi da camera, collaborando, come solista in ensemble vocali e strumentali, con solisti e direttori, quali A. Jordan, E. Inbal, M. Corboz, B. Soustrot, M. Piguet; J. Lopez-Cobos. Ha effettuato diverse registrazioni in CD, nonché registrazioni per la Radio Belga, la Bayerische Rundfund, Radio Suisse Romande, CBS, RAI. E stato invitato ad alcuni dei più importanti Festivals Internazionali: Berlino, Haarlem, Lipsia, Norimberga, Duomo di Riga, Filarmonia di San Pietroburgo, Ottobuern…

E’ stato docente titolare della cattedra d'Organo al Conservatorio di Musica di Cagliari. Dopo diversi anni di attività e residenza in Svizzera, nel 2000 si trasferisce in Portogallo, come docente in Organo, Improvvisazione, Musica da Camera e Organologia presso l’ Università Cattolica di Oporto. Rientrato in Italia, dal 2018 è docente di Organo al Conservatorio di Cremona.

Sabato 29 settembre all’organo Serassi Collino della Chiesa Parrocchiale di San Lorenzo avremo l’occasione di potere riascoltare un’altra nostra grande vecchia conoscenza: Mauro Faga.

Membro del Comitato Pro Restauri, in diverse occasioni si è esibito nel corso delle nostre manifestazioni sia all’organo che al pianoforte. Chivassese, all'età di undici anni inizia lo studio  del Pianoforte presso l'Istituto Musicale Comunale "Leone Sinigaglia" di Chivasso dove gli vengono aggiudicate tre borse di studio per meriti musicali. Nel 1996 consegue il diploma di pianoforte a pieni voti presso il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino. Svolge attività concertistica sia come solista che in formazioni cameristiche e vocali, eseguendo un repertorio che spazia dal Seicento fino all'inizio del Novecento. Appassionato di musica per organo, alterna le esecuzioni pianistiche a quelle organistiche dove non trascura le opere di quegli autori meno noti ma rilevanti per la cultura musicale nazionale. E' del Maggio 1999 l'incisione del compact disc "L'organo 'Felice Bossi' del Duomo Collegiata di S. Maria Assunta in Chivasso", volta a rivalutare uno strumento ed un repertorio poco noti al pubblico ma di grande valore storico ed artistico. Da segnalare le partecipazioni alle rassegne concertistiche "Vox Organorum" ed "Organalia", a cura della Provincia di Torino.

Sabato 6 ottobre  alle ore 21 presso l’Auditorium SS. Trinità un graditissimo ritorno: il trio jazz “YouLook” ovvero Luisa Cottifogli alla voce, Aldo Mella al basso elettrico ed al contrabbasso e Massimo Serra alla batteria e percussioni presentano il loro nuovissimo e bellissimo cd “Capitolo II”.

Luisa Cottifogli si è diplomata a Bologna in canto presso il Conservatorio G.B.Martini e in recitazione presso l’Accademia Antoniana di Arte Drammatica e ha studiato vocalità indiana a Bombai. Fra le numerosissime attività musicali e teatrali svolte in Italia ed all’estero ricordiamo le collaborazioni con i “Quintorigo”(con cui ha inciso diversi cd), con la RAI, la Televisione Nazionale Spagnola, la Radio Nazionale Austriaca e quella della Svizzera Italiana.

Aldo Mella è considerato uno dei più importanti contrabbassisti jazz italiani, vanta innumerevoli collaborazioni nazionali ed internazionali, ha fatto parte degli AREA II, è membro del Quartetto di Franco D’Andrea con cui ha inciso 9 cd, è stato il fondatore degli “Animalunga”, ha collaborato con moltissimi musicisti fra cui: Flavio Boltro, Lee Konitz, Stefano Bollani, Stanley Jordan e Rossana Casale .

Massimo Serra Inizia gli studi, giovanissimo, con Daniele Albarello e Paolo Cerlati, dal 1970 studia con Daniele Vineis, prosegue gli studi con il maestro Enrico Lucchini, per poi approdare alla famosa scuola di Alfredo Golino. Musicista dalla straordinaria versatilità, suona con moltissimi gruppi e ottiene nel 1991 il diploma di riconoscimento "Initiation Percoustra" rilasciato da "Percussions de Strasbourg". Dal 1992 ad oggi è batterista della Treves Blues Band. Ha collaborato con molti nomi del panorama musicale italiano, ed ha partecipato a trasmissioni televisive e radiofoniche in Italia e in Europa.

Tutti i concerti inizieranno alle 21 e saranno come al solito gratuiti, l Comitato Pro Restauri Chiesa Parrocchiale San Lorenzo Onlus  auspica la solita nutrita partecipazione di livornesi e non ed augura a tutti buon ascolto.

  

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it