VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
11 Dicembre 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




24/01/2019 - Saluggia e Livorno - Società e Costume

LIVORNO FERRARIS - Costruzione del Tempio della Cremazione: parla il Sindaco Corgnati

Intervista al primo cittadino sul primo impianto che sta nascendo in provincia di Vercelli






LIVORNO FERRARIS - Costruzione del Tempio della Cremazione: parla il Sindaco Corgnati
Il Sindaco Stefano Corgnati

(r.m.) - E' un argomento che ha coinvolto le discussioni in paese nelle ultime settimane, l'ipotizzata costruzione a Livorno Ferraris del Tempio della Cremazione, che sarebbe il primo nella Provincia di Vercelli. L'iter sta procedendo speditamente anche con l'appoggio di tutta l'amministrazione comunale. Per saperne di più ne parliamo con il Sindaco Stefano Corgnati.

- Sindaco, il nuovo Tempio della Cremazione a Livorno ha destato davvero grande interesse. Hai parlato di progetto in “project financing”, puoi spiegare meglio di cosa si tratta? - "Questa nuovo progetto nasce nell’ambito delle opportunità dei partenariati pubblico-privati. Nel caso specifico, una azienda avanza una proposta tecnico-economica di progettazione, realizzazione e gestione del Tempio: in primis, la proposta deve essere considerata di interesse per l’Amministrazione Comunale. Qualora sia di interesse, lo studio di fattibilità viene messo a gara attraverso un bando , con i suoi contenuti sia tecnici che economici: chi vince la gara, si aggiudica la progettazione esecutiva, la costruzione e la gestione della infrastruttura. Con questa istruttoria, il Comune non ha spese ne’ di progettazione ne’ di realizzazione. L’infrastruttura permane di proprietà comunale. Ovviamente il privato che la realizza, la gestisce anche per il tempo definito dal bando di gara che verrà espletato".
-
Quali sono stati i passi fin qui fatti dall’Amministrazione? - "Ricevuta la proposta, il primo passo è stato in Consiglio, dove si è evidenziato un comune interesse e concordato di istituire una Commissione Paritetica tra Maggioranza e Minoranza per esaminare la proposta. La Commissione ha espresso parere unanime e favorevole, con la proposta di alcuni elementi migliorativi: tale parere è stato passato alla Giunta, che lo ha acquisto ribadendo il parere favorevole alla realizzazione. Ora sono in fase di puntuale verifica gli elementi per il bando di gara, sciolti i quali ci sarà la delibera di Giunta che avvia l’istruttoria.”
- Quando si può prevedere l’avvio della operatività del Tempio? - “Se non ci saranno intoppi procedurali, ragionevolmente il temine dei lavori di costruzione saranno da prevedersi entro l’estate del  2020, quindi tempi brevi direi
- Hai parlato di un indotto significativo portato dal Tempio, puoi specificare meglio? - "Sulla base dell’esito della gara ci sarà un introito comunale legato sia alla concessione in diritto di superficie dell’area presso il Cimitero per la realizzazione del Tempio e a questo si aggiungerà la quota di gestione; oltre a questo, visto che il modello operativo è quello della cremazione con immediata consegna delle ceneri ai parenti, con un processo complessivo che dura circa 3 ore, significa avere persone che devono sostare in paese per qualche ora, frequentando locali e esercizi commerciali del paese. Anche considerando solo un numero di cremazioni di circa millecinquecento all’anno, considerando quattro persone che accompagnano il feretro, significa circa seimila persone che permangono a Livorno, con le relative necessità di consumo.”
- Parliamo della questione “Emissioni inquinanti” ? - “Questo è un tema che per settore scientifico accademico conosco molto bene. Quando si decide per la cremazione, ciò implica l’uso di casse senza zinco certificate per la cremazione: per chiarire, casse in legno che accolgono i resti mortali del defunto. Ciò detto, gli impianti sono dotati di filtri sui fumi di scarico e le emissioni sono monitorate real time, con la possibilità di vedere il monitoraggio sul sito del Comune. Ricordo sempre che nessuna delle canne fumarie di scarico delle nostre case è dotata di filtri sui fumi di scarico, tantomeno quelle delle nostre stufe a legna o pellet: un ragionamento normativo li’ si che andrebbe fatto, ma questa è un’altra storia.” 

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it