VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
sabato 31 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




20/11/2016 - Vercelli - Economia

LA RIVOLUZIONE COPERNICANA DELL'INPS ALLA PORTATA DI DANIEL BLAKE - La marcia di avvicinamento delle Istituzioni al cittadino spiegata nei lavori di un Convegno - E alla fine una Signora del pubblico fa una raccomandazione...

proprio prima dei titoli di coda, si alza un privato cittadino e chiede la parola e dà così la chiave per orientare la rotta.






LA RIVOLUZIONE COPERNICANA DELL'INPS ALLA PORTATA DI DANIEL BLAKE - La marcia di avvicinamento delle Istituzioni al cittadino spiegata nei lavori di un Convegno - E alla fine una Signora del pubblico fa una raccomandazione...
Il tavolo dei relatori a 'Incontro ravvicinato con l'Inps'

Capita che si partecipi ai lavori di un convegno, interessanti ancorchè per “addetti ai lavori”, arrivando sino alle battute finali senza ancora avere messo a fuoco come contestualizzarlo, come rappresentarlo ai Lettori che non sono lì ad assistere.

 

Non sanno quindi, i Lettori, né perché si sia convocato il convegno, né cosa ci sia dietro il titolo: quali novità, istanze, problemi che si vogliono risolvere, proposte.

 

E può non essere facile trovare lo spunto.

 

Finchè, proprio prima dei titoli di coda, si alza un privato cittadino e chiede la parola e dà così

la chiave per orientare la rotta.

 

***

 

Come spesso succede, è una chiave simbolica: perché se sottovalutiamo o ci dimentichiamo dell’importanza o del valore dei simboli, se non ci curiamo di loro, accade ineluttabilmente che loro si occupino di noi.

 

Nel senso che l’allusione ad una realtà che c’è ma non si vede, immanente o trascendente che sia, cui rimanda il simbolo nella sua concretezza sensibile e visibile materialità, non deve mai essere persa di vista.

 

Perché le realtà ignorate non sono meno vere, non essendo, la rimozione, una soluzione, ma al più un illusorio esorcismo: restano lì ad interpellarci, paradigmatiche evidenze,  talvolta ineludibile segno di contraddizione.

 

Sicchè ritornano con ritmi talora cadenzati e inesausti, accompagnando i nostri giorni con insistenza “insonne, sorda (…) dal mattino alla sera (…) come un vecchio rimorso o un vizio assurdo” .

 

Qualcosa dunque di inespresso e forse inascoltato eppure esigente e certo non rassegnato al silenzio, velato e bisognoso di essere rivelato pur se ancora indistinto il modo, il canale comunicativo idoneo a liberare il pensiero.


Sicchè, cercando si trova e finalmente il privato cittadino che interviene svela ai presenti ciò che le tre ore di discorsi – anche discorsi belli ed intelligenti – non erano pienamente riusciti a rivelare.

 

Il cittadino – una Signora distinta che ha seguito tutti gli interventi con attenzione – di questo incontro concepito per spiegare come cambierà la relazione tra la Previdenza Sociale e gli utenti

 

Leggi anche:

http://vercellioggi.it/dett_news.asp?id=70114

 

che si è tenuto la settimana scorsa a Vercelli

 

 

riesce a condensare i concetti in una immagine.

 

Una serie di immagini, quelle che offre il film vincitore della Palma d’Oro a Cannes nel 2016:

 

“Io, Daniel Blake”.

 

Ecco per chi vuole saperne di più:

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Io,_Daniel_Blake

 

***

 

E’ la storia del rapporto surreale ed inimmaginabile tra un cittadino che si trova improvvisamente debole e solo di fronte al moloch della burocrazia.

Una storia che potrebbe capitare di vivere a ciascuno di noi, ma che non è vissuta laddove – ce ne lamentiamo così spesso – l’Amministrazione della Cosa Pubblica, la somministrazione di pubblici servizi al cittadino, rovini verso derive borboniche o levantine.


No, la storia è vissuta nella Gran Bretagna dei nostri giorni, a rivelare così quasi una dimensione antropologica del problema quando il cittadino si ritrovi suddito del sistema invece di protagonista, centro dell’attenzione, “ragione sociale”, per dir così, della stessa esistenza della “macchina” burocratica.

 

E così l’esortazione della Signora a realizzare davvero tutto quello che nel convegno si dice.

 

***

 

Particolarmente persuasivi gli interventi del Sindaco di Vercelli Maura Forte: il Comune di Vercelli sarà comune pilota nell’esperienza decentrata ed integrata di lavoro tra Inps ed Enti Locali. Insomma, l’Istituto “farà rete” con i Comuni. Di necessità virtù: riducendo gli Operatori alle proprie dipendenze, si avvarrà dell’aiuto degli Organici comunali raggiungendo in questo modo anche lo scopo di avvicinarsi agli utenti finali.

 

Ma di più (illustra il Sociologo Roberto Cardaci) si “andranno a cercare” gli utenti finali, coloro che in pensione ci sono già o ci vogliono andare.

 

Insomma, è il momento del “porta a porta” dell’Inps nei confronti degli Utenti: non li si aspetta più “ai piedi” dell’Istituto, ma si va a casa loro, si promuovono incontri di informazione e formazione dislocati in tanti punti periferici del territorio.

 

Li si alfabetizzerà all’uso delle tecnologie, al rapporto con i computer, i dispositivi mobili, per accedere al “sistema” previdenziale: obbiettivo impossibile senza formazione sul campo.

 

E così tocca alla Dottoressa Paola Capozzi, Dirigente regionale della Polizia Postale, illustrare i principali rischi della novità, la pirateria informatica, le mille modalità di “phishing”.

 

Le insidie di coloro che, nel web, vanno “a pesca”, appunto, degli ingenui per catturarne i dati e – il motivo è sempre quello – cercare di derubarli, almeno dell’identità e poi alla fine dei soldi sul conto.

 

In concorrenza con i Patronati?

 

No – assicura – concludendo il Direttore Regionale dell’Inps Gregorio Tito.

Non interessa una competizione tra un Inps che vuole rubare il mestiere ai Patronati, storico trait d’union tra il cittadino ed il sistema: occorre unire le forze tra Insp, Patronati e Comuni.

 

Meglio, il Direttore crede di concludere i lavori del Convegno.


***

 

Perché poi chiede educatamente la parola la Signora che ha seguito tutto con attenzione e richiama il simbolo del sistema dove tutto funziona all’apparenza, dove si raggiungono gli obbiettivi, i target rispettando il budget; il sistema che “brandizza” (neologismo che ci mette i brividi) il mercato, anche dell’assistenza non prima di averlo naturalmente segmentato, sempre al fine di perseguire efficienza, efficacia ed economicità ripetute come un mantra politicamente corretto.

 

Ma dove non è impossibile che si vivano storie come quelle di Daniel Blake, che può essere uno di noi.

 

Ed è bello sapere che questa osservazione così sapiente e così acuta, che contribuisce a dare senso e umanità a lavori altrimenti un po’ algidi nel loro pur ineccepibile tecnicismo, sia una Signora colta, ma dal tratto molto semplice e pratico. Intelligente e capace di arrivare subito al dunque, di offrire considerazioni e prospettive non banali e sì – diciamolo pure – illuminanti.

 

E’ bello anche sapere che questa Signora non è estranea alla conduzione di importanti e delicati apparati che così, una volta di più, ci sembra siano davvero in buone mani.

 

E non solo per la preparazione tecnica, che certamente è la prima cosa e di sicuro non manca.

Ma anche perché alla guida di quella macchina così importante, complessa e delicata c’è chi conosce la società costituita da uomini e donne vere come Daniel Blake: la società con i suoi sogni ed i suoi affanni, con le preoccupazioni e la speranza, con il bisogno di orientarsi verso una direzione di marcia persuasiva, anche nel rapporto tra cittadino e Istituzioni.

 

Dunque è il momento di dire grazie alla Signora Rosanna Lavezzaro per questo intervento e di ricordarsi che la Signora è il Questore di Vercelli.


VercelliOggi. it è e sarà sempre gratuito.
Per effettuare una donazione clicca:

http://www. vercellioggi. it/donazioni. asp
Commenta la notizia su
 

https://www. facebook. com/groups/vercellioggi  
Per leggere e commentare anche le principali notizie del Piemonte:

https://www.facebook.com/VercelliOggiit-1085953941428506/?fref=ts

 

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it