VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
sabato 26 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




04/06/2020 - Vercelli Città - Enti Locali

IMMONDIZIA PER STRADA ED ERBA AL GINOCCHIO: MA QUALE DECORO URBANO?! - La Giunta del Niente, paralizzata, tra ordinaria inefficienza e subalternità ad Iren, si prepara a "festeggiare" il compleanno -

Ma i vercellesi festeggeranno ben poco -






IMMONDIZIA PER STRADA ED ERBA AL GINOCCHIO: MA QUALE DECORO URBANO?! - La Giunta del Niente, paralizzata, tra ordinaria inefficienza e subalternità ad Iren, si prepara a "festeggiare" il compleanno -

Per chi arriva a Vercelli dalla direzione Torino, il biglietto da visita di sempre, che in questa giornata di pioggia è ancora più mesto.

La strada ferrata di quella che un tempo era la ferrovia tra Vercelli e Casale è piena di erba.

Appena si svolta verso l’Ospedale, le Via Testi e poi Prati illustrano la solita violenza con cui Atena Asm umilia i cittadini vercellesi lasciandoli nella loro immondizia.

Sappiamo che, qualche mese fa, ha addirittura eliminato i cassonetti da Via Prati come aveva fatto, prima, in via Testi (di fronte alla piscina scolastica) con una finalità – per dir così – pedagogica (si veda l’articolo collegato).

Poiché il loro teorema è sempre stato quello: se c’è il cassonetto, lì vicino l’incivile conferisce in modo impropio.

Così, tolto il cassonetto (non fa niente se il numero dei contenitori è determinato contrattualmente: chi controlla?), a parte che non si elimina il fenomeno, si può ancora meglio vedere come la vegetazione cresca.

Peraltro, non va mai dimenticato che il contratto di nettezza urbana tra Comune e Asm prevede la doverosità della pulizia anche del sedime attorno al cassonetto.

Incomincino a pulire.

Solo dopo, ad educare.

Sembra un vecchio slogan della didattica persuasiva: educare, non pulire!

Torniamo all’erba.

Diranno che la colpa è della pioggia, che si ostina a cadere in Primavera, poi del sole: insomma, un po’ fa brutto e un po’ fa bello.

E questo non va bene.

Come vedremo tra breve in altro servizio, quello di trattare con Iren, socio di maggioranza di Atena Asm con “la schiena diritta” è uno dei tanti impegni elettorali presi dalla Giunta del Niente di Andrea Corsaro.

Si è trattato di un turn over a risultato neutro.

Per ottenere questo risultato la città paga 2.400 euro al mese all’Assessore al Decoro Urbano, circa 4 mila euro al mese al Sindaco.

Di 30 mila euro l’anno è il compenso devoluto al Presidente di Asm, di nomina comunale, così come di 20 mila ciascuno quello percepito dai due Consiglieri di Amministrazione, sempre di nomina comunale, che lo affiancano, insieme ai quattro designati, invece, dal Socio padrone, Iren.

Sono soldi ben spesi?

A parte il muro di gomma, più imbarazzante che imbarazzato, tetragono nel respingere al mittente gli inviti rivolti loro (rivolti ai percettori della pubblica mercede) a fare almeno un gesto: dare una mensilità dei loro emolumenti per l’emergenza Coronavirus. C’è anche un conto dedicato del Comune, si può fare.

Ma se non vogliono, sono problemi loro: ma quale Lupo Bianco?!

A parte questo, si diceva, non sarà fuori luogo domandarsi, vista l’irredimibilità della circostanza, che trasversalmente finisce per accomunare destra e sinistra nella disperata ed irreversibile subalternità ai capataz di Iren, se non sia ora di pensare seriamente a qualche alternativa “di sistema”.

A che pro distribuire compensi che nulla producono al cittadino?

Di fatto, Iren ormai è padrone assoluto della gestione di Atena Asm, avendo tirato fuori soltanto poco meno di 15 milioni di euro.

Così controlla un’azienda che fattura oltre 100 milioni l’anno.

Perché lasciare nella “pancia” di una cosa che in niente e per niente è nelle possibilità di controllo di Vercelli e dei vercellesi, circa 50 milioni che sono dei vercellesi?

Si tratta del controvalore che ancora ha il 40 per cento di azioni in portafoglio al Comune.

Cosa se ne fa Palazzo Civico di una partecipazione dalla quale, finchè dura, prende un po’ di dividendi l’anno, che paiono spesso evocati quale motivo, se non pretesto, per dare disservizi (ridurre i costi, ma non i ricavi, non la Tari che finisce ad Atena Asm) ai cittadini?

Non sarebbe meglio incominciare ad incamerare i 50 milioni di euro “prigionieri” nel capitale sociale di Atena Asm?

***

Ne riparleremo presto, anche perché sta arrivando a scadenza il problema dell’acquedeotto.


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it