VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
domenica 9 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




23/06/2017 - Novara - Salute & Persona

GHEMME - Stop alla discariche vicino alle falde acquifere

Terra del Popolo e 40 sindaci fanno richiesta alla Regione.




GHEMME - Stop alla discariche vicino alle falde acquifere

Vietare la realizzazione e l’ampliamento degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti nelle aree caratterizzate da importanti falde acquifere: è questa la richiesta che verrà avanzata in Regione mediante un’azione collettiva che vede l’associazione Terra del popolo insieme ad oltre 40 Comuni piemontesi, alla Provincia di Vercelli ed a numerose altre associazioni ambientaliste, tra cui il comitato Dnt di Carpignano Sesia e il coordinamento dei comitati Coordite.

 

L’idea è partita da Andrea Chemello, sindaco di Tronzano Vercellese, in Valledora, dove sono presenti numerose e problematiche discariche, a cui si aggiungono ulteriori progetti per la creazione di nuovi impianti. Al primo incontro, giovedì 22, a Tronzano, hanno preso parte moltissimi amministratori pubblici oltre che dei Comuni vercellesi, tra cui ad esempio Santhià, Alice Castello e Ghislarengo, anche degli enti locali novaresi, ad esempio Carpignano Sesia; biellesi; torinesi e dell’alessandrino; tra le Associazioni, in primo piano, Terra del popolo, che ha partecipato con una delegazione guidata dal Presidente Sabrina Marrano, insieme al tesoriere Angelo Platini, all’ingegnere Vittorio Agabio ed a Salvatore Piredda di Trino Vercellese.

 

L’obbiettivo dell’appuntamento era il confronto finalizzato al coordinamento di un’azione collettiva per dare forza alla richiesta, da presentare all’Assessorato all’ambiente della Regione, di inserire all’interno del Piano di tutela delle acque ( Pta ) una prescrizione che vieti la costruzione o l’ampliamento di nuove discariche e di strutture di trattamento degli scarti nelle zone di ricarica, ovvero le aree di importanza idrogeologica strategica, grazie ai preziosi bacini acquiferi contenuti nel sottosuolo - illustra Marrano - . Tutti i presenti hanno convenuto sulla necessità di effettuare in forma coordinata una pressione sull’ente regionale, ai fini dell’introduzione della suddetta norma, a fronte dei numerosi progetti di smaltimento e trattamento rifiuti che differenti proponenti privati hanno predisposto per il territorio piemontese, destando la preoccupazione dei cittadini. Infatti, in molte aree, tali impianti, se approvati nelle diverse conferenze di servizi, andrebbero ad insediarsi su delle zone già fortemente compromesse a livello ambientale, a causa delle attività di medesimo tipo già insediatesi sul territorio e che, in diversi casi, hanno già provocato un documentato inquinamento delle falde acquifere superficiali”.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it