VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
sabato 24 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




29/11/2010 - Vercelli Città - Mondi Vitali

ENERGICO IMPEGNO AL SERVIZIO DI CHI HA BISOGNO

I volontari della Federazione dei Banchi Solidali del Piemonte lavorano assiduamente per la solidarietà.






ENERGICO IMPEGNO AL SERVIZIO DI CHI HA BISOGNO
I Volontari

(s.tre.) - A pochi mesi dalla morte del Presidente Enrico Carità, la Federazione dei Banchi Solidali del Piemonte, che lo ricorda con immutato affetto, procede la sua opera di solidarietà verso gli indigenti e le persone bisognose. Costituitasi il 16 giugno 2006, per desiderio di tre enti fondatori (Le Donne di Porta Torino, l’Associazione Nuovi Orizzonti e la Protezione Civile di Moncrivello) si pone l’obiettivo fondamentale di agevolare il funzionamento dei Banchi solidali di livello regionale e provinciale che operano nei settori alimentare, sanitario, del vestiario e, più in generale, della lotta alla povertà. La sezione di Vercelli ha sede in Via Garrone 20, con magazzino in Via Birago. Per sua natura, e per volontà delle Associazioni Fondatrici, è una struttura aperta all’adesione di tutte le Associazioni di Volontariato che intendono condividere ideali ed iniziative, qualora queste si rendano disponibili a mettere in comune esperienze di vita, energie, e volontà positive a favore di tutte quelle realtà di sostegno verso il prossimo. Non ha fini di lucro. Persegue esclusivamente obiettivi di solidarietà sociale mediante prestazioni non retribuite (in alcun modo) dai volontari messi a disposizione dalle Associazioni aderenti.  Dopo la triste scomparsa del Dott. Carità, il Presidente pro tempore è Salvatore Ivan Raffaele, mentre ne è vicepresidente Valeria Simonetta. Il Consiglio Esecutivo è formato da: Furio Graziano, Caterina Minniti, in veste di consiglieri. La presenza di un’ape nel logo della Federazione dei Banchi Solidali non è casuale, perché “l’ape D’Oretta” richiama un particolare stile di vita, preso d’esempio da chi lavora per la Federazione. In diversi passi della Bibbia, infatti, la terra promessa al popolo è “un paese dove scorre latte e miele” (Esodo 3, 8). Questo insetto è un’instancabile lavoratrice che produce il miele, per la propria specie e per le altre, per uomini e animali. Genera anche la cera, utile perché dà luce nelle tenebre. In più, lavora ricavando dai fiori il proprio sostentamento, impollina le piante, e così ne provoca la riproduzione, a beneficio di tutta la filiera biologica che ne segue. Proprio questo altruismo sociale sta alla base dell’instancabile lavoro dei volontari della Federazione, che si dedicano con passione, e senza nulla chiedere in cambio, al prossimo.  «Tutte le mattine – spiega Furio Graziano, Presidente dell’Associazione Nuovi orizzonti e responsabile dei trasporti- dalle ore 9 alle 13 prepariamo i bancali (uno per Associazione) a seconda del numero di indigenti che ci vengono segnalati. Con i volontari, carichiamo i prodotti sul furgone e provvediamo alle consegne. Le destinazioni sono Bianzè, Livorno Ferraris, Saluggia, Alice castello, Santhià, Crova, Roppolo, Rive, Gattinara, San germano, Crescentino, Tronzano, Masserano, e molte altre. Dopo le consegne, le Associazioni fanno le borse e preparano i pacchi. Il nostro fornitore è il Banco Alimentare di Roma, che dipende da Agea, produttore di merce non commerciabile. Per incrementare gli alimenti, spesso provvediamo a fare le cosiddette “collette alimentari” nei supermercati locali. Adesso abbiamo una convenzione con il Consorzio dei Comuni e arriviamo ad avere fino a 80 unità a cui provvedere. L’anno scorso ne avevamo circa 30. Non è facile riuscire a fare tutto. L’anno scorso abbiamo avuto un movimento annuo di 2 mila quintali di prodotti. Quando gli indigenti sono circa 200, in una “bolla di trasporto tipo” consegniamo: 20 unità di latte, 7 di pasta lunga, 9 di pasta corta, 3 di ditalini, 12 di biscotti, 10 di grana padano, 12 di riso, 3 di confettura in vaschetta, 5 di fette biscottate». Tra i collaboratori instancabili, c’è anche Giuseppe Barale, Vicepresidente di nuovi Orizzonti. Dietro il sorriso e la disponibilità dei volontari ci sono diverse ore di energico impegno per rendere migliore il domani di molte persone che non saprebbero cosa mettere sotto i denti. Non c’è stagione che li possa fermare: sole, pioggia, neve o nebbia. Imperterriti fanno del loro meglio per fare nascere qualche sorriso. Ed è per questo che, quando vedrete i banchi delle collette alimentari e riconoscerete “l’ape amica”, sarà un dovere morale poter partecipare facendo la vostra parte. Olio, tonno, legumi, pelati in scatola, possono fare la differenza per qualcuno.
NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it