VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
sabato 26 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




31/03/2015 - Vercelli Città - Enti Locali

DOMANI RIAPRE IL PASSAGGIO A LIVELLO DI VIA MONTE BIANCO - L’Ordinanza di chiusura adottata un anno fa - Ma non gliene è fregato niente a nessuno, tra Dirigenti e Funzionari del Comune, di informare cittadini e Amministratori

Decisione che ha padri e madri sulle cui virtù si sta in questi giorni esercitando la fantasia di tante persone. Padri e madri che, tuttavia, non sarebbe giusto accomunare a coloro che in Consiglio comunale in quel 26 marzo dissero chiaro e tondo che la scelta sarebbe stata decisamente negativa.






DOMANI RIAPRE IL PASSAGGIO A LIVELLO DI VIA MONTE BIANCO - L’Ordinanza di chiusura adottata un anno fa - Ma non gliene è fregato niente a nessuno, tra Dirigenti e Funzionari del Comune, di informare cittadini e Amministratori
Passaggio al livello da Via Padre Baranzato a Vercelli oggi 31 marzo 2015 ore 18,30

( g.g. ) - Riapre da domani mattina (mercoledì 1 aprile) il passaggio a livello di Via Monte Bianco – Via Padre Baranzato.


L’interessamento del Sindaco Maura Forte presso le Ferrovie dello Stato (mentre in Consiglio Regionale Gabriele Molinari teneva sponda con l'Assessore ai Trasporti della Regione Balocco) ha reso possibile un temporaneo dietro front dell’Azienda pubblica rispetto alla decisione  ( devastante per la viabilità di un intero quadrante cittadino e per gli accessi urbani da e per Biella – Torino ) che tuttavia non è revocata.


Il provvedimento slitta di 15 giorni (il prossimo 15 maggio si chiude di nuovo) per consentire alla gente di organizzarsi dopo il fattore sorpresa.


Sorpresa per molti, ma non per tutti.


La decisione, infatti – come abbiamo anticipato nel nostro articolo di ieri – è la conseguenza di una deliberazione del Consiglio comunale adottata il 26 marzo 2014 (dicesi duemilaquattordici) quindi più di un anno fa.


Decisione che ha padri e madri sulle cui virtù si sta in questi giorni esercitando la fantasia di tante persone.

Padri e madri che, tuttavia, non sarebbe giusto accomunare a coloro che in Consiglio comunale in quel 26 marzo dissero chiaro e tondo che la scelta sarebbe stata decisamente negativa.


Votarono a favore della convenzione con RFI (l’Azienda delle Ferrovie che si è impegnata a svolgere una serie di lavori “compensativi”, parte dei quali oggi incompiuti) quindi a favore della chiusura del passaggio a livello il Sindaco Andrea Corsaro ed i seguenti Consiglieri: Marino, Apice, Vercellino, Gasparro, Alaimo, Casalino, Candeli, Cortesi, Tascini, Bassignana, Simonetta, Di Maggio, Averone, Malinverni, Maffei, Zanotti, Bordonaro.


Votarono contro: Massa, Colombi, Comella, Caccavo.

Astenuti: Naso, Sala, Ranghino, Bagnasco.

Assenti da quella seduta: Archero, Campisi, Capra, Corradino, Cressano, Forte, Grigolon, La Mantia, Nulli Rosso, Pasquino, Pozzolo, Rosso, Scarrone, Toniazzo.


La responsabilità politica è quindi chiara.


Dopo quella deliberazione del Consiglio comunale è toccato alla Dirigente facente funzione (il Comando Vigili Urbani era privo di Dirigente dopo la prematura scomparsa del compianto Giorgio Spalla e prima che arrivasse il nuovo Comandante Roberto Riva Cambrino) emanare l’Ordinanza pedissequa (in pdf allegata al presente articolo) che data 9 aprile 2014.


A livello amministrativo e di fatto, dunque, la chiusura del passaggio a livello l’ha disposta il Comune stesso con l’Ordinanza del Comando dei Vigili Urbani ed a decorrere dal 31 marzo 2015.


E’ dunque dal 9 aprile 2014 che si sapeva che ieri si sarebbe proceduto alla chiusura.

Ma evidentemente non è possibile circoscrivere qui – anche in termini temporali – la cosa, se è vero che successivamente all’8 giugno 2014 è entrata in carica una nuova Amministrazione.


Che si è trovata con questa “patata bollente” tra le mani e, soprattutto, senza che nessun Dirigente provvedesse ad informare gli Amministratori della intervenuta Ordinanza di chiusura.


Atto che – è vero – essendo stato pubblicato (a maggio 2014) all’Albo Pretorio on line del Comune si può dare per letto da tutti e quindi anche dai nuovi Consiglieri comunali entrati in carica dopo l’8 giugno 2015.


Si può dare – forse – per letto a Paperopoli o Topolinia.


Ma forse nemmeno lì. Perché  il Commissario Basettoni magari insieme ad Archiemede Pitagorico e Paperetta Ye Ye, con Amelia la Fattucchiera che Ammalia si sarebbero preoccupati di preparare un plausibile insieme di interventi per informare la pubblica opinione e – incidentalmente – i nuovi Amministratori delle strategie pensate (parola grossa ed assai impegnativa) per condurre per mano gli Utenti.


Insomma, gliene sarebbe fregato qualcosa a qualcuno di come presentare la modifica della viabilità alla gente, che è la prima a patire i disagi. Disagi, che, d’altra parte, sono anche condivisi – per esempio – da chi gravita attorno alla Cascina Bargè che è un servizio comunale di primaria importanza, per fare un esempio.


Invece, non gliene è fregato niente a nessuno, tra Dirigenti e “Posizioni Organizzative” (alla faccia dell’organizzazione) e men che meno hanno pensato di proporre qualcosa di sensato all’Amministrazione.

Che così – la cosa è incredibile, ma è successa – è venuta a sapere dalle Ferrovie, ieri 30 marzo, che il passaggio a livello sarebbe stato chiuso.


Ora il Sindaco ha ottenuto che l’Azienda ritorni almeno temporaneamente sulle proprie decisioni. Almeno fino al 15 maggio prossimo.


Nello stesso tempo si verificherà se RFI abbia adempiuto a tutti gli  obblighi parallelamente assunti a suo tempo, che rappresentano una sorta di “contropartita” alla chiusura.


La cosa che ormai comunque tocca in modo ineludibile ed indifferibile alla Amministrazione è fare in modo che comportamenti negligenti siano sanzionati.


Il Comune è un Ente che deve erogare servizi ai cittadini. 


Non è uno stipendificio nel quale si possa passare sotto silenzio qualsiasi mancanza.


La gravità della situazione non è sfuggita all’Opposizione che, per bocca di Enrico Demaria non esita a dire: siamo a “oggi le comiche”. 


Speriamo che gli annunciati provvedimenti nei confronti dei responsabili non restino un mero annuncio.

 

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

passaggio a livello di via monte bianco padre baranzato

ferrovie dello stato

vercelli

maura forte

ordinanza di chiusura

deliberazione del consiglio comunale

andrea corsaro


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it