VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
21 October 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




23/05/2019 - Vercelli Città - Enti Locali

COPERCHIO, SI LAVORA CON CALMA, MA A PARTIRE DA DOVE SERVE - A rendere impossibili i futuri controlli sulla lunghezza della vasca - La Squadra mette De Vivo e Nuovo Civ con il coltello dalla parte del manico -

Intanto si spera nel recupero di Via Prati -



COPERCHIO, SI LAVORA CON CALMA, MA A PARTIRE DA DOVE SERVE - A rendere impossibili i futuri controlli sulla lunghezza della vasca - La Squadra mette De Vivo e Nuovo Civ con il coltello dalla parte del manico -
Ieri, 22 maggio, lavori al Centro Nuoto a Vercelli -

Si lavora con calma.

Ma con tempismo

Perché, per ora, i Lettori che gentilmente mandano queste immagini e che tengono monitorato il cantiere del Coperchio al Centro Nuoto, non hanno mai notato più di due Operai che vi lavorano.

Come sappiamo, i lavori si sono iniziati la settimana scorsa, anche se la maggioranza dei Consiglieri Comunali (che, fino a prova del contrario, rappresentano il popolo) si è espressa contro.

La Squadra è andata avanti lo stesso.



Squadra che vince non si cambia -

Vogliono a tutti i costi il coperchio.

Iniziare il 13 maggio aprendo il cantiere a due settimane dalle elezioni, non è che risolva il problema di questi sei anni trascorsi senza piscina coperta.

Almeno la ristrutturazione di Via Prati si sarebbe potuta fare con pochi soldi ed in poco tempo.

Pochi soldi perché da quella Struttura è assodato che la copertura in amianto sia stata bonificata e rimossa nel 2008.

Quindi si sarebbe trattato solo di opere per renderla meno “scolastica” e più “pubblica”, cioè adatta (ad esempio con un numero maggiore di docce e servizi) ad ospitare gli Utenti per cui la vasca si rivelava particolarmente vocata: infanti e bambini, fitness, disabili, varie specialità come acquaticità in gravidanza, riabilitazione e altre.

Sarebbe stato possibile e facile.

Ma è già stato un successo evitare che la piscina sia stata abbattuta, come alcuni pazzoidi nel corso del tempo hanno vagheggiato.

Però è lì, si vedrà nei prossimi anni come fare.

***

Tornando al cantiere.

Dunque, questo investimento (circa 1,8 milioni di euro) non è voluto dalla maggioranza degli attuali Consiglieri Comunali,perché farlo proprio ora?

L’effetto propaganda sperato è minimo, se ne rendono conto persino coloro che hanno voluto.

Però il fatto che sia ormai contrattualizzato, dà in mano alla ditta appaltatrice il coltello, e dalla parte del manico.

Perché?

Perché molti tra i candidati Sindaco (tra questi: Andrea Corsaro, Roberto Scheda, Alberto Perfumo e Michelangelo Catricalà) dicono: se vinceremo noi sospenderemo questo progetto insensato e faremo una piscina come si deve.

E magari (speriamo noi) intanto per incominciare ristruttureranno Via Prati, così qualcosa di pronto in tempi utili e per le categorie più bisognose ci sarà.

Ma questi sono auspici, le parole contenute nei programmi elettorali parlano comunque di cambiare strada rispetto al Coperchio.

Ma, quando vorranno farlo, si troveranno con il Dirigente Pino Scaramozzino che dirà: ma guardate che questi hanno un contratto firmato, per risolverlo magari bisognerà pagare una penale.

***

Sicchè la Squadra – nonostante la mozione contraria della maggioranza dei Consiglieri Comunali – ha messo la Società De Vivo di Potenza in Consorzio con il Nuovo Civ di Vercelli Cappuccini, Geom. Bertolone, di avere il coltello dalla parte del manico.

Se uno chiede al Pd di Potenza cosa pensi della De Vivo, assai probabilmente si sentirà rispondere: ottima ditta.

Se uno chiede a Fratel Marco Ciocca cosa pensi del Nuovo Civ, che ha sede legale in Via Oldoni 14 (così, come si vede, è tutto legale, a partire dalla Sede) magari dirà: ottima ditta.

E se lo dice lui, forse lo dirà anche il potente massone (Loggia Galileo Ferraris n.10, quella di Via Dante) che è nella Lista “Vercelli con Maura Forte”.

***

I lavori dunque, pur andando con calma, dalle fotografie che arrivano sembra che incomincino dalla vasca.

Sappiamo che ora avrebbero scoperto (con una perizia di variante) che la vasca non misurasse 25 metri precisi di lunghezza.

Ma solo 24,90.

Hanno deciso di allungarla.

Naturalmente, il prezzo dei lavori aumenta.

Così De Vivo e Nuovo Civ aumentano un po’ il fatturato.

***

Si vede che la vasca, dal 1987, si è ristretta perché, come si vede dalla illustrazione, a maggio di quell’anno l’Ingegnere Capo del Comune, Emmanuele Pizzimbone, certificava che fosse lunga 25 metri.

Poi l’ha ben ben guardata la Coni Servizi, ma non si è accorta di niente.

Poi l’ha ben ben guardata Paolo Pettene, l’ideatore del Coperchio, ma, verosimilmente, nel corso di due anni non ha messo nessuno sull’avviso: guardate che è corta!

***

Se ne sono accorti a metà aprile 2019, con la perizia di variante.

E ora, siccome i lavori incominciano proprio di qui, non si potrà mai più andare a controllare.



Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it