VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
08 Dicembre 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




08/11/2010 - Cigliano e Borgo d'Ale - Cronaca

CIGLIANO - IL RICORDO DEI CADUTI DI TUTTE LE GUERRE Corteo delle autorità e della banda musicale per il 4 novembre

Avvolti dalla bruma autunnale, le Autorità hanno reso omaggio ai caduti di tutte le guerre





CIGLIANO - IL RICORDO DEI CADUTI DI TUTTE LE GUERRE Corteo delle autorità e della banda musicale per il 4 novembre
Italia

(Raffaele Tini) Avvolti dalla bruma autunnale, le Autorità hanno reso omaggio ai caduti di tutte le guerre. La cerimonia si è aperta in piazza Martiri della Libertà al suono della banda musicale che per l’occasione si è schierata tra i tricolori garrenti al vento. A seguire la solenne celebrazione in chiesa parrocchiale, ove don Riccardo ha ricordato, nella sua omelia, il sacrificio di quanti sono morti per la libertà della nostra nazione. In particolare si sono ricordati i militari italiani impegnati all’estero, perché costruttori di pace, e non portatori di distruzione, siano immuni dall’odio e possano svolgere i loro compiti per il benessere delle popolazioni locali fino al ritorno a casa dalle loro famiglie. In prima fila gli alpini, i volontari ciglianesi e una rappresentanza della locale stazione dei carabinieri. Prima della fine della messa, i bambini delle scuole elementari hanno inscenato una piccola rappresentazione teatrale. All’uscita, il corteo si è snodato verso le porte del cimitero, tra il viale che ricorda i caduti della guerra 15-18, fino al monumento per i martiri ciglianese dell’ultima guerra. Qui si è reso omaggio al loro eroico sacrificio deponendo una corona di fiori e presentando gli onori della bandiera. Quasi a mezzogiorno, si è inaugurata una lapide che ricorda i defunti della banda musicale, che rende più gioioso il paese sin dagli inizi del dopoguerra.  Il 4 novembre, quest’anno di giovedì, è un giorno importante per la storia d’Italia: si celebra in questa data l’armistizio che nel 1918 pose fine alle ostilità tra l’Italia e l’Austria-Ungheria, conclusasi sul campo di battaglia con la vittoriosa offensiva di Vittorio Veneto. Una vittoria frutto della dedizione, del sacrificio e dell’unità del popolo italiano, che ha portato alla liberazione delle terre irredente, portando a termine il grande disegno risorgimentale di una nazione per tutti gli italiani, forte, unita e sotto la guida della monarchia. Una vittoria che costò la vita a 689.000 italiani, mentre 1.050.000 furono i mutilati e i feriti: cifre che devono far riflettere, numeri da ricordare, perché questo sacrificio collettivo di intere generazioni di giovani caduti sulle montagne del Trentino, del Veneto, del Friuli, del Montenegro, dell’ Albania, della Grecia e della Bulgaria, nelle acqua del Mediterraneo o nei campi di prigionia della Moravia, possa essere sempre compreso e ammirato.  

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it