VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 11 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




11/12/2013 - Palestro e Alta Lomellina - Cronaca

CASALE E LOMELLINA - Gli studenti penalizzati dai nuovi orari dei trasporti ferroviari scrivono all’Assessore Barbara Bonino

Un problema che coinvolge Casalese, Bassa Vercellese, Chivassese e Lomellina




CASALE E LOMELLINA - Gli studenti penalizzati dai nuovi orari dei trasporti ferroviari scrivono all’Assessore Barbara Bonino

All’Attenzione dell’Assessore Regionale ai

Trasporti, infrastrutture, mobilità e logistica

dott.ssa Barbara BONINO

assessore.trasporti@regione.piemonte.it

 

e, p.c.,

 

al Prefetto di Alessandria

 

al Presidente della Provincia di Alessandria

 

al Sindaco di Casale Monferrato

 

ai Sindaci del Territorio

casalese, pavese, chivassese, basso vercellese

 

Stimatissimo Assessore,

siamo i rappresentanti della Consulta Provinciale Studentesca, del Consiglio di Istituto (componente alunni) e dei Consigli di classe dell’Istituto Superiore “Cesare Balbo”, una delle tre scuole superiori di Casale Monferrato (oltre all’IIS “Sobrero” e all’IIS “Leardi”) che, con le Agenzie formative CIOFS e ForAl e la Scuola paritaria “Artusi”, costituiscono uno dei patrimoni della Città, composto da più di 3000 studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

Almeno il 30 % di questi studenti proviene dai Comuni della Lomellina, del Valenzano, del Chivassese e del Basso Vercellese e risulta essere fortemente penalizzato dai nuovi orari ferroviari che entreranno in vigore dal giorno 16 c.m. .

Già i nostri Dirigenti scolastici, con i Sindaci e l’Amministrazione provinciale, hanno evidenziato le ragioni di queste penalizzazioni, stigmatizzando il non coinvolgimento da parte di Trenitalia delle parti sociali e delle scuole che avrebbero potuto facilmente spiegare ai Responsabili che gli orari scolastici in città da più di vent’anni risultano essere stabili e collegati direttamente alla complessa rete di autotrasporti che serve la città di Casale, frequentata per ciò che riguarda il sistema scolastico anche da alunni che provengono da quasi 50 chilometri di distanza.

Per questo motivo, da sempre, gli orari di inizio e di fine delle lezioni devono essere dalle 7.45 alle 13 su sei giorni alla settimana, per consentire agli alunni – specie dei Licei e degli Istituti tecnici che devono svolgere anche numerose attività di studio domestico pomeridiano – di vivere un processo di crescita educativa e di formazione equilibrato e armonico; in questo momento, col previsto nuovo orario, i treni arriverebbero troppo tardi e ripartirebbero troppo presto, costringendo a perdere quotidianamente più di mezz’ora di lezione, obbligando gli istituti – che non ne hanno alcuna intenzione – a immaginare orari spezzati con rientri pomeridiani.

Le scuole casalesi non dispongono di spazi che possano ospitare gli studenti in caso di orario spezzato o diversamente articolato e non riuscirebbero tantomeno a gestire una presenza di studenti da parte di zone periferiche che stimano e apprezzano i servizi formativi offerti dalla città), ma non potrebbero più afferire a Casale nel caso in cui entrassero in vigore orari che spingono obbligatoriamente le famiglie a rivolgersi ad altre scuole più vicine per evitare che i figli tornino a casa quotidianamente da scuola troppo tardi.

Tutto ciò ci sembra assolutamente inaccettabile e addirittura una presa in giro, visto che in contemporanea sono aumentati di molto i prezzi dei biglietti anche per gli studenti e continuano a manifestarsi problemi sulle tratte con ritardi sistematici anche di più di mezz’ora (cosa che già causa disagi agli studenti, alle famiglie e alle scuole).

Chiediamo di esser trattati da cittadini portatori di un particolare dirtto, quello all’istruzione, e di essere considerati soggetti a pieno titolo inseriti all’interno di quegli interessi primari che vanno messi al primo posto nella progettualità di una comunità: perché se di scuola o di sanità, quali mai potrebbero essere ?

Siamo fiduciosi in Suo intervento risolutivo che renda ragione alle nostre esigenze e salvaguardi la legittimità delle istituzioni.

Con stima.

I rappresentanti degli studenti di

Consulta Provinciale

Consiglio di Istituto

Consigli di Classe

 

 

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it