VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
venerdì 22 ottobre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it



09/02/2013 - Santhiatese e Cavaglià - Cronaca

CARISIO – Don Lodovico sventa una truffa - Un presunto notaio torinese in arresto

Grande sagacia del Parroco carisino che, fiutato l’imbroglio, si è rivolto immediatamente ai carabinieri.



CARISIO – Don Lodovico sventa una truffa - Un presunto notaio torinese in arresto
Il Parroco, Don Lodovico De Bernardi

(d.a.) Nei giorni scorsi Don Lodovico De Bernardi, parroco di Carisio e Salussola, è riuscito a sventare una truffa. Un finto notaio torinese di 33 anni aveva già truffato diversi sarcedoti sia nel torinese che nel vercellese. La truffa era composta da due parti. La prima era una telefonata di una complice, ancora latitante, che parlava di un lascito testamentario, di una presunta zia defunta, di 50 mila euro. La stessa introduceva poi, la figura del notaio che avrebbe contattato il parroco per le procedure burocratiche.



Come da copione, anche questa volta il notaio fasullo ha contattato Don Lodovico. Parlando della donazione e delle pratiche burocratiche da svolgere ha accennato anche al costo di quest’ultime, ben 3.800 euro, da pagare in contanti nel presunto studio notarile a Torino. Don Lodovico però, fiutato l’imboroglio e, fingendo di accettare, si rivolge ai

Carabinieri di Salussola. Così questi, insieme con i colleghi del

Norm di Biella, decidono di cogliere sul fatto il presunto notaio e con una scusa lo fanno venire a Biella dove, Don Lodovico avrebbe fatto da esca. Infatti, il notaio avrebbe voluto che il parroco si recasse a Torino, presso la stazione di Porta Nuova per la consegna, ma questi lo convince a incontrarlo, invece, a Biella. La zona dell’incontro è accerchiata dai militari in borghese e quando il notaio torinese fa per prendere la somma di denaro viene, prontamente, arrestato. In caserma vengono scoperti i precedenti dell’uomo. Il giudice del Tribunale di Biella che ha esaminato il caso, dopo aver convalidato l’arresto ha anche interdetto l’uomo, affinchè lui non metta più piede sul territorio biellese. Il processo per direttissima si terrà martedì 26 febbraio.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it