VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
08 Dicembre 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




09/03/2011 - Santhiatese e Cavaglià - Società e Costume

CARISIO – Premio della giuria popolare per Stefano Cappellaro - Lunchtime sprecato convince le persone presenti alla serata

Il concorso nasce dalla volontà di educare i giovani alle tecnologie comunicative e di limitarne perciò gli abusi





CARISIO – Premio della giuria popolare per Stefano Cappellaro - Lunchtime sprecato convince le persone presenti alla serata
Alcuni dei partecipanti al concorso Corto Cossato Doc

(d.a.) - Venerdì 04 Marzo si è tenuta la serata di proiezione e succesiva premiazione dei cortometraggi in gara al festival Corto Cossato Doc. In sala erano presenti autorità comunali e provinciali. Il concorso nasce, come spiega la Dottoressa Elisabetta Airone, dalla volontà di arginare nei giovani l’abuso dei mezzi di comunicazione. «Corto Cossato Doc vorrebbe diventare uno strumento educativo sull’uso corretto delle tecnologie comunicative, come i video. In accordo con quest’idea,  durante tutto il 2010, si è svolto un corso per imparare l’arte del cortometraggio, a quest’iniziativa hanno fatto parte anche con gli istituti scolastici del biellese. Tutto questo sotto la supervisione di Maurizio Pellegrini che ha anche diretto un cortometraggio, non in gara, sintesi del corso stesso, dal titolo  “Chi ha Imbrattato i muri del mercato”. Tema del concorso era simbolicamente il tempo libero, così da invogliare ulteriormente i giovani partecipanti a dare nuove proposte per non sprecare il tempo a loro disposizione.» La serata ha visto la proiezione di 7 corti in gara e di 2, a conclusione, per soli fini espositivi. L’ultimo corto visionato era di due membri della giuria, Emanuele Policante e Vieri Brini, dal titolo “Nostalgico avvenire”. I titoli dei cortometraggi in gara erano: “Svago tra amici” di Ilaria Zocco, “Nel tempo libero la paranoia” di Roberto Placanico, “Basta un po’ di fantasia” di Luca De Gasperi, “Il misterioso delitto del re del pop” di Fosca Zanone, “Poetiimprenditori” di Elisa Monti, “Lunchtime sprecato” di Stefano Cappellaro e “Tempovale” di Riccardo Poma. Oltre alla proiezione dei video, sulle pareti si poteva vedere una mostra fotografica che ricalcalcava il tema del concorso, proponendo come tempo libero immagini di diversi sport.



La giuria di qualità ha premiato “Nel tempo libero la paranoia”, in cui si mostrava la noia come nemico giurato di chi non sa come impiegare il proprio tempo. Un premio è stato dato agli under18, a “Il misterioso delitto del re del pop” che, pur con mezzi scarsi, rappresentava bene la creatività della regista. La giuria popolare ha premiato Stefano Cappellaro; “Lunchtime sprecato” è un bell’esempio di come il tempo libero possa anche essere sprecato per dei fraintendimenti. Infine una menzione speciale, data da informagiovani, è stata assegnata  a “Tempovale” per la drammatica e comica realtà che rappresentava: un uomo schiavo degli orologi e del tempo. Tutta la serata è stata ripresa dalle telecamere di TeleBiella.

Un momento della premiazione di Stefano Cappellaro
Un momento della premiazione di Stefano Cappellaro


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it