VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
21 July 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




Dettaglio News
10/07/2019 - Vercelli Città - Mondi Vitali

BRUTTI SPORCHI E CATTIVI Vs. BELLI RICCHI E BUONI - La sfida a rotelle è partita - Gianni Torazzo per ora non ne vuole sapere di fare il presidente dei buoni - Tarsia non molla

Lo Skating potrebbe trovarsi come il tacchino invitato al pranzo di Natale -



BRUTTI SPORCHI E CATTIVI Vs. BELLI RICCHI E BUONI - La sfida a rotelle è partita - Gianni Torazzo per ora non ne vuole sapere di fare il presidente dei buoni - Tarsia non molla
Salvatore Tarsia -

Per cercare di capirci qualcosa, bisogna rifarsi ad un recente esempio, un parallelismo, nel mondo del Calcio.

Ci ricordiamo della vicenda Pro Belvedere / Pro Vercelli.

La Pro Vercelli di Vero Paganoni era in cattive acque.

Tutte le volte che si vedeva in un filmato un’intervista a Marco Sesia, il Mister delle Bianche Casacche, veniva da piangere.

La Pro Belvedere, acquisendo (andiamo a memoria) un titolo sportivo del Trino, entrò in campionato.

Poi Paganoni si fece da parte, ma sistemando le pendenze economiche dei Leoni.

Sicchè il gruppo di riferimento della Pro Belvedere acquisì a pieno titolo la Pro Vercelli, ma non lo stock di passivo.

Era agosto 2010.

Il secondo anno di vita – sia permesso ricordarlo – di VercelliOggi.it, sicchè ecco il servizio di quella storica cessione, linkato tra le notizie correlate, in alto nella pagina.

Nove anni dopo, si torna a parlare di cessioni nel mondo Pro Vercelli, ma “con i piedi al caldo”, cioè con una situazione economica tranquilla.

Per il resto, sono corsi e ricorsi storici, come anche le immagini del servizio di allora ripropongono.

***

Cosa sta succedendo nell’Hockey?

Se abbiamo capito bene (il beneficio d’inventario è d’obbligo) qualcosa di simile, mutatis mutandis.

Da un lato, la società Amatori Hockey Vercelli.

Presidente, Salvatore Tarsia.

Con lui, un gruppo di persone che, fino ad ora, non ha mollato.

Contro di lui, un sacco di gente con i soldi.

Il marchio Amatori Hochey è della società e Presidente della Società è Tarsia.

Non è quindi appropriato dire che l’Amatori è di Tarsia.

Ma il risultato è questo.

***

La vita dell’Amatori è in affanno.

Mancano i soldi.

Ma la società è iscritta al Campionato di Serie B.

Ufficialmente è titolare degli spazi presso il Palazzetto, gestito dallo Skating Vercelli di cui è rappresentante la Signora Ceretti.

Aperta e chiusa la parentesi, perché la gestione Ceretti è assolutamente irreprensibile e deve essere tenuta fuori da ogni diatriba hockeistica.

Però è coinvolta perché deve essere pagata, ma questo è un altro paio di maniche.

Perché pagata?

Perché concede (da capitolato) spazi per gli allenamenti e le partite all’Amatori.

Si tratta di una coabitazione cui entrambi sono costretti, destinata a finire male comunque, perché succede una volta ogni morte di Papa che queste simbiosi si rivelino possibili.

Ma queste sono opinioni che ci teniamo, che non rilevano per spiegare cosa stia succedendo.

***

Succede questo.

Rompendo indugi che sono in gestazione da almeno un anno, se non di più, il gruppo delle persone danarose decide di fondare una nuova Società di Hockey, che vada dalla Scuola per poi approdare all’agonismo.

Tutto normale.

La Società di costituirà – con ogni probabilità – in questo mese di luglio.

Potrà chiamarsi in qualsiasi modo, ma non Amatori Hockey Vercelli, perché quel marchio non è al momento contendibile.

Anche perché potrebbe portarsi dietro uno stock di debito.

Non facciamo cifre perché ne circolano varie, ma comunque non sono cose trascendentali: la differenza con il mondo del Calcio è almeno di uno zero.

Il marchio Amatori Hockey, da un lato, pare non valere comunque tanto.

Dall’altro lato, c’è la possibilità che il titolo sportivo presso la Federazione possa cadere comunque tra le mani dei nuovi, solo aspettando un biennio.

Cioè si lascia andare Tarsia – se a settembre ricomincia – per la sua strada finchè – nelle previsioni di qualcuno? - non soffoca da solo.

Se non soffoca e va avanti, allora il gioco è comunque segnato e l’affabulazione costruita: da un lato i brutti sporchi e cattivi.

Dall’altro i belli, danarosi e buoni.

Che incominciano a prendere da parte un po’ di gente e dire qualcosa come: ma guardate, Signori, guardiamo avanti.

Ripartiamo da zero.

Quest’anno non possiamo iscriverci alla B perché è tardi, ma lo facciamo dall’anno prossimo.

E questa è – seguendo il parallelismo del calcio e con le debite differenze – la Pro Belvedere.

Nel frattempo, Tarsia e quelli che eventualmente ancora decidessero di stare con lui, soffocherebbero tranquillamente (perché, a differenza di quanto fece Paganoni, pare non ci sia la forza economica di mettere tutto a posto e poi lasciare).

La differenza fondamentale tra il caso del Calcio e quello dell’Hockey è però un’altra.

Il marchio Pro Vercelli è del Comune di Vercelli, quindi il trapasso allora (2010) avvenne in assoluta tranquillità.

Nel caso dell’Hockey non è così.

E – forse – già che pare di essere alla vigilia di un turn over, varrebbe la pena di studiare una modalità per cui anche il marchio Amatori Hockey confluisse nella “cassaforte” comunale, perché è chiaro che sarebbe una garanzia per tutti.

Ma, ovviamente, ognuno faccia il proprio.

***

Il Presidente della nuova Società che non sappiamo ancora come si chiami potrebbe essere Gianni Torazzo.

Un nome simbolo dell’Hockey, non solo vercellese.

Ma per ora lui ha negato categoricamente.

Come finirà?

Chi vivrà, vedrà.

In cauda venenum: l’adesione entusiasta a questa novità da parte dello Skating, gestore del Palazzetto, potrebbe forse rivelarsi, un domani, come l’entusiasmo del tacchino invitato al pranzo di Natale.

Anche se, proprio poche settimane orsono, la società di gestione ha avuto una proroga e il tempo non è così prossimo.

Però i buoni, danarosi, belli, magari, un giorno, andando bene le cose, potrebbero pensare che, in fondo… .

Perché, per ora, buoni sono buoni.

Danarosi lo sono sicuramente.

Belli, figuriamoci.

Ma – del resto, se uno fa i soldi è perché non li spende – di euri per rilevare l’Amatori non se ne parla: resistono fieramente e aspettano che la mela cada da sola: acido abscissico.


NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it