VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
domenica 25 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




25/08/2012 - Asti - Economia

ASTI – Confagricoltura: dall’associazione Agriturist arrivano segnali precisi a chi gestisce le Pro loco che devono tornare ai valori veri del volontariato a favore della promozione e valorizzazione del territorio

Agriturist è l’associazione che, in provincia di Asti e in Piemonte, fa capo a Confagricoltura e che raggruppa gli operatori del settore dell’agriturismo






ASTI – Confagricoltura: dall’associazione Agriturist arrivano segnali precisi a chi gestisce le Pro loco che devono tornare ai valori veri del volontariato a favore della promozione e valorizzazione del territorio

Nella polemica che da tempo contrappone
ristoratori professionisti astigiani e Pro loco si inserisce anche Agriturist
l’associazione che, in provincia di Asti e in Piemonte, fa capo a
Confagricoltura e che raggruppa gli operatori del settore dell’agriturismo.



Dall’associazione arrivano segnali precisi
a chi gestisce le Pro loco che devono tornare ai valori veri del volontariato a
favore della promozione e valorizzazione del territorio e non garantire
meramente reddito ai propri sodalizi, devono rinunciare alla tentazione di fare
concorrenza ai professionisti della ristorazione e dell’accoglienza e attenersi
strettamente alle tipicità agroalimentari dell’area dove si opera mettendo da
parte mode e contaminazioni.



Una posizione netta, confermata da Massimo
Macchia, presidente di Agriturist Asti di Confagricoltura, che chiarisce: «Siamo
solidali con i ristoratori astigiani che da tempo denunciano una commistione
niente affatto virtuosa tra le Pro loco e la ristorazione tout-court. Un fatto
è certo, un tempo questi sodalizi mettevano in campo uno, massimo due eventi
annuali. Oggi si arriva anche a uno al mese. Oltretutto con prezzi più che
concorrenziali e l'aiuto di volontari che certo hanno costi inferiori al
personale assunto. È chiaro che il settore della ristorazione professionale ne
risente. Crediamo sia il caso di pensare ad una regolamentazione del settore».



Appello ripreso anche da Fiorella
Riminato, coordinatrice di Agriturist Piemonte di Confagricoltura: «I
segnali di sofferenza dei ristoratori professionisti sono chiari e
condivisibili. Le Pro loco devono ripensare al loro ruolo primitivo che è
quello di promuovere il territorio attraverso eventi e manifestazioni che non
possono ridursi sempre e comunque a grandi mangiate a basso costo, con menù
quando va bene a base di piatti tipici e quando va male con wurstel e crauti
che con il Piemonte proprio non hanno nulla a che fare. Un richiamo alla
tipicità che estendo anche ai nostri associati: come Agriturist di
Confagricoltura siamo distanti da quegli operatori agrituristici che tradiscono
i dettami dell’etica professionale che impone l’uso di prodotti del territorio
autoprodotti. Il resto sono sbavature che non hanno nulla a che fare con
l’agriturismo vero. Ed è chiaro che la bandiera della ristorazione deve restare
ai professionisti».



 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it