VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 30 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




27/08/2019 - Palestro e Alta Lomellina - Società e Costume

ASSOCIAZIONE FUTURO SOSTENIBILE IN LOMELLINA – Vicenda Eredi Bertè, l’Associazione incarica di intervenire per suo conto lo studio legale Zanuttigh

E’ necessario fare chiarezza






ASSOCIAZIONE FUTURO SOSTENIBILE IN LOMELLINA – Vicenda Eredi Bertè, l’Associazione incarica di intervenire per suo conto lo studio legale Zanuttigh

La Associazione Futuro Sostenibile in Lomellina ci incarica di intervenire per suo conto e nome su alcuni aspetti della vicenda Eredi Bertè, solo adombrati dalla stampa che di recente se ne è nuovamente occupata, spinta tra l’altro, dal Fallimento in data 2 luglio della Eredi di Bertè Antonio S.r.l.

Con comprensibile stupore innanzitutto la Associazione da noi rappresentata ha letto le dichiarazioni del Sindaco di Mortara (Provincia Pavese $ luglio 2019), che con riguardo al “rebus della bonifica” tale definito nel titoletto dell’articolo dedicato al fallimento della Eredi Bertè, avrebbe dichiarato “vigileremo sul completamento dei lavori di risanamento”, dei quali non vi è però traccia apprezzabile, ma solo una serie di inquietanti interrogativi sulle modalità di esecuzione dei lavori e sull’impresa cui sono stati assegnati Eco Delphy S.r.l.

In disparte - per ora- la situazione reale dei pretesi lavori di risanamento, il Sindaco di Mortara sembrerebbe anche aver dichiarato “ora cercheremo di capire come agirà la curatela fallimentare in merito alla bonifica. Bisogna anche capire se, come sembra dalle prime udienze, l'assicurazione interverrà per i costi”.

Innanzitutto non vi è alcuna possibilità realistica e credibile che il Curatore (che dispone solo dell'attivo fallimentare, inesistente nel caso), possa, suo malgrado, offrire una qualsivoglia garanzia rispetto alla bonifica. Ma ancor meno è pensabile che questa eventualità possa scaturire dall’intervento della Assicurazione “per i costi”: come parrebbe ritenere invece il Sindaco Facchinotti.

Il legale della Compagnia, richiestane da chi scrive, conferma di avere la Compagnia Assicurativa respinto tutte le richieste relative al sinistro e fatti connessi, con la motivazione inconfutabile che la situazione del sito della Eredi Bertè fosse completamente difforme dalle condizioni prescritte e lo stoccaggio dei rifiuti, e più in generale dell’azienda/attività. fossero talmente diverse da quelle legali e autorizzate da escludere l’operatività della garanzia assicurativa.

E’ quindi fuori discussione che la bonifica possa contare su risorse provenienti dai rapporti assicurativi,  ma è soprattutto sconcertante che il Sindaco lo ignori: l’indisponibilità della Compagnia assicurativa è emersa nitidamente proprio nel procedimento penale nei confronti di Bertè Vincenzo ed altri nel quale il Comune ha depositato la richiesta di costituzione di parte civile.

E’ escluso quindi che la bonifica possa avvalersi di risorse riferibili a qualsiasi titolo alla fallita, che peraltro già nel 2017 non aveva neppure presentato il bilancio.

Un ancora più pesante motivo di inquietudine per l'Associazione Futuro sostenibile riguardo al futuro del territorio è provocato dall'incarico di raccolta e smaltimento di rifiuti attribuito dal Comune di Mortara, dopo il rogo degli impianti della Eredi Bertè, alla società Eco Delphi srl.

Eco Delphi srl è subentrata alla Eredi Bertè nel servizio di smaltimento rifiuti senza soluzione di continuità mediante affidamento diretto, quindi con affidamento al di fuori di qualsiasi procedura competitiva.

Eco Delphi srl non offre garanzie di competenza tecnica. ma neppure di solidità economico finanziaria, che giustifichino la attribuzione del servizio senza gara. Di contro una semplice verifica della composizione del capitale sociale e dei collegamenti oggettivi e soggettivi di Eco Delphi srl, con il Sistema Bertè, oltre ad una minima verifica finanziaria, avrebbe invece dovuto suggerire massima cautela nella interlocuzione con un soggetto così intimamente collegato alla vicenda Bertè.

Di seguito qualche dato di per sé sintomatico e non bisognoso di commento sulla relazione “intima” tra la Eredi Bertè e la ditta Eco Delphi s.r.1. cui il Comune di Mortara da due anni assegna “direttamente” il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti, con affidamenti mensili o bimestrali, sottosoglia rispetto all'obbligo di procedura competitiva perchè via via per importi inferiori a € 40.000,00=. Mentre nulla o quasi sì faceva per la bonifica del sito, con intuibili conseguenze per la salute e il benessere della gente, salvo l’attivazione della stessa Eco Delphi srl in qualità di “società attivatasi per gestione dell'incendio con i mezzi di spegnimento e salvataggio merci, sgombero rifiuti come da ordinanza emessa da Arpa, Comune di Mortara”.

Eco Delphi srl è partecipata al 100 % da Andrea Carlo Biani, che ne è anche Amministratore unico. Andrea Carlo Biani ci riporta immediatamente ai fratelli Bertè.

Una banale verifica incrociata del sistema Bertè ha dato i risultati di seguito riassunti.

La società Eredi di Bertè Antonino srl, (costituita il 22/12/1998, 50 % Bertè Vincenzo, 50 % Bertè Giuseppe) ora fallita, ma priva di bilancio dal 2017 e decotta da anni (registra una prima perdita di esercizio di € 355.923= nel 2014), ha in data 25.05.2015 stipulato un contratto d’affitto di ramo d’azienda con la società Eredi Bertè Ecology (costituita al 21/10/2005, originariamente con ragione sociale Ariete srl, dal 2006 riconducibile ai fratelli Bertè, dal 2015 partecipata al 50% da Sabrina Zambelli — 50% da Andrea Carlo Biani).

Nessuno dei due ultimi soci ha la pur minima competenza con riguardo alle attività teoricamente trasferite con il contratto de quo. Sarà questo il motivo per il quale la società Eredi Bertè Ecology rimane inattiva e non esercita nessuna delle attività trasferite. I due soci sono Andrea Carlo Biani, ignoto fino ad allora nel settore ma da allora presente a titolo diverso in tutta la vicenda come vedremo, che riveste la carica di Amministratore unico e Sabrina Zambelli, commercialista legata ai fratelli Bertè, in particolare a Vincenzo Bertè.

Sabrina Zambelli è stata Amministratore unico di Gestioni industriali srl dal 2009, società decotta di cui è anche socia al 51%, il restante 49% appartiene a Tasselli Antonietta. Nel 2015 Gestioni industriali srl ha stipulato un contratto di affitto d'azienda con GI SINCE srl rappresentata da Zambelli Giuliano. Il capitale sociale di SINGE SRL è per il 95% di Eco Delphi srl e per il 5% di Franca Caciolari.

Il contratto d’affitto di ramo d'azienda tra Eredi Bertè e Eredi Bertè Ecology (consistente nella struttura ove l'incendio si è sviluppato), rimasto inapplicato, viene risolto il 28.12.2017 (dopo il secondo incendio della Eredi Bertè Antonino S.r.l.), Eredi Bertè Ecology non risulta aver mai depositato bilanci.

L'ultimo bilancio depositato è relativo all'esercizio 2011, quando ancora la ragione sociale era Ariete srl ) Anche l'atto di risoluzione come quello d'affitto del 2015, è stato concluso tra Vincenzo Bertè e Andrea Carlo Biani.

Vincenzo Bertè e Giuseppe Bertè sono stati fino al 2005 al contempo titolari (al 50%) di Sviluppo Industriale S.r.l. la società proprietaria fino al 2005 del capannone (ex capannone Euroinox) sito (via Fermi 44) a lato della struttura di Eredi Bertè. nella quale si sono sviluppati gli incendi.

La relazione del CTU incaricato dalla Procura di Pavia dà atto di attività di stoccaggio di rifiuti nell’area della Sviluppo industriale, effettuata senza alcun titolo autorizzativo. Anche questa società non ha presentato il bilancio al 31.12.2017 e risultava pesantemente indebitata al 31.12.2016.

Oltre che destinataria al pari dei soci personalmente di una serie di decreti ingiuntivi ed iscrizioni ipotecarie fino dal 2014. Sviluppo Industriale S.r.l, è stata oggetto di pignoramento immobiliare il 14.12.2016, con riguardo all'immobile andato a fuoco il 6 settembre 2017.

Nella esecuzione immobiliare in atto l'Eredi Bertè aveva presentato in data 31.07.2017 istanza di differimento. Si ricorda anche che l'impianto della Eredi Bertè sarebbe stato oggetto del primo controllo ordinario di ARPA Lombardia, in quanto impianto a regime AIA, il 27/07/2017, ma la società con nota 18 07 2017 ne ha chiesto lo spostamento in quanto il sig. Bertè era stato ricoverato in Ospedale e così il controllo era stato rinviato al 06/09/2017, proprio il giorno in cui è scoppiato l'incendio .

Pare alla Associazione da noi rappresentata che la verifica delle condizioni finanziarie del Gruppo sistema Bertè avrebbe consentito di apprezzare la inconsistenza ed irregolarità della Eredi Bertè Antonino anche a questo riguardo.

Con atto 20.09.2018 8 (notaio Giovanni Pandolfi di Mortara ) Bertè Vincenzo, nella veste di legale rappresentante della fallita ha effettuato una operazione di dazione in pagamento dell’intero capitale sociale di DE, A. S.r.l. (anche questa società dei Bertè aveva subito un incendio nel gennaio 2018) a ECO. DELPHY S.r.l. a saldo di due fatture emesse e contabilizzate lo stesso giorno della dazione in pagamento (n. 78 del 20.09.2018 e n. 79 del 20.09.2018 per complessivi € 359.180,20=).

Debito e credito sono “sorti “contestualmente.

Indipendentemente dal fine strettamente finanziario per il quale l'operazione è immaginata e del riflesso che questa stessa operazione avrà ed ha sul rapporto assicurativo e sulla indisponibilità della Compagnia Assicuratrice a indennizzare Eredi Bertè/Eco Delphi, l'episodio concorre alla costruzione di un inquietante quadro di relazioni tra Eredi Fratelli Bertè ed Eco. Delphi S.r.l.

Eco Delphi srl acquista l’intero capitale sociale di D. EA srl (Amministratore unico Vincenzo Bertè, socio unico Eredi Bertè srl, passività a bilancio 2017 pari a 700.000 euro) senza effettivo giro di denaro e stipula in data 12 11 2018 un contratto d’affitto di ramo d'azienda con una società decotta ( cambiali protestate dal 2017 fino a ottobre 2018) Eredi Ferrari di Ferrari Lorenzo $C sas ( società i cui impianti sono stati perquisiti dalla Forestale nel gennaio 2016 con sequestro a Confienza di depositi di legno nella Centrale a biomasse gestita dalla società padovana Area impianti ) Rilevando il ramo d'azienda Eco Delphi si è candidata per lo smaltimento dei rifiuti post incendio.

Al riguardo va ricordato che un mese prima di stipulare il contratto d'affitto d'azienda la Eredi Ferrari ha effettuato una compravendita di attrezzature con ECOSAMA srl. società anch'essa coinvolta in vicende di elevata criticità.

Avv. Prof. Loriana Zanuttigh                                                                       

Avv. Ginevra] Bajno LLM PhD 

Redazione Vercelli


 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it