VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
24 September 2017 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




Dettaglio News
04/09/2017 - Vercelli Città - Mondi Vitali

ASCOLI 1, PRO VERCELLI 0 - Commento e pagelle di Enrico De Maria

E’ una di quelle partite che si possono commentare nei modi più svariati e da angolazioni diverse


ASCOLI 1, PRO VERCELLI 0 - Commento e pagelle di Enrico De Maria
I tifosi vercellesi ad Ascoli

ASCOLI-PRO VERCELLI: 1-0 (EDM)

 

E’ una di quelle partite che si possono commentare nei modi più svariati e da angolazioni diverse. Un po’ come accade nel celeberrimo film di Akira Kurosawa “Rashomon”, in cui, rispetto ad un fatto specifico, non c’è una sola verità, ma tante interpretazioni. Dunque, la prima cosa da scrivere a commento di Ascoli-Pro Vercelli, seconda di campionato in serie B, è che la Pro ha giocato malissimo. Poche idee, guizzi estemporanei, tiri in porta più rari dei Gronchi rosa e, per giunta, una pessima serata di Vives, il faro di tante altre battaglie.

Ma la seconda cosa subito da aggiungere è che, al di là della pessima prestazione contro un Ascoli davvero mediocre , il risultato è stato fissato dal direttore di gara, l’esordiente in cadetteria Antonio Giua di Olbia che, in apertura, al 10’, ha fischiato un netto rigore contro la Pro (fallo ingenuo ed evitabile di Berra), per poi però sorvolare, all’88’ su un sinistro di Castiglia respinto probabilmente con la mano da un difensore. Ma soprattutto l'arbitro è stato determionante al 94' quando ha annullato un’auorete del portiere Lanni che si era goffamente messo il pallone alle spalle sbagliando l’intervento su un colpo di testa di Konatè. Pare che, nella circostanza, il signor Giua abbia fischiato una presunta carica di Jidayi sul portiere avversario.

Ora, pur avendo visto più volte le riprese, non giureremmo sul doppio errore dell’arbitro, ma permangono molte, moltissime perplessità, ed è giusto mettere in conto anche queste cose nel commentare la gara di ieri sera al Del Duca. Grassadonia ha confermato il pacchetto difensivo, a tre, schierando a centrocampo Vives con Altobelli e Firenze, assecondati, sulle fasce, a destra da Berra e a sinistra da Mammarella. Davanti, la coppia Polidori-Morra, con il neo acquisto Raicevic tenuto inizialmente in panchina. Nell’Ascoli, pesantissima l’assenza del bomber Favilli.

Dicevamo che la gara è stata davvero un pessimo spot per il gioco del calcio, e l’ha ammesso, con molta franchezza lo stesso presidente Secondo,rimarcando tuttavia che c’è chi ha fatto peggio dei giocatori, e cioè la terna arbitrale.

Poche le note di cronaca. Detto dei due episodi finali avversi alla Pro, nell’esegesi dell’arbitro, e del maldestro rigore di Berra su Gigliotti, segnaliamo una girata al 35° secondo di gara dell’uruguagio Lores Varala, fuori di un niente, e poi due notevoli tentativi di Polidori: una deviazione di testa a fil di palo, al 7’ (bel cross di Mammarella) e una splendida girata di piede (il sinistro) al 27’ su gran numero di Morra. Segnaliamo ancora l’incredibile occasione fallita da Firenze al 52’, su delizioso cross a ritroso di Altobelli e la topica pazzesca di Nobile che, al 53’, nel tentativo di imitare Pigliacelli, ha perso il pallone in dribbling lasciando la porta sguarnita: Clemenza ha provato il pallonetto vincente trovando però Mammarella pronto a respingere. Poco altro, per non dire nulla. Sabato arriva la Cremonese, che ieri si è sbarazzata dell’Avellino (3 a 1). Speriamo che trovi una Pro assai più manovriera e tonica, e meno confusionaria. Per ora raccogliamo zero punti in due gare, ma noi continuiamo a ripetere che giudicheremo dalla quinta-sesta giornata in poi.

 

LE PAGELLE

 

NOBILE. Poco impegnato, si disimpegna assai bene con i piedi finché, al 53’, per poco non fa il patatrac: 5 e mezzo

 

LEGATI. Serata tutto sommato tranquilla, senza infamia e senza lode: 6

 

JIDAYI. Secondo noi, tra i migliori. . Sempre efficace nelle chiusure e nelle respinte di testa. All’ultimo secondo si lancia pure lui all’arrembaggio, secondo l’arbitro, purtroppo, fallosamente: 6 e mezzo

 

KONATE’. Non riusciamo a capirlo, alterna errori vistosi a giocate da campione. Tocca spesso a lui impostare, sinceramente non riusciamo a capire perché. Forse anche lui. 6

 

BERRA. Prova molto incolore: non azzecca un cross e procura, maldestramente, il rigore decisivo: 5

 

(DAL 70’ BIFULCO. Combina assai poco e, proprio all’ultimo secondo, manda il controllo su una palla invitantissima a tu per tu con il portiere dell’Ascoli: S.V.)

 

ALTOBELLI. Prova generosa, fatica per tre e azzecca un assist a ritroso fantastico sul quale Firenze si addormenta: 6

 

VIVES. Purtroppo, serata negativa. Lento, impacciato, non si propone quasi mai. Lo vediamo, con preoccupazione, molto affaticato. E, se non gira lui, è notte: 5

 

(dal 77’ CASTIGLIA. A due minuti dal termine dei regolamentari si esibisce nella specialità della casa,il tiro da fuori che lo scorso anno ci aveva regalato punti importanti, in avvio di campionato. Il sinistro, bellissimo, incoccia probabilmente in una mano avversaria,. Ma l’arbitro dà solo l’angolo: S.V.)

 

FIRENZE. Non riusciamo a capire se sia la posizione che lo penalizza, o il salto di categoria. Tenta un paio di affondi sulla sinistra ma viene quasi sempre murato. Girandosi da bradipo (lui che, di solito, è un fulmine di guerra) si fa respingere in extremis una palla di Altobelli sui cui c’era scritto “basta spingere”: 5

 

MAMMARELLA. Un po’ meglio rispetto al match con il Frosinone. Azzecca un paio di lanci alla sua maniera e ci risparmia il secondo gol, rimediando ad una sciagurata uscita in dribbling di Nobile: 6- -

 

POLIDORI. Il migliore. Si batte come un tarantolato su ogni palla e sfrutta con abilità le due uniche occasioni che gli capitano, su cross di Mammarella e su un ispirato traversone di Morra. In entrambe le circostanze è molto sfortunato. Esce sfinito. Gara esemplare: 7

 

(60’ RAICEVIC . Entra in campo con la determinazione di Capitan America. Si vede che vorrebbe spaccare il mondo, purtroppo non gli arriva un traversone che sia uno, dannazione. Tempo verrà, ci pare un buon acquisto: 6 di stima)

 

MORRA. Un paio di spunti assai pericolosi nel primo tempo, nella ripresa sparisce totalmente, anche perché nessuno più lo cerca. Peccato. 5 e mezzo

 

GRASSADONIA. Schemi e idee sono, evidentemente, ancora da metabolizzare da parte dei giocatori. Ha coraggio nel finale, ma se la squadra gioca ancora così male, il primo responsabile è lui. Tuttavia, lo giudicheremo assai più propriamente, con la squadra, almeno fra tre-quattro giornate, com’è giusto che sia: 5 e mezzo.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
VercelliOggi.it - Network ©
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it