VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
20 May 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




Dettaglio News
01/05/2019 - Vercelli Città - Economia

APRC E LA CAMPAGNA ELETTORALE A PIEDI GIUNTI - Ma non riescono a rovinare la Festa del Lavoro e dei Lavoratori - Che oggi deve chiamarsi anche della sicurezza sul lavoro - LA GALLERY

Sempre all'altezza delle attese la splendida Banda Arditi di Crescentino, che ha animato la mattina -



APRC E LA CAMPAGNA ELETTORALE A PIEDI GIUNTI - Ma non riescono a rovinare la Festa del Lavoro e dei Lavoratori - Che oggi deve chiamarsi anche della sicurezza sul lavoro - LA GALLERY
Monica Iviglia interviene al 1 Maggio 2019 a Vercelli -

Se non inevitabile, certo difficilmente evitabile, l’invasione di campo della campagna elettorale nella celebrazione del Primo Maggio, Festa del Lavoro e dei Lavoratori.

Poco male.

La vita continua.

Anche se Norberto Greppi, promotore della lista a sostegno della candidatura a Sindaco di Vercelli del Prof. Giacomo Ferrari, non ha mezze misure: il discorso di Maura Forte? Una imbarazzante caduta di stile, scadendo dal ruolo istituzionale a quello della propaganda politica.

***

E forse non solo, se pensiamo che – a tratti – l’entusiasmo del Primo Cittadino, dal palco istituzionale in Piazza Municipio, nei confronti di Aprc di cui pare conosca tutto, anche i fatti squisitamente aziendali, ha richiamato quello di una Promoter in fascia tricolore.

Aprc, come noto, è l’azienda immobiliare francese che ha l’opzione, fino a dicembre prossimo, sui 400 mila metri quadri di terreno dell’Area Industriale.

***

Preoccupazione, quella della campagna elettorale, in qualche modo anche pervasiva del comunicato inviato da Cgil – Cisl – Uil proprio oggi per dire che Aprc potrebbe anche funzionare:  fermo restando che APRC realizzi quanto annunciato alle Organizzazioni sindacali stesse, ovvero buona occupazione”. 

E per aggiungere: Occuparsi di lavoro non è mai semplice, soprattutto quando la discussione si allarga a questioni che coinvolgono aspetti collaterali come, ad esempio, sterili strumentalizzazioni a fini elettorali.

***

A seguire, comunque, come sempre il testo integrale del documento.

***

La situazione oggettiva (l’unica che al momento non sia galileianamente confutabile) su Aprc e sulla – a nostro parere – dissennata operazione di cessione dei diritti sull’area, decisa il 7 dicembre scorso, è che nessuno ha niente in mano.

Niente di niente.

Non ha niente in mano il Comune.

Non ha niente in mano nemmeno Aprc che non sa né a chi, né quando, né se, potrà vendere i capannoni che – perciò – oggi non sa ancora se, ne quando, né per chi potrà mai costruire.

E quindi parlare oggi di occupazione è qualcosa che si può fare – per usare un’espressione cara a Pier Teresio Turino – al Bar.

Solo parole.

E quelle parole che sono nero su bianco (il compromesso siglato tra Comune e Karim Abdellaoui l’8 dicembre scorso) sono preoccupanti.

Sarebbe stato bello sentire un dibattito in Consiglio Comunale sull’argomento, come richiesto dalla maggioranza dei Consiglieri Comunali.

Un dibattito tra i Rappresentanti del popolo nell’Istituzione comunale.

Ma la Presidente del Consiglio Comunale Manuela Naso ha negato la convocazione prevista per domani, 2 maggio.

Come se ci fosse paura del confronto.

Sicchè non si potrà mancare, nei prossimi giorni, di dare comunque voce agli interrogativi espressi da chi rappresenta, nelle Istituzioni, il popolo e ripercorrere, passo per passo, sia la mozione dei Consiglieri, sia gli articoli del Compromesso “dell’Immacolata”.

Liberi tutti, evidentemente, di fare sapere la propria opinione: pubblicheremo volentieri tutti i contributi.

***

Si torna finalmente al Primo Maggio, uscendo dalla cappa di Aprc.

La prolusione ufficiale affidata quest’anno a Monica Iviglia, della Segreteria Regionale Cgil, delegata all’Organizzazione.

Monica Iviglia, insegnante di scuola superiore, è stata segretaria generale del sindacato scuola università ricerca, poi nella segretaria della Camera del lavoro di Asti e dal 2016 in segreteria regionale.

***

Ampia la parte del discorso dedicata alle radici storiche della Festa dei Lavoratori, attualizzate dalla sempre troppo ampia schiera di vittime di incidenti sul lavoro.

La testimonianza di Alex Villarboito, il Delegato Sindacale della Sacal di Carisio, a suo tempo licenziato perché aveva denunciato le insufficienze in materia di prevenzione e contrasto a rischi sul luogo di lavoro, è stata capace di dire a tutti che il Primo Maggio non è un rituale stanco, alla stregua di una liturgia senza fede, spenta incapace di motivare impegno e tensione morale e civile.

E’ un’occasione per una presa di coscienza tutt’altro che scontata e superata, anche se oggi deve misurarsi con nuovi valori d’uso.

E – e non è sempre un progresso – con la cultura o subcultura che determinano.

***

 

NUOVA AREA INDUSTRIALE A LARIZZATE

 

FAVOREVOLI I SINDACATI, A CONDIZIONE CHE PORTI BUONA OCCUPAZIONE

 

Assunzioni a tempo indeterminato - nel rispetto delle normative contrattuali collettive nazionali - e limitate esternalizzazioni delle attività in appalto.

 

Questa la richiesta presentata dalle tre Confederazioni sindacali alla delegazione della Società APRC, incontrata lo scorso 8 aprile all’indomani dell’intesa raggiunta a livello territoriale tra il Comune di Vercelli e la holding francese. 

 

La realizzazione di più stabilimenti alle porte della città di Vercelli, con annessa creazione di nuovi posti di lavoro, va valutata positivamente, fermo restando che APRC realizzi quanto annunciato alle Organizzazioni sindacali stesse, ovvero buona occupazione. 

 

Un investimento di tale portata riguarda aspetti legati alle dinamiche economiche e lavorative del territorio ma anche - e soprattutto - dinamiche di interesse nazionale e internazionale: un potenziale investimento sul futuro, se si considera il contesto di partenza, ovvero un territorio privo da tempo di una vera strategia industriale. 

 

Occuparsi di lavoro non è mai semplice, soprattutto quando la discussione si allarga a questioni che coinvolgono aspetti collaterali come, ad esempio, sterili strumentalizzazioni a fini elettorali. Diventa, però, più facile se il baricentro resta sempre lo stesso: creare sana e buona occupazione, ovvero occupazione di qualità. 

 

Per tutti questi motivi, Cgil, Cisl e Uil seguiranno attentamente il proseguo del progetto presentato da APRC e avvallato dall’Amministrazione di Vercelli con l’auspicio che venga anche mantenuta la volontà di confronto con le Organizzazioni sindacali: un confronto spesso disatteso dalle società e, in particolare, dalle multinazionali. 
 

 

Bossoni Valter    - Cgil                    

Bompan Roberto  - Cisl        

Mosca Maria Cristina – Uil  



Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Piemonte Oggi s.r.l. - P.I./C.F. 02547750022 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it