VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
domenica 27 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




16/12/2017 - Vercelli Città - Mondi Vitali

APERTURA ANGOLARE - La rubrica sulla Pro di Enrico De Maria - Lo Spezia, una squadra che è nella storia dei Leoni

Oggi si gioca alle 15 agli ordini del signor Minelli di Varese.






APERTURA ANGOLARE - La rubrica sulla Pro di Enrico De Maria - Lo Spezia, una squadra che è nella storia dei Leoni
Arbitro Minelli di Varese

( edm ) - Ci sono squadre che sono nella storia della Pro. Una, in particolare, è lo Spezia, che gioca con la maglia bianca proprio in piena solidarietà con le bianche casacche, punite dalla Federcalcio 117 anni fa per la famosa partita contro l’Inter, quando Bozino schierò i ragazzini nella finale scudetto contro l’Inter.


Storia o non storia, riconoscenza o no, la Pro deve tuttavia battere oggi, al “Piola” lo Spezia di mister Fabio Gallo per rifarsi sotto in classifica: dopo gli exploit esterno del derby a Novara e il successo sull’Empoli, la squadra di Grassadonia ha incamerato la miseria di due punti in quattro gare (Pescara, Entella, Parma e Venezia) e la graduatoria è tornata a farsi decisamente preoccupante. 


A Venezia, i segnali di ripresa sono stati comunque evidenti e incoraggianti. Checché ne pensi il signor Pippo Inzaghi, se c’era una squadra che doveva recriminare sul punteggio era quella di Grassadonia, visto che il Venezia se l’è cavata per il rotto della cuffia soltanto grazie ad un paio di miracoli dell’ex portiere juventino Emil Audero. Oggi, al “Piola”, la Pro è chiamata a ripetere la bella prova di Venezia, ma a centrare l’intera posta perché l’ambiente ha assolutamente bisogno di questi tre punti per rasserenarsi.


Grassadonia, che può contare su quasi tutti i titolari, chiederà  ai suoi una gara tutta cuore e concentrazione, fidando sulla vena di Vives e sulla compattezza di una difesa che deve ritrovarsi appiano (in laguna anche i Dioscuri non hanno convinto); ma soprattutto deve ritrovarsi l’attacco che punge assai poco, anche se Firenze, al primo anno in B, riesce a vedere la porta con una qual certa continuità (visto il ruolo).


Lo Spezia darà filo da torcere, eccome.


Ha cinque punti in classifica in più, ed un trio d’attacco almeno sulla carta temibilissimo con il campione del mondo Alberto Gilardino, l’altro “Premio  Piola” Marilungo e il il “diablo” Granoche, cui dovremmo aggiungere (ma in posizione assai defilata rispetto ai tre citati) l’ex, ma si fa per dire Luca Forte che giocò mezzo scampolo di partita nella seconda parte della stagione 2015/16, dopo averci però puniti ( e qui tocchiamo ferro) nell’andata a Pescara.


Dopo l’esame-Spezia, la Pro giocherà in trasferta a Terni e se la vedrà in casa con il Cittadella, altra cliente poco raccomandabile.


La classifica è deficitaria, ma siamo sugli stessi livelli della stagione scorsa, quando però disputammo un ritorno in gran parte encomiabile grazie alla solidità che Moreno Longo riuscì a conferire alla retroguardia (con Provedel al record stagionale di imbattibilità).


Oggi si gioca alle 15 agli ordini del signor Minelli di Varese.

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it