VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
domenica 27 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




06/08/2020 - Vercelli Città - Salute & Persona

ANDREA CONTE E LE OPPOSIZIONI SMASCHERANO ATENA ASM IREN ED IL SISP DELL'ASL - Dipendente della Partecipata comunale contagiato da Coronaviru, i comunicati ufficiali delle Aziende raccontano solo balle spudorate - Ora il Sindacato Ispettivo

Tra le tante domande in attesa di risposta c’è questa: quanti sono, infine, i Colleghi che sono venuti a contatto con la persona contagiata?






ANDREA CONTE E LE OPPOSIZIONI SMASCHERANO ATENA ASM  IREN ED IL SISP DELL'ASL - Dipendente della Partecipata comunale contagiato da Coronaviru, i comunicati ufficiali delle Aziende raccontano solo balle spudorate - Ora il Sindacato Ispettivo
Nel riquadro, Andrea Conte -

Dunque, e tanto per cambiare, Iren Atena Asm ha raccontato solo delle balle a proposito di un argomento grave.

Balle spudorate.

Melassa di parole fuorvianti.

Parlare non per comunicare, ma per depistare.

Il Dipendente di Asm Vercelli risultato positivo al Coronavirus?

L’Ufficio “comunicazione” di Iren Atena Asm si premura di dire che fosse “asintomantico”.

Anzi: “totalmente asintomatico”.

Totalmente, mica solo “un pochino” asintomatico.

E’ stato a contatto con altri Colleghi?

Giammai.

Ma vi è di più: ASM Vercelli fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria ha fornito ai propri dipendenti puntuali indicazioni e istruzioni operative per la prevenzione”.

Certo: come ad esempio gli spruzzini con il detergente.

Insomma, acqua e sapone.

Del resto, lo insegnavano già le nostre nonne: la pulizia della persona è l’anticamera della salute.

***

Purtroppo Iren Atena Asm dice una cosa vera: gli “Enti” hanno “verificato” i contatti avuti dal Dipendente contagiato.

Questi “Enti” sono, in sostanza, il Sisp (Servizio Igiene e Sanità Pubblica) dell’Asl di Vercelli.

E sono, così, in due a raccontare balle.

***

Tra le tante domande in attesa di risposta c’è questa: quanti sono, infine, i Colleghi che sono venuti a contatto con la persona contagiata?

Sembra siano tra i 12 ed i 20.

Ma non è possibile che si debba dire “sembra”.

Sono domande che attendono riposte precise.

Da lunedì scorso a queste persone sono prelevati i tamponi diagnostici.

E, nel frattempo, dove stanno?

Continuano ad andare al lavoro?

Vanno in palestra oppure al Supermercato?

I Medici di Base ed il Sisp, cosa prescrivono?

***

ANDREA CORSARO E LA SUA GIUNTA DEL NIENTE

AFFIDANO A QUESTA GENTE

LA TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI

 

Sia permessa una breve digressione, che si può tranquillamente saltare a piè pari, se si vuole restare in tema Covid.

Come abbiamo già osservato, a gente che ha questo rapporto clintoniano con la verità, il Comune di Vercelli, il Sindaco Andrea Corsaro, la sua scalcagnata Amministrazione, vogliono affidare nientemeno che il controllo dei fumi di quello che (oggi la Conferenza dei Servizi) si annuncia come l’uppercut ambientale alla città.

Lo stabilimento dei trucioli alla formaldeide.

I sei camini di 60 centimetri di diametro che butteranno nell’aria i fumi della lavorazione, butteranno anche aldeide formica?

Lo controllerà (controllerebbe) “a campione” la stessa Asm Vercelli.

Cioè questa gente.

Ma di questo si dirà in altro articolo: la digressione, finisce qui.

***

QUALCUNO DICE NO


Per fortuna ci sono Consiglieri Comunali che non ci cascano.

E presentano quella che si chiama “Istanza di Sindacato Ispettivo”.

Una prerogativa dei Consiglieri Comunali per andare a vedere tutte le carte.

Il testo al termine di queste righe.

Ma oggi la medaglia va data ad un ragazzo.

Sia permessa questa parola (ragazzo), senza nessun paternalismo.

Un giovane che, in modo mite ed educato, dice però fermamente: non ci sto.

Un giovane che rischia e lo sa bene, non è uno stolto: perché è Dipendente di Asm Vercelli, in quell’enclave senza controlli che è la sede del Servizio di Nettezza Urbana di Via Asigliano.

Il regno dell’Uomo del Monte.

Dove anche i Sindacati (ormai è tutto accentrato a Torino, dove c’è Iren spa) pare mettano piede con circospezione.

Questo ragazzo si chiama Andrea Conte.

E manda questa bella lettera ai giornali (integrale al termine di queste righe).

E’ Consigliere Comunale e crede in questo ruolo.

Anche se, magari, i suoi capi in Atena Asm non sono contenti di un atto come questo.

Lui dice lo stesso come la pensa, dice cosa i cittadini devono sapere.

***

Si vorrà proprio vedere come potranno sentirsi, cosa potranno rispondere a questo ragazzo, uomini (sono modi di dire) come Andrea Corsaro, oppure l’industriale di nuova nomina, Angelo D’Addesio.

Quest’ultimo forse non si rende nemmeno conto di dove l’abbiano mandato: eppure non è che, di lavoro, faccia l'arrotino. 

Di cosa dovrà rispondere, perché è lui, infine, il “Legale Rappresentante” di Asm Vercelli spa, anche se forse può sperare in qualche cintura di sicurezza, che magari qualifichi altri, ai fini formali, come “Datore di lavoro” di questi Lavoratori.

O come quell’altro, poverino, che arriva da Gattinara credendo forse di farsi dei meriti portando ad Iren l’acquedotto di Lenta.

Poveretto.

***

Ecco i testi.

Dapprima quello di Andrea Conte, poi la richiesta di Sindacato Ispettivo.

***

Lettera aperta di Andrea Conte

Egregio direttore,

per evitare inutili allarmismi, ho ritenuto corretto pubblicare solo ora l’esito negativo del tampone rino-faringeo per la diagnosi da infezione Covid-19, al quale mi sono sottoposto.

Ricoprendo una carica pubblica, penso sia altresì doveroso denunciare le mancanze burocratiche che ho vissuto in prima persona.

I fatti iniziano il giorno 31 luglio.

Nella tarda mattinata di venerdì vengo raggiunto telefonicamente dal SISP (il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’Asl di Vercelli, delegato all’attività Covid19, ndr) e, dopo aver accertato che il sottoscritto rientrava tra le persone che sono state a stretto contatto con un collega precedentemente risultato positivo al COVID-19 nei giorni 17 e 18 Luglio (a differenza di quanto riportato dal comunicato stampa emanato ai giornali nella stessa data da ASM spa), mi convoca per la mattinata di Lunedì 3 agosto per farmi sottoporre al tampone.

Fino a tampone avvenuto, non ricevo alcuna indicazione preventiva né dal datore di lavoro né dal SISP.

Solo dopo aver seguito i consigli ricevuti dalle gentili e preparate Operatrici Sanitarie che hanno provveduto ad effettuarmi il tampone, contatto il mio Medico di base, il quale mi sottopone ad una quarantena preventiva per 14 giorni, salvo interromperla una volta avuto l’esito negativo del tampone medesimo. Esito che, tengo a sottolineare, non ho ancora in mano a causa di cavilli burocratici ma sono a conoscenza del risultato dopo vari colloqui telefonici con l’Asl di Vercelli.

I fatti sopra descritti sono volti ad evidenziare la superficialità con la quale è stato trattato un tema delicato come l’emergenza Coronavirus.

Perché, se è vero che la forza del virus si sia indebolita, è altrettanto vero che vi siano ancora oggi rigidi protocolli di sicurezza da rispettare.

Protocolli il cui rispetto sarà poi valutato grazie alle azioni politiche intraprese, su tutti, il sindacato ispettivo firmato da una buona parte dei colleghi di minoranza, che sicuramente farà luce su molte ombre che oscurano la vicenda.

Concludo, dicendo che riterrei utile che le sigle sindacali non si limitassero solo al comunicato esposto nelle bacheche interne alle sedi della partecipata, ma fossero disposte a fornire una dichiarazione pubblica ufficiale, in modo tale da avere la massima chiarezza sui fatti accaduti.

Andrea Conte

***

Ecco, integrale, la richiesta di Sindacato Ispettivo.

 

ISTANZA DI SINDACATO ISPETTIVO

 

Alla cortese attenzione

del Sindaco di Vercelli

del Presidente del Consiglio Comunale di Vercelli

 

Oggetto: Lavoratore di Asm Vercelli spa risultato positivo al Coronavirus.

 

Con la presente, i sottoscritti Consiglieri Comunali, formano istanza di Sindacato Ispettivo (Art. 52 del 

Regolamento di organizzazione funzionamento delle adunanze del Consiglio Comunale), al fine di accertare 

ogni aspetto inerente ai fatti di seguito riepilogati.

 

Al riguardo si voglia considerare in

 

PREMESSA

quanto segue:

 

1)   In data 29 luglio u.s. emergeva, da Organi di Informazione locale, la notizia secondo cui un Dipendente di Asm Vercelli spa sarebbe risultato positivo al Coronavirus, dopo essersi individualmente sottoposto al prelievo di tampone rinofaringeo;

 

2)   Secondo quanto riportato l’Azienda sarebbe stata messa a conoscenza della circostanza il giorno 20 luglio 2020 e il Lavoratore sospeso dal servizio;

 

3)   Fonti Sindacali sostengono (giusto comunicato sindacale, qui allegato) che, dal 20 luglio 2020 fino al successivo 28 luglio, nulla sia stato comunicato alle Organizzazioni Sindacali aziendali in ordine a quanto sopra, nonostante la sussistenza di specifiche intese riepilogate nel c.d. “protocollo condiviso” (come lo denomina il Sindacato) “di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento del virus Covid19”;

 

4)   Il resoconto sommario della riunione tenutasi in teleconferenza (assente il Medico Competente) è riepilogato nel già richiamato comunicato, che i Sindacati hanno affisso in bacheca nei locali comuni aziendali, e che pure è stato riportato dagli organi di stampa;

 

5)   Rispettivamente in data 29 e 30 luglio 2020, sia il Servizio Comunicazione di Asm – Iren, a firma del Dott. Roberto Bergandi, sia l’Ufficio Stampa dell’Asl di Vercelli, a cura della Dott.ssa Valeria Arena, diramavano le seguenti notizie:

 

“Il dipendente, operativo nel settore ambiente, risultava totalmente asintomatico e da verifiche effettuate 

dagli Enti e dall’azienda non aveva avuto contatti stretti con altre persone dell’azienda”.

Comunicato Stampa diramato il 29 luglio ad ore 17,15, dal Dr. Roberto Bergandi per  conto di Asm spa – Gruppo Iren spa.

 

Tutti i contatti stretti ( famiglia e altri contatti dichiarati ) della persona interessata sono stati messi in 

contumacia dopo aver eseguito indagine epidemiologica”.

Così la dichiarazione resa dalla Addetta Stampa Asl Vercelli, Dott.ssa Valeria Arena, in data 30 luglio ad ore 12,21.

 

6)   Entrambe le informative diramate dagli Uffici Stampa risultano divergenti nel portato rispetto al testo che, invece, è stato divulgato dalle Organizzazioni Sindacali;

 

In particolare, vivissima apprensione si determina presso i Dipendenti di ASM S.p.A. in ragione del fatto che 

(al contrario di quanto dichiarato dalle due Aziende) vi sarebbero molti (almeno, alcuni) Colleghi della persona 

interessata, risultata positiva, che dichiarano di essere stati a “stretto contatto” con la medesima;

 

 

7)   Quanto riferito dalle rappresentanze sindacali e dagli organi di informazione, oltre che difforme rispetto al tenore dei comunicati “ufficiali” emessi da ASM ed ASL come sopra, parrebbe evidenziare uno scostamento della prassi operativa in ASM rispetto agli interventi previsti sulla base dei Protocolli dettati dalle Autorità Sanitarie (e, in specifico, con riguardo al Protocollo condiviso con i Sindacati in relazione alle misure di contenimento della diffusione del COVID-19). Se confermate, quelle sopra descritte costituirebbero gravi carenze, non episodiche;

 

8)   In tale contesto è da collocarsi anche l'informazione secondo cui, nella data del successivo 30 luglio, l’Azienda pare avere incaricato o, quanto meno, richiesto la collaborazione delle Organizzazioni Sindacali, affinché le medesime facessero da tramite con i Lavoratori, per verificare quanti di loro fossero venuti a contatto con la persona interessata;

 

9)   Da fonti aziendali si apprende che almeno una decina di Lavoratori abbia, alla data del 31 luglio, manifestato la sussistenza di tale circostanza e che, perciò, da lunedì 3 Agosto si dovrebbe procedere al prelievo, per i medesimi, di tampone diagnostico rinofaringeo;

 

10)                  È appena il caso di rilevare che detto episodio, se fossero confermate le versioni di Sindacati e alcuni Organi di Stampa, vedrebbe potenzialmente attinte, in termini di responsabilità, Asm Vercelli Spa, nonché il Sisp dell’Asl di Vercelli, e dunque chi sia delegato presso di loro al controllo e alla prevenzione di simili evenienze; circostanze tali da comportare le seguenti conseguenze:

 

11.1.: al momento, qualsiasi misura contumaciale è circoscritta alla persona contagiata ed ai propri familiari;

 

11.2.: non si conoscerebbe con sicurezza il numero di tutte le persone entrate in “stretto contatto” con il già citato Lavoratore, e il ritardo in tale cognizione potrebbe determinare ulteriori conseguenze dannose;

 

11.3.: non si comprende come abbiano potuto il Sisp dell’Asl e l’Ufficio Comunicazione di Asm Vercelli spa, assicurare l’opinione pubblica che nessun lavoratore fosse entrato in contatto con il medesimo;

 

11.4.: non si comprende come possa Asm Vercelli spa – per il tramite dell’Ufficio Comunicazione di Iren – con i suoi organi apicali sostenere la medesima tesi, a fronte di potenziali rilevanti responsabilità ove venisse provato l’opposto;

 

TUTTO CIO’ PREMESSO

 

Si forma istanza di sindacato ispettivo al fine di pervenire a un'esatta e completa conoscenza dei fatti e di ogni 

singolo Atto in ordine alla fattispecie citata. Si invita, pertanto, il Comune a voler mettere a disposizione degli 

istanti sottoscritti, a titolo esemplificativo e non esaustivo, quanto segue:

 

1)  Il verbale della riunione tra Azienda Asm Vercelli spa e le Rappresentanze Sindacali, avvenuta in data 28 luglio 2020;

2)  Ogni elemento idoneo ad asseverare quando e con quali procedure, l’Azienda abbia provveduto alla sanificazione dei locali frequentati dalla persona interessata, risultata positiva al Coronavirus;

3)  Tutte le corrispondenze intercorse tra Asm Vercelli spa e l’Asl di Vercelli in ordine al caso in esame;

4)  L’istruttoria condotta dall’Asl in ordine al caso in esame, con riferimento particolare, ma non esclusivo, al disposto di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale 31 / 2020, anche al fine di verificare che le disposizioni dalla stessa recate siano state puntualmente e scrupolosamente seguite;

5)  Le comunicazioni rese sul punto da Asm Vercelli spa al Comune di Vercelli;

6)  I referti elaborati sul punto dal Medico Competente nominato in Asm Vercelli spa;

7)  Quanto sopra, come già chiarito, in via esemplificativa e non esaustiva, posto che si vorranno mettere a disposizione degli scriventi i relativi fascicoli, sia di Asm Vercelli spa, sia del Comune di Vercelli.

 

Si resta in attesa di riscontro, porgendo con l’occasione i migliori saluti.

Vercelli, 04/08/2020

 

Paolo Campominosi - Michelangelo Catricalà – Manuela Naso – Maura Forte – Carlo Nulli Rosso – 

Alberto Perfumo.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it