VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 21 aprile 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




22/03/2021 - Vercelli Città - Economia

AMAZON, IL PRIMO SCIOPERO DEI DIPENDENTI ITALIANI CONTRO IL COLOSSO CHE COMANDA I GOVERNI DEL MONDO - Un atto di coraggio da parte di Lavoratori e Sindacati, che dovrà aprire la strada a nuove relazioni industriali -

La politica è stata a guardare e, forse, nemmeno questo: si è nascosta nei palazzi.




AMAZON, IL PRIMO SCIOPERO DEI DIPENDENTI ITALIANI CONTRO IL COLOSSO CHE COMANDA I GOVERNI DEL MONDO - Un atto di coraggio da parte di Lavoratori e Sindacati, che dovrà aprire la strada a nuove relazioni industriali -

( guido gabotto ) -  Una giornata, quella di oggi, 22 marzo, che ha molto da dire e non solo ai Lavoratori della “filiera” di Amazon, che pure sono i protagonisti di questo primo sciopero nazionale degli Addetti del Settore.

Sicuramente, un atto di coraggio da parte dei Sindacati ed ancor più dei Lavoratori che si sono esposti.

Si è rotta una trattativa nazionale e – finalmente – c’è qualcuno che dice cose chiare sulle condizioni di lavoro.

E che si pone problemi, appunto, “di filiera”.

Ad esempio questo: i ritmi frenetici cui sono obbligati i conduttori dei camion e furgoni incaricati delle consegne, che parte hanno nell’implementare le cause di sinistri stradali?

Lo dice chiaro un delegato sindacale dello Stabilimento di Vercelli, Via Levi Montalcini: quando parliamo degli autisti ad Amazon ci rispondono che non sono loro dipendenti.

Ed è vero.

Ma loro esigono i termini di consegna.

E, ancora, le indennità Covid?

Le danno se e quando a loro pare e piace.

***

La cosa migliore è lasciare che parlino Lavoratori e Sindacati.

Abbiamo messo a repertorio nel nostro video quello che pensano e dicono.

Si è trattato di una manifestazione assolutamente pacifica e responsabile.

Gli unici sguardi arcigni sono quelli dei Vigilantes (non dimentichiamo, però, che sono Lavoratori anche loro) assunti per presidiare i cancelli.

Nessuno ha corso il minimo rischio.

Il rischio lo corre l’economia del Paese, sempre più permeabile all’espansione dell’azienda che ha distrutto più posti di lavoro di quanti ne abbia distrutti la pandemia.

Ma questo è un problema che va ben oltre l’orbita di intervento della comunità vercellese, che pure ha tratto vantaggi dall’insediamento del colosso di Seattle.

Il problema è dei Governi.

Amazon può sviluppare il proprio fatturato in Italia, realizzare utili in Italia e poi pagare le tasse dove meglio gli pare e conviene.

Così mette in campo una competitività che è negata a qualsiasi altra impresa commerciale (piccola, media, grande) nazionale.

Di qualsiasi nazione.

Ma questo, come si diceva, è un problema dei Governi.

La politica è stata a guardare e, forse, nemmeno questo: si è nascosta nei palazzi.

Unica (che si sappia: ben volentieri integreremo con eventuali altre informazioni che ci fossero sfuggite) lodevole eccezione la presa di posizione del Pd regionale del Piemonte, di cui diamo conto in altro articolo.

Oggi ascoltiamo la voce dei protagonisti vercellesi, che ringraziamo per avere per la prima volta parlato di questa situazione.


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it