VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
20 Novembre 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




30/11/2009 - Bassa Vercellese - Cultura e Spettacoli

ALBANO - Nasce un nuovo volume “Antologia di scritti” , come protagonista, il Parco lame del Sesia






ALBANO - Nasce un nuovo volume “Antologia di scritti” , come protagonista, il Parco lame del Sesia
Giovanni Deambrogio, in una fotografia del 1966

 



(d.v.) - Da qualche settimana a questa parte, grazie agli sforzi dell’Ente Parco Lame del Sesia, la cui sede è ad Albano Vercellese è finalmente disponibile in tutte le librerie, stampato dalle Edizioni Mercurio il libro “Antologia di scritti” di Giovanni Deambrogio, nato a Recetto nel 1920 e morto il primo febbraio del 2004. Spaccati che costituiscono un momento storico della storia vercellese e novarese, nel creare una ipotetica sponda fra le due realtà. Viene infatti ribadito nel volume che il nostro territorio è motivo di interesse di studio, per le acque, i pascoli, e la gestione degli incolti, nonché viene evidenziato il complesso rapporto fra le piccole nobiltà locali con il popolo, e le persone più abbienti, ma non nobili. In un momento storico in cui la materia ha più valore rispetto allo spirito, è giusto riscoprire questi scritti. Scritti che, però acquistano valore nel quadro della tutela della valorizzazione e della promozione del territorio che l’Ente Parco sta portando avanti nell’ottica di una buona divulgazione, della quale Giovanni Deambrogio ha saputo esserne interprete. Il nome di Giovanni Deambrogio è stato usualmente associato all’appellativo di “studioso locale”: la verità è in questo caso molto più grande, poiché nei suoi scritti è evidente il desiderio di racchiudere terra ed anima nella stessa dimensione. Dalmazio Baldis, nella prefazione del volume, ha voluto inoltre ricordare che l’autore ha avuto ottimi rapporti con Monsignor Giuseppe Ferraris dal 1970 al 1993. Parole di merito devono essere dovute anche al curatore del libro, l’affermatissimo dottor Gabriele Ardizio, titolare dal 2007 di un Assegno di Ricerca presso il dipartimento di studi umanistici dell’Università del Piemonte Orientale, con il progetto “Il bacino inferiore del fiume Sesia, assetti territoriali fra la tarda antichità ed il Medio Evo”. In questo ambito Gabriele Ardizio si occupa in particolare dello sviluppo della rete irrigua artificiale vercellese nel Medio Evo e nel suo rapporto con le forme di sfruttamento dell’incolto. Ardizio è inoltre membro del progetto di ricerca storico-archeologica in atto dal 2006 sul Priorato cluniacense di Castelletto Cervo, in provincia di Biella. Tornando al volume di cui si parlava, composto da circa 470 pagine, è inoltre aggiunta in più, come allegato, una bellissima carta del corso del fiume Sesia negli anni Quaranta, nonché sono presenti varie foto storiche del periodo in questione.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it