VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
24 September 2017 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




Dettaglio News
04/09/2017 - Vercelli - Enti Locali

ACQUA PUBBLICA: NON SIAMO ANCORA ARRIVATI AL BIVIO DI QUINTO, ANZI NEPPURE PARTITI DA VERCELLI - Tutto rimandato al 2020, ma intanto si dovrà votare ( e prima leggere ) la Deliberazione dei sei Consiglieri -

Prima – dicono sempre gli Amministratori – si faranno studi per capire cosa voglia dire a livello economico la gestione del sistema acqua.


ACQUA PUBBLICA: NON SIAMO ANCORA ARRIVATI AL BIVIO DI QUINTO, ANZI NEPPURE PARTITI DA VERCELLI - Tutto rimandato al 2020, ma intanto si dovrà votare ( e prima leggere ) la Deliberazione dei sei Consiglieri -


( g. g. ) - Dopo la conferenza stampa intitolata “Acqua Trasparente” tenuta oggi – 4 settembre - dal Sindaco Maura Forte e dall’Assessore al Bilancio e Partecipate Andrea Coppo in Sala Giunta sul tema acqua pubblica, i dubbi restano tutti.

 

Ma – come si dice oggi – anche no.

 

Perché?

 

Perché, in fondo, si sono impegnati: lo scorporo di ramo d’azienda di Atena tutto pubblico (cioè con Iren fuori) contenente solo l’asset acqua (proprietà e gestione) lo faranno quelli che ci saranno a giugno 2020.

 

Perché in quel periodo?

 

Perché quello è ciò che stabiliscono i cosiddetti “patti parasociali”.

 

Guarda anche:

 

http://vercellioggi.it/dett_news.asp?id=74809

 

E prima – domanda il cronista – si farà qualche scorporo di ramo d’azienda?

 

Risposta all’unisono di Sindaco e Assessore: nessuno scorporo.

 

Quindi si può stare tranquilli che – è nel cuore degli attuali Amministratori – l’acqua sarà pubblica, ma nel 2020.

 

Prima – dicono sempre gli Amministratori – si faranno studi per capire cosa voglia dire a livello economico la gestione del sistema acqua.

 

Il cronista domanda: ma non c’è già il bilancio di Atena, poi i Revisori dei Conti, poi gli Advisor per sapere – in una spa che fattura oltre 100 milioni di euro l’anno – quanto pesa ciascuno dei “rami”, secondo centri di costo e cose tecniche che di solito sono monitorate almeno con cadenza trimestrale?

 

Sì – risposta – ma è meglio fare uno studio ben fatto perché non si può procedere “ a livello ideologico “.

 

Ahi – pensa il cronista – si comincia a distinguere.

 

Però ci teniamo i nostri dubbi perché le certezze dichiarate bastano.

 

La Giunta, l’Amministrazione di Maura Forte, vuole assolutamente che i futuri reggitori della Cosa Pubblica, arrivati, nel 2020, acquisiscano da parte del Comune di Vercelli il ramo d’azienda acqua.

 

Tutto pubblico.

 

E poi la gestione, tutta pubblica.

 

E si potrebbe andare a casa ( noi, ovviamente… tranquilli ), senonchè le cose si complicano quando il cronista domanda: ma allora non c’è nessun problema a che la proposta di Deliberazione consiliare presentata da Maria Pia Massa, Giorgio Comella, Donatella Capra, Giordano Tosi, Paolo Campominosi, Manuela Naso, passi con i voti di tutta la maggioranza.

 

E qui incominciano i guai perché il Sindaco dice, dapprima: non è argomento.

 

Insistiamo, e allora non trova di meglio che dire: non l’ho letta la delibera.

 

Come un bagnino d’antan si tuffa Coppo per un salvataggio necessario (se lo immagini il Lettore, non c’è tempo oggi per il fotomontaggio): no, io l’ho letta.

 

E allora si ricorda che qualcosa ha letto anche il Primo Cittadino, forse quando CinadaMare non si poteva fare in Piazza Cavour causa maltempo.

 

 

E certo che se il tasso di sincerità dell’insieme si misura da qui, andiamo bene.

 

***

 

Ma il punto è questo: se sono vere le cose dette in conferenza stampa da Maura Forte e da Andrea Coppo, poiché le loro tesi si sposano perfettamente con quelle della deliberazione proposta dai sei Consiglieri di Centrosinistra ( il cui testo, per comodità un po’ di tutti, a questo punto linkiamo, così almeno chi vuole lo legge ),



http://vercellioggi.it/dett_news.asp?titolo=L'ESTATE_PORTA_LA_POLITICA_CON_LA_'P'_MAIUSCOLA_-_Acqua_bene_comune_&id=74859&id_localita=2



la delibera dovrebbe passare tranquillamente “salvo qualche piccolo emendamento” ad esempio sulla tempistica di certi particolari, conferma Coppo.

 

Staremo a vedere.

 

Per il resto, cose note, compreso il luogo comune che l’acqua del nostro acquedotto si potrebbe imbottigliare “come la Lauretana” tanto è buona.

 

Il che è vero, intendiamoci.

 

Ma che l’acqua dell’Aasm si potesse imbottigliare lo sentiamo dire da quando Giorgio Gaietta era presidente dell’Azienda Municipalizzata e ne andava giustamente orgoglioso, accingendosi a promuoverne la trasformazione in Atena spa.

 

Ce lo disse – ricordiamo bene – mentre consumavamo un parco pranzo al bar della piscina Enal, a fine Anni Novanta.

 

Da allora in poi di acqua sotto i ponti – anzi, nell’acquedotto – ne è passata, ma le cose – per fortuna – non sono cambiate, né le idee per promuovere l’Azienda molto evolute.

 

Anche se – ricorda Maura Forte – dal 2003 c’è il Socio privato.

 

Quindi – lo ricordiamo noi, perché è doveroso – se siamo in questa situazione incresciosa lo si deve alla prima, la vera e più scellerata operazione decisa dalla Giunta di Gabriele Bagnasco.

 

Ora sarebbe d’uopo – tanto si va al 2020 – che questa Amministrazione si astenesse dal prendere impegni (poiché non li vuole) che leghino ulteriormente il Comune ad Iren e con il Comune le mani alle Amministrazioni a venire.

 

***

 

Comunque, per ora – avvalendoci ancora della metafora del Bivio di Quinto – non siamo al Bivio di Quinto.

 

Non siamo nemmeno partiti da Vercelli.

 

Ci saremo nel 2020.

 

Ma nemmeno si è imboccata una strada irrimediabilmente sbagliata.

 

 

E, tanto per cambiare, se così sarà, se i vercellesi potranno sperare che nulla sia compromesso definitivamente, lo si deve alla lungimiranza di Maria Pia Massa & Co. ed alla loro proposta di Deliberazione che il prossimo Consiglio Comunale, volere o volare, dovrà discutere e votare.

 

Perché se quella Deliberazione sarà comunque approvata, allora nel 2020 nessuno potrà più ciurlare nel manico, sempre che – e non vogliamo crederlo - adesso la tentazione di farlo fosse a qualcuno sovvenuta.

 

Leggi anche:

 

http://vercellioggi.it/dett_news.asp?id=74905

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
VercelliOggi.it - Network ©
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it