VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
lunedì 29 novembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it



29/01/2021 - Valsesia e Valsessera - Cronaca

"AZIONE" – Le considerazioni sulla realizzazione di una “Pista ciclabile sulla linea ferroviaria Novara-Varallo”

Non si sono registrate prese di posizione da parte di politici del territorio



"AZIONE" – Le considerazioni sulla realizzazione di una “Pista ciclabile sulla linea ferroviaria Novara-Varallo”

Nell’autunno 2013, con sommo dispiacere e proteste da parte dell’allora sindaco di Casale, il quale evocava analoghe decisioni per la Casale-Vercelli, apprendevamo che la “Novara-Varalloera salva grazie a Regione, Provincie e Comuni!. Venivano dimezzate ma ottimizzate le corse, integrandole con quelle dei bus di linea (eliminando i rami secchi); le provincie di No e VC avrebbero messo duecentomila euro a testa e i comuni venticinquemila euro per la “brandizzazione” delle carrozze. Le dichiarazioni entusiaste si sprecavano, dicendo che finalmente la Regione non era più un “bancomat” e, in attesa delle gare per la liberalizzazione delle linee, annullate dalla stessa regione Piemonte a novembre del 2010, gli Enti pubblici del territorio co-finanziavano il trasporto pubblico locale. 

Al successivo cambio al timone del Governo regionale del 2014, coloro i quali, brandendo i vessilli del territorio avevano esultato per tali successi, scendevano in Piazza Castello a Torino protestando contro la Regione Piemonte e l’assessore ai trasporti Francesco Balocco che aveva deciso di abolire le residue corse di cui sopra, stante l’insostenibilità economica di tale gestione.

Pochi anni dopo, maggio 2017 i muri della Valsesia e di Varallo (si votava per il rinnovo dell’amministrazione comunale) venivano tappezzati di manifesti con il volto del Sindaco Botta che rassicurava tutti rispetto al fatto che: “Il treno di linea Milano – Varallo SARA’ REALTA’per poi naturalmente ripiegare verso le meno impegnative, ancorché apprezzate e “non di linea” corse dei “treni storici per la Valsesia” trainati da locomotive a vapore della “Fondazione Fs Italiane”. 

Apprendiamo ora dai media che il Governo Regionale del Presidente Cirio e dell’assessore Gabusi, con buona pace del Sindaco di Varallo, assurto nel frattempo ai vertici della Provincia di Vercelli, vuole realizzare, al posto della ferrovia, una bella pista ciclabile e, al netto di alcune proteste assai tiepide dello stesso Botta, che vorrebbe rilanciare coi treni ad idrogeno, non registriamo prese di posizione da parte di politici del territorio (oggi seduti a Palazzo Lascaris a Torino) che nel 2014 e anni immediatamente successivi s’indignavano per decisioni analoghe assunte da amministratori di segno politico opposto al loro. 

Rispetto dunque all’indignazione a geometria variabile di alcuni, constatando comunque che gli stessi non hanno usurpato nulla ma sono stati legittimamente eletti con migliaia dei nostri voti, non possiamo far altro se non affermare, in attesa dell’avvento dei treni “ad idrogeno”, che evidentemente ci meritiamo la pista ciclabile. 

Gabriele Molinari Coordinatore Azione per la Provincia di Vercelli 

Gian Paolo De Dominici Responsabile Azione per la Valsesia 

Redazione di Vercelli

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it