VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
giovedì 2 luglio 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




28/01/2010

LA SCACCHIERA E LA GEOMETRIA




LA SCACCHIERA E LA GEOMETRIA
Campi del bianco e del nero - interpretazione



 (Attilio Tibaldeschi)


Dopo aver visto la disposizione del “campo di battaglia” e le file di case su cui i pezzi si muovono, la scacchiera riserva ancora cose interessanti dal punto di vista geometrico.


Spesso, nei commenti delle partite, si parla di occupazione o di controllo del “centro della scacchiera”; chi non pratica il nostro gioco, potrebbe essere disorientato perché, dopo aver cercato (e non trovato) una casa equidistante dai bordi, pensa che tale espressione si riferisca al centro geometrico, coincidente con un punto! In realtà, il centro è un insieme di quattro case che, se considerato un unico quadrato, risponde alle caratteristiche di equidistanza.


L’importanza del centro della scacchiera è dovuta al fatto che da esso alcuni pezzi hanno la loro massima potenza, cioè controllano il maggior numero di case possibile oppure da esso possono andare più in fretta verso le case più periferiche; ecco perché l’occupazione o il controllo del centro è vitale!


Tracciando un’ideale linea che divida orizzontalmente la scacchiera in due parti uguali ed i rettangoli ottenuti vengono indicati come campi: del Bianco e del Nero; se la linea ideale si traccia in verticale, i due rettangoli assumono il nome di lati: di Re e di Donna, così indicati perché in essi vi sono entrambi i monarchi oppure le loro potentissime mogli!


Volendo metterla sul …geografico, i campi vengono detti anche Nord e Sud, mentre con Est ed Ovest si possono indicare i lati.


Un altro quadrato importante è quello che si può costruire tracciando una linea in diagonale dalla casa in cui si trova un pedone fino ad una casa dell’ultima traversa del campo avversario; gli altri vertici del quadrato sono posti sulla verticale e sull’orizzontale del pedone.


Se il Re avversario non riesce ad entrare in quel quadrato, il fantaccino potrà arrivare ad essere promosso a generale!


Una curiosità per i ragazzi della Scuola Media: usando come unità di misura il “passo scacchistico”, la diagonale del quadrato, negli Scacchi è lunga come il lato, con buona pace per il Teorema di Pitagora!


Nei finali di partita, figure geometriche ideali servono per vedere subito le possibilità di promozione di un pedone: la colonna davanti al pedone e quelle adiacenti, sono formate da case dette critiche o efficaci e formano rettangoli – in sesta traversa, un quadrato – in cui si possono giocare i destini della partita.


Da non dimenticare, poi, i parallelogrammi tracciabili per vedere i percorsi che possono fare i Re quando restano solo con gli ultimi fedelissimi pedoni; queste figure geometriche si generano perché i movimenti del Re prevedono passi “dritti” e in diagonale.


Altre forme geometriche, fondamentali nella tecnica scacchistica, sono i triangoli i Re possono percorrere in tre mosse, ritornando alla casa da cui erano partiti; in questo caso, si parla di triangolazione e con essa un Re può “passare la mossa” al suo avversario ottenendo una posizione di vantaggio prima non raggiungibile.


Tra le figure geometriche irregolari più note, vi sono gli gnomoni (insiemi di case che costituiscono un quadrato cui manca una casa di vertice), figure ideali che delimitano un’area in cui deve trovarsi un Re – accompagnato dalla sua Regina – per vincere contro l’avversario che difende un pedone ad un passo dalla promozione.


Altre figure irregolari, infine, hanno contorni ancor più capricciosi e costituiscono aree in cui i vari pezzi hanno le azioni più disparate, ma qui siamo quasi nel campo dei rompicapo!


Si tenga presente che tutti questi riferimenti geometrici devono essere intesi da un punto di vista scacchistico, per cui la scacchiera, pur essendo un quadrato, quando si gioca a Scacchi diventa asimmetrica! Ecco un’altra ragione che rende affascinanti gli Scacchi!

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it