VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
giovedì 9 luglio 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it



14/07/2011

UN TORNEO …FATTO IN CASA

Detto così, potrebbe sembrare la notizia dell’impegno di una Società sportiva qualsiasi che organizza (meglio se con l’aiuto di uno sponsor!) un Torneo ospitando nelle sue strutture Squadre e/o atleti di altre Società.





UN TORNEO …FATTO IN CASA

(Attilio Tibaldeschi) Detto così, potrebbe sembrare la notizia dell’impegno di una Società sportiva qualsiasi che organizza (meglio se con l’aiuto di uno sponsor!) un Torneo ospitando nelle sue strutture Squadre e/o atleti di altre Società.



Da qualche tempo, però, ricorrendo ai sistemi odierni di comunicazione, negli Scacchi si possono organizzare dei Tornei a distanza, che vedono partecipare i concorrenti comodamente seduti a casa propria!


Per gli Scacchi non è una novità visto che sono quasi due secoli che si può giocare per corrispondenza; per curiosità, la prima partita del genere che si conosca fu giocata tra il 1824 ed il 1826 tra i Circoli di Londra ed Edimburgo vinta dagli Scozzesi (forse perché non era ancora stato inventato il francobollo?).


Il gioco per corrispondenza ha una dimensione mondiale con propri Campionati e categorie di Giocatori; per ragioni intuibili, i Tornei ed i Campionati hanno uno svolgimento temporale che va da qualche mese ad alcuni anni.


Naturalmente, per ovviare alla lentezza del servizio postale, ogni Giocatore viene impegnato, nello stesso periodo, contro numerosi avversari.


Le occasioni di gioco, poi, si sono dilatate quando si è diffusa la posta elettronica.


In realtà, con lo sviluppo delle telecomunicazioni, già in altri tempi erano stati possibili incontri, ad esempio, tra New York e Sidney oppure tra due Campioni distanti migliaia di chilometri; la cosa, però, rivestiva un carattere eccezionale che saliva agli onori della cronaca.


Con l’uso della Rete, oggi è possibile seguire Tornei che si disputano in diverse parti del Mondo oppure essere protagonisti di uno dei tanti che vengono banditi sempre più spesso.


Proprio uno di questi si è concluso in questi giorni ed ha coinvolto i/le partecipanti ai Corsi della “Scuola Regionale di Scacchi”.


Nata per andare alla ricerca di nuovi talenti, la Scuola ha coinvolto circa 700 persone tra Giocatori ed Istruttori che sono stati impegnati nei Corsi suddivisi in due livelli: uno pre-agonistico ed uno agonistico; in entrambi i casi si richiedeva, oltre alla frequenza, la partecipazione a Tornei a loro dedicati.


Il Circolo Scacchistico Vercellese ha avuto il ruolo di referente per la nostra Provincia ed i risultati sono stati soddisfacenti visto che sono stati coinvolti, in un Corso di 1° livello, una trentina di ragazzi/e.


La grossa novità si è avuta col Torneo via web che ha radunato 75 giovani scacchisti piemontesi che si sono dati battaglia utilizzando la piattaforma www.scacchiedu.it; su di essa, oltre allo svolgimento delle singole partite, si poteva “chattare” con l’avversario/a, con altri giocatori e con gli Istruttori.


Dopo le prime difficoltà dovute all’inesperienza, alle differenze dei browser usati, alle invitabili disfunzioni, il Torneo si è svolto con grande soddisfazione di tutti che, vincitori o sconfitti, in gran parte hanno dimostrato rincrescimento per aver concluso “…troppo presto” il Torneo; come spesso capita tra giovani, sono nate nuove amicizie una volta impensabili se non c’era la conoscenza diretta.


E’ interessante sottolineare che qualcuno dei giocatori ha dovuto perdere una partita perché messo in punizione dalla Famiglia! Siamo del tutto in accordo coi Genitori che, come tutti gli allenatori che si rispettino, hanno voluto “mandare in panchina” chi non dimostrava di essere disciplinato anche al di fuori degli Scacchi.


Pur avendo un valore relativo, la classifica finale ha visto l’ottimo risultato dei giovanissimi di Vallemosso che hanno occupato tre dei primi quattro posti, compreso il gradino più alto, ed il primo nella graduatoria per Società.


In questa classifica, dopo la Scacchistica Torinese, i nostri ragazzi hanno ottenuto un ottimo terzo posto che fa ben sperare per i prossimi impegni; in verità, la loro partenza ci aveva un po’ illusi, ma in seguito, stabilizzatisi i rapporti di forza, hanno mantenuto costante la loro marcia.


Essendo previste cinque categorie di età – sotto i 16, 14, 12, 10 e 8 anni, sia per maschi che per femmine –, medaglia di bronzo per Marco Sgaggero (U14) e Marianna Carena (U12).


Un bravo anche ai nostri Istruttori Mario Caldi e Gianni Zannoni, con quest’ultimo che ha portato il peso maggiore nel suo ruolo di referente provinciale.


Molti di questi ragazzi piemontesi stanno disputando, a Porretta Terme (BO), i Campionati Italiani al di sotto dei 16 anni suddivisi in 5 categorie d’età sia maschili che femminili: l’unica rappresentante della nostra Provincia è Aurora Bongianino (U 12F) per la quale facciamo il tifo più appassionato.


Quasi in chiusura della stagione scacchistica riservata agli studenti, cominciamo già a gettare le basi per il prossimo Anno Scolastico: a giorni invieremo alle Scuole l’invito ad aderire al Progetto Scacchi a Scuola 2011 al quale si accompagnerà quello per i prossimi Corsi della “Scuola di Scacchi”.


Vercelli saprà svegliarsi dal torpore?


 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it