VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
sabato 31 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




04/09/2020 - Vercelli Città - Cronaca

L'AZZARDO DEI PALLET: IN ESCLUSIVA, INTEGRALI, GLI ATTI DELLA CONFERENZA DEI SERVIZI - Punto per punto le criticità di un progetto che pone al (solito) bivio - Si può essere amici di Iren e, anche, amici di Vercelli?

Ricordiamo che la Conferenza dei Servizi è l’Organismo Tecnico multidisciplinare che vede riuniti attorno ad uno stesso “tavolo” tutti gli Esperti degli Enti che hanno voce in capitolo per valutare il cosiddetto “impatto ambientale”






L'AZZARDO DEI PALLET: IN ESCLUSIVA, INTEGRALI, GLI ATTI DELLA CONFERENZA DEI SERVIZI - Punto per punto le criticità di un progetto che pone al (solito) bivio - Si può essere amici di Iren e, anche, amici di Vercelli?

Trucioli, i cittadini di Vercelli e dei comuni limitrofi (Asigliano, Desana, Lignana) e, più in generale, il territorio sono sotto scacco, ma non tutto è perduto.

Ma andiamo con ordine.

***

VercelliOggi.it è in grado di mettere a disposizione, (incominciando oggi dal verbale di 22 pagine che in jpg è al termine di queste righe)  tutti i documenti fino ad ora prodotti ed esaminati in sede di Conferenza dei Servizi in ordine all’esame del progettato impianto per la produzione di pallets ottenuti dalla triturazione di legnami di scarto intrisi di formaldeide.

***

Ricordiamo che la Conferenza dei Servizi è l’Organismo Tecnico multidisciplinare che vede riuniti attorno ad uno stesso “tavolo” (anche se, in questo caso, “virtuale” causa Covid) tutti gli Esperti degli Enti che hanno voce in capitolo per valutare il cosiddetto “impatto ambientale” di ogni nuova industria si intenda collocare in un territorio.

Si riunisce presso la Provincia, coordinata e presieduta dal Dirigente competente per il Settore Ambiente di Via San Cristoforo, Piero Vantaggiato.

***

Il presentatore del progetto è, come sappiamo, Atena Asm Vercelli spa, cioè lo stesso Comune di Vercelli.

Palazzo Civico è (ancora: ma fino a quando?) socio della multiutility di Corso Palestro.

Quando si dice “Comune” si intende, evidentemente, che sono, per interposta persona, tutti i cittadini di Vercelli ad essere Soci di Asm spa.

***

L’altro Socio, quello di maggioranza, al 60 per cento, è Iren.

Ma, con il suo 40 per cento, il Comune potrebbe bloccare un’iniziativa che interessa soltanto ad Iren.

Come può bloccarla, se è socio di minoranza?

Può farlo per effetto delle particolari e specifiche previsioni, sia dello Statuto sociale, sia dei cosiddetti “patti parasociali” sottoscritti tra Iren e Comune.

Che, sostanzialmente, assegnano al Socio di minoranza il potere di veto per quelle iniziative di straordinaria amministrazione particolarmente rilevanti dal punto di vista soprattutto degli investimenti, dell’impatto economico ed organizzativo sulla Società.

E qui ci siamo in pieno: la fabbrica dei “trucioli” costerebbe 40 milioni di euro, il 40 per cento dei quali sono capitale comunale.

***

Al di là delle pur fondamentali preoccupazioni ambientali, resta il fatto che Iren, per fare i propri comodi, usa Asm Vercelli, cioè scarica il 40 per cento degli oneri sul socio – Comune.

Comune che, ovviamente, a suo tempo non costituì Atena per giocare a fare l’industriale del rifiuto.

Costituì prima Aasm e poi Atena per dare servizi alla gente, ai propri cittadini, possibilmente al prezzo più basso, pagati i costi.

***

Gli amici di Iren che si annidassero in Comune dovrebberno uscire allo scoperto o essere smascherati.

Se Andrea Corsaro vuole, può bloccare il progetto dei pallets.

Se non lo blocca è perché è d’accordo.

Nessuno creda, ragionevolmente, di nascondersi dietro al dito della posizione di minoranza societaria: eh, ormai siamo in minoranza per colpa della Forte, quelli di Iren fanno ciò che vogliono.

No: sono cose distinte.

Siamo in minoranza, dopo il 17 dicembre 2015, è vero, ma se noi non vogliamo l’impianto dei pallets, Iren non lo può fare.

Su questo non ci possono essere equivoci, né fraintendimenti.

Si può essere amici di Iren e, anche, amici di Vercelli e dei vercellesi?

Se qualcuno può dimostrare che le cose si possono conciliare, lieti di ospitarne il pensiero.

Per ora, si è sempre riscontrato il contrario, come per Arlecchino: non si può essere servi di due padroni.

E il padrone che il Comune deve servire è la gente, i propri cittadini amministrati.

***

PROGETTO PIENO DI CRITICITA’ ANCHE

DAL PUNTO DI VISTA DELL’EQUILIBRIO ENERGETICO


Questo progetto ha dato fiato alle trombe di chi parla (a vanvera) di ecosostenibilità ed economia circolare.

Parole – rapportate alla fabbrica dei pallets – prive di significato, parole d’ordine di truppe agli ordini dei Generali che stanno a Torino in Corso Svizzera.

E’ noto

– leggi qui l’articolo che ne parla -


che il complesso – a detta degli stessi presentatoriconsuma ogni anno tanta acqua come quella che potrebbero contenere 40 piscine Enal e brucia 7 milioni di metri cubi di metano.

E’ questa l’economia circolare?

Il rispetto dell’equilibrio ambientale dove sta?

***

Come si leggerà in questi atti, Vercelli diventerebbe una grande discarica dove Iren porterebbe, per questo invasivo processo di lavorazione, gli scarti legnosi che raccoglie in tutta la Pianura Padana, circa 110 mila tonnellate l’anno.

Per arrivare e, poi, partire da qui i legnami di scarto e – dopo la trasformazione -  i pallets richiedono l’impiego di 6 mila passaggi di camion.

Altre emissioni, altro carico di traffico pesante in un quadrante della città che già sopporta quello di Amazon e di Novacoop e di tutta la logistica che sta attorno.

***

Ora leggiamo gli Atti della Conferenza dei Servizi: come abbiamo detto, partiamo oggi dal Verbale redatto in occasione della riunione del 6 agosto scorso della Conferenza dei servizi.


***

Poi, nei prossimi giorni in altro articolo, il documento che è fondamentale, per capire l’impegno profuso nell’esame del progetto da parte dei Tecnici dell’Arpa.

Un pool di Studiosi cui la comunità vercellese deve molto: non hanno trascurato nulla e, se si ha pazienza di scorrere tutte le 52 pagine, si vede con chiarezza che gli amici di Iren acquattati come pesci siluro sul fondo dello stagno di Palazzo Civico, si stanno assumendo una responsabilità inedita, inconferente, non espressamente prevista dallo Scopo Sociale e certamente lontana, se non incompatibile, con la “mission” dell’Ente Pubblico.

Una responsabiltà grave, gravida di rischi per la salute dei nostri figli, scevra di ogni reale opportunità occupazionale, assolutamente inidonea a determinare qualsiasi vantaggio, anche economico, per il Comune.

Per completezza di esposizione riporteremo anche il parere espresso dagli Uffici Tecnici del Comune di Vercelli.

E non possiamo andarne fieri.

***

Ma la parola ora passa alla politica.

Non perché la politica possa sostituirsi ai Tecnici.

Bensì perché è la politica che può determinare un diverso e più consapevole e finalmente chiaro atteggiamento del Comune.

In tanti si attendono che il Comune dica al proprio “socio” ancora sopportato nel sempre più pericoloso patto leonino: no, cara Iren, questa cosa il Comune di Vercelli – e quindi Asm spa – non la fa.

Il Comune non deve e non può sostituirsi ai Tecnici (che, peraltro, almeno per quanto riguarda Arpa parlano già chiaro), ma deve fare il Socio intransigente all’interno di Asm Vercelli SpA.

Se vuoi te la fai tu, eventualmente da un’altra parte.

Hanno passato tutta la campagna elettorale a dire che avrebbero trattato con Iren tenendo la schiena diritta.

In tanti ora si attendono che tengano la schiena diritta e, insieme, non calino le brache.

***

Ne riparleremo certamente a breve, dando conto delle iniziative del Comitato di cittadini che si è costituito per dire "no" a questo progetto.

TAGS:

Vercelli

Varallo Sesia

Borgosesia

Gattinara

Valsesia

Trino

Crescentino

Santhià

Provincia di Vercelli

Guido Gabotto


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it