VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
14 Novembre 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




31/03/2015 - Vercelli - Cronaca

CASO "SANTAGOSTINO TER", COINVOLTO ANCHE UN ALTO UFFICIALE DELLA GUARDIA DI FINANZA - Il Colonnello Giuliano Formica e la consorte Antonietta Barbieri accusati di calunnia in concorso con il Medico - Lettera anonima contro Gallo

Per i quattro interessati – che avranno, peraltro, come è forse superfluo ricordare, tutte le possibilità per dimostrare la propria estraneità agli addebiti nelle varie fasi dell’iter giudiziario – più che un venticello, la calunnia potrebbe così diventare un boomerang.





CASO "SANTAGOSTINO TER", COINVOLTO ANCHE UN ALTO UFFICIALE DELLA GUARDIA DI FINANZA - Il Colonnello Giuliano Formica e la consorte Antonietta Barbieri accusati di calunnia in concorso con il Medico - Lettera anonima contro Gallo
Federico Gallo, Andrea Corsaro, Antonietta Barbieri

Il caso “Santagostino – Ter” si colora di giallo e coinvolge esponenti di rango delle Forze dell’Ordine.

Anche esponenti che – a richiesta di conoscere quale sia ora il loro incarico – preferiscono dire: non posso rispondere.

Raggiungiamo al telefono il Colonnello Giuliano Formica, questo pomeriggio attorno alle 14,30 e gentilmente l’Ufficiale superiore acconsente ad entrare in argomento.

Ci risulta – esordiamo – che lei sia coinvolto in un procedimento per calunnia, in concorso con altri.

Formica non nega, pur asserendo una sua sostanziale estraneità ai fatti oggetto di addebito.

Ma andiamo con ordine.

Con ordine e stando rigorosamente ai fatti, anche se – per una volta – non sarebbe fuori luogo svolgere una riflessione di contesto che rilevi, per esempio, la situazione di oggettiva crisi ambientale determinatasi per molti mesi all’interno dell’Asl di Vercelli.

Nella quale il Direttore Generale Federico Gallo deve – a partire dalla fine del 2013, quel mese di novembre che lo vide “andare sotto” alla Conferenza dei Sindaci –

Guarda anche: http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=52191

cercare di lavorare sopravvivendo anche ad un ambiente reso oggettivamente difficile da fattori del tutto extra professionali.

Non extra aziendali, peraltro. 

E' ben vero che - a voler guardare le cose “laicamente” -  nelle strutture complesse da sempre possono essere attive “cordate” rappresentative di modi di pensare, visioni aziendali, condivisione di obbiettivi, interessi leciti che  costituiscono, in tutto il Mondo progredito, una  cifra distintiva di ambienti nei quali siano in gioco elevate, se non elevatissime, professionalità e interessi materiali consistenti.

Requisiti entrambi ovviamente non estranei ad una azienda come può essere una Asl.

E’ così possibile che talora le cordate “esondino” da quella dimensione concreta e forse edonisticamente “spregiudicata”, quanto a suo modo “naturale” e comunque lecita, per cedere a comportamenti border line.

E talvolta anche “oltre” la linea di confine superata la quale deve intervenire la Magistratura.

***

Per Federico Gallo il “Caso Santagostino uno”, quello a proposito del quale ancora non ci sono elementi conclusivi, in breve diventa un letto di Procuste.

Si ricorderà il caso della  Ordinanza del Giudice Ordinario che riforma una decisione adottata dal Giudice del Lavoro a carico dell’Oncologo, che può quindi, ad inizio 2014, tornare a dirigere la Struttura “Semplice”.

Guarda anche:

http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=53854

http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=54546

http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=54323

http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=52409

http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=52453

http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=54638


Passano pochi mesi dal reintegro dell'Oncologo nell'incarico e, come abbiamo scritto nell’articolo di ieri, il “Caso Santagostino Bis” diventa parte del fascicolo 3.550/ 14 RG Notizie di Reato

Guarda anche: http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?titolo=ALBERTO_SANTAGOSTINO_equot;ACCETTAVA__&id_localita=2

                                                                                ***

Ora il caso “Ter”, che si riferisce ad un altro fascicolo penale divenuto d’attualità in questi giorni e che circoscrive il profilo del Direttore Generale come vittima di calunnie.

Se la calunnia può essere “un venticello” nell’Opera lirica di Gioacchino Rossini, “Il Barbiere di Siviglia”, sembra invece un sibilo insistente, insinuante, insidioso, nella mente – questa è la tesi dell’accusa - di Alberto Santagostino e di altri.

Tra i quali Antonietta Barbieri (compagna di vita di Formica) che è dipendente dell’Asl di Vercelli con compiti di elevata responsabilità (Dirigente Asl di I Fascia, incaricata della “Qualità e appropriatezza prescrittiva”): insomma, una figura della quale l’alta dirigenza dell’Asl deve potersi fidare ad occhi chiusi.

Coinvolto – ma come mero “postino” del gruppo nell’imbucare lettere anonime – tal Flavio Brusa.

***

Quali sono i fatti contestati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vercelli?

Si possono così riepilogare attraverso gli Atti.

Innanzitutto, le persone coinvolte che, appunto, sono Alberto Santagostino (classe 1961, residente a Groppello Cairoli, difeso dagli Avvocari di fiducia Aldo Casalini ed Andrea Corsaro); Antonietta Barbieri, classe 1967, residente a Vercelli), Giuliano Formica (classe 1962, residente a Vercelli, ovviamente allo stesso indirizzo della Barbieri) ed infine Flavio Brusa (1963, con dimicilio dichiarato a Confienza).

La tesi della Pubblica Accusa è chiara.

Il reato contestato è il 368 del Codice Penale (oltre all’art.110, che si riferisce all’ipotesi di reato commessa “in concorso” tra più persone)

 Articolo 368. Calunnia.

Chiunque, con denunzia, querela, richiesta o istanza, anche se anonima o sotto falso nome, diretta all’Autorità giudiziaria o ad altra Autorità che a quella abbia obbligo di riferirne, incolpa di un reato taluno che egli sa innocente, ovvero simula a carico di lui le tracce di un reato, è punito con la reclusione da due a sei anni.

La pena è aumentata se s’incolpa taluno di un reato pel quale la legge stabilisce la pena della reclusione superiore nel massimo a dieci anni, o un’altra pena più grave (…)”.

                                                                                                                            ***

I fatti contestati sono così riassunti:” in concorso tra loro la BARBIERI, il FORMICA ed il SANTAGOSTINO quali ideatori e materiali redattori della missiva ed il BRUSA quale incaricato della sua spedizione a mezzo raccomandata, inviando la lettera anonima pervenuta presso questa Procura della Repubblica in data 25.9.2014, incolpavano falsamente GALLO Federico, Direttore generale dell’Ospedale S.Andrea di Vercelli, del compimento di più delitti (…) ciò anche grazie all’appoggio a lui garantito dalla sua vicinanza alla magistratura vercellese”.

Non occorre essere degli 007 per comprendere subito che l’accenno (la lettera è inviata anche all’Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte) “ in cauda venenum  alla presunta “vicinanza alla magistratura vercellese” di Federico Gallo potrebbe insinuare nel Lettore tanti dubbi.

Ma la Procura di Vercelli – evidentemente – non apprezza nè tantomeno si lascia impressionare da tanta fantasia ed in breve arriva ad accertare i fatti.

Per i quattro interessati – che avranno, peraltro, come è forse superfluo ricordare, tutte le possibilità per dimostrare la propria estraneità agli addebiti nelle varie fasi dell’iter giudiziario – più che un venticello, la calunnia potrebbe così diventare un boomerang.

Come quando, in barca, si getta la spazzatura controvento.

 

 

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

giuliano formica

federico gallo asl vercelli

Antonietta antonella barbieri

alberto santagostino

flavio brusa

vercelli

asl


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it